Negozi leggendari che fanno vergognare i residenti di Larissa: Club Politia, il bar privato San Lorenzo, il ristorante Adonis e la discoteca di Afrodite

Lo scorso giovedì pomeriggio, abbiamo incontrato Thomas (Maki) Dumas al negozio Douma all’angolo tra Ionos Dragumi e Buffalo Milla, dove mi aspetta con vino bianco e un piatto di salumi prodotti dalla sua fattoria mentre porta il suo sigaro.

Siamo seduti in un angolo del bar di questo posto che mi fa sempre pensare di essere fuori Larissa e da qualche parte qui c’è il mio progetto per un’intervista – il tributo al leggendario ين crolla a Larissa.

“Per spiegare come è stata creata l’idea dello stato, dobbiamo andare molto indietro, all’inizio … per capire il mio errore egoistico causato dalla mia avversione per la copia poco interessante e il furto”, mi ha detto e al momento io ha cercato di persuadere a concentrarsi sul 1993 quando lo stato ha aperto, è uscito dal negozio e le ha gridato. Per presentarmi alla signora Ilene Lazopoulou, la cugina di Lacis Lazopoulos … “Ilene è la donna da cui ho affittato il proprietà a Farsalon per l’apertura del primo club estivo a San Lorenzo in Larissa dopo Mytilene e Thassos! Hai visto che tutto era collegato come ti ho detto? “Così mi sono arreso per il potere dei tempi e ho lasciato che McKees Dumas mi spiegasse come decide di occuparsi delle botteghe notturne e di abbinarle alla produzione di bestiame e salumi biologici dell’azienda agricola Douma.

Adone A Ternavus, Il ristorante discoteca di Afrodite Al profeta Elias Ternavo, San Lorenzo A Mitilene e Taso, il bar privato San Lorenzo a Comodoro, San Lorenzo Club Farsalon Street stato Club In Kalythias Street, accanto al fiume. Un viaggio che inizia nel 1976 e si conclude nel 1998, quando Makis Dumas si ritira a Megalo Eleftherochori nel comune di Elassona e nella sua fattoria, dove alleva bisonti americani.

Intervista a Evi Botsaropoulou

Tutto iniziò nel 1973, quando McKis Dumas prestò il servizio militare a Ternavus, dove c’era una fabbrica dell’esercito dove mandavano gli indesiderati, e si rese conto che la vita sociale e ricreativa era limitata ai caffè, una pasticceria e la famosa strada del 1000 metri, dove i giovani camminavano su e giù, davanti a Girls e dietro di loro i ragazzi che gettavano semi sulle ragazze che li amavano … come una passerella.

READ  Sophia Korma, leader dello spettacolo del 25 marzo - Start Media Corfu TV

“Ho notato che non c’era un negozio per tutti quando sono andati in città. A quel tempo si stava costruendo il mio primo condominio a Ternavus e ho deciso di fare un bar al primo piano, una decisione che è stata , ovviamente, inizialmente interpretato male, poiché molti pensavano che sarebbe diventato un nightclub. Ce l’ha fatta ed è ora di ottenere la licenza dalla polizia. Ho incontrato un poliziotto a Salonicco, mi ha detto che è vietato aprire un bar a l’area, che serviva da esilio per i prigionieri politici. Andrò avanti e gli dirò, ho scolato il vestito di mia madre per trovare soldi στιγμστιγ qualche volta veniva al negozio dove si faceva il Lavoro, si guardava intorno e mi diceva che stava andando per darmi una licenza non per un pub, ma per una pasticceria. Adone Su cui ho lavorato per diversi anni con il mio partner e poi l’abbiamo venduto. Ho lavorato come cameriere e lui è un cameriere e ci siamo sposati con metà di Ternavus … ”

Segue il ristorante discoteca alla fine degli anni ’70 Afrodite Al profeta Elias Ternavus, che era basato su un’idea 9 + 9 Zouganelis ad Atene, che era allora una nuova proposta adottata da politici e eminenti ateniesi. “Questa è stata l’unica volta che l’idea è stata rubata με Avevamo uno chef greco-inglese e servivamo cucina francese. Era un negozio molto elegante e speciale che attirava sia Larissa che la Tessaglia in generale. Takis Dimitracopoulos veniva ogni giorno da Eleftheria. Persone Mangiavamo e ballavamo discoteca e tango.Per i mariti a quel tempo, prendevamo mezz’ora di pausa nel programma per guadagnare tempo e creare le condizioni affinché un ragazzo si avvicinasse a una ragazza.

READ  Samsung sta migliorando le funzioni di controllo vocale sui suoi Smart TV - Samsung International Newsroom

Questo è quello che ho sempre voluto presentare ai miei negozi; Connettività, gioco visivo. Volevo creare luoghi che mettessero in risalto tutto ciò che la Grecia amava per il turismo, il cielo e il mare, e ho deciso di fare negozi estivi sulle isole. La mia idea originale era Corfù, ma a un certo punto ho visto una foto di Molifo a Mitilene e sono rimasto ipnotizzato …

È così che è iniziato San Lorenzo, Prima a Mitilene e poi nei Pitagorici di Samo, che lavorarono per circa dieci anni. Erano grandi luoghi di intrattenimento all’aperto, sempre di forma compatta e livellati in modo che il campo della comunicazione visiva potesse esistere e l’energia delle persone potesse essere concentrata in un certo campo centrale. Molti all’epoca dissero che San Lorenzo cambiò il modo in cui l’intrattenimento estivo in Grecia. Dopotutto, fino ad allora non c’erano discoteche interamente all’aperto. E questo, credo, sia stato il loro successo. E le grandi feste di cui hanno scritto molti giornalisti stranieri … C’è sempre stata una filosofia dietro i festival, dove l’arredamento del negozio è stato completamente cambiato e abbiamo usato i costumi; Salomè danza E il Notte romana Ad esempio, abbiamo cucito 200 abiti “.

Con il progredire degli anni ’80, Makis Dumas vendette Ternavus, dove il “protettore in me” si svegliò, come diceva di solito. Fu allora che le sue figlie erano giovani e decise di allevarle a Larissa e di organizzare allevamenti di animali che stava importando dall’estero. “Ho dato tutte le mie energie al pastore ero sempre dentro, ma quando scendeva la notte qualcosa mi mangiava sempre e così ho deciso di aprire Nastro speciale San Lorenzo A Comondoro, che operava fino al 1986 … ”

READ  Nuove misure severe per il Coronavirus in Italia - Notizie - Notizie

Era un piccolo bar con telecamere, dove si poteva entrare, e il campanello suonò e la ragazza incaricata della porta li guardò dallo schermo e l’aprì. Il negozio era bianco con dettagli rossi e il tappeto aveva grandi cuscini davanti al caminetto. Jazz, rithmi, blues e soft rock … c’era un luogo di riposo per molti larisan che sono tornati dopo i loro studi in Italia e il loro concetto era basato su whisky e patate cotti sui fornelli … “Stavo tornando un giorno da un viaggio all’estero e vedendo davanti al negozio muli carichi di sacchetti di patate. Il proprietario, che veniva da Livadi Alasuna, era sconvolto e deluso di non aver venduto nessuno dei suoi prodotti. Gli dico di sbarazzarsi delle borse così gli animali possono riposare, io comprerò tutte le patate e quindi è stato dimostrato che serviamo patate al forno tutte le sere.

Dopo tutto questo, era giunto il momento di trasferire il concetto delle Isole estive di San Lorenzo di Larissa e Farsallon Street nella tenuta di Ilene Lazopolo. Era un club tutto bianco che poteva ospitare circa 600 persone, in un anfiteatro e su livelli a forma di isola con 4 enormi colonne all’ingresso, da cui venivano accese le fiaccole. “La gente veniva da tutta la Tessaglia, principalmente da Voloti, per diverse notti le persone non si sono acclimatate e hanno ballato nello spazio naturale fuori dall’ingresso del negozio.

Ha capito che questo concetto sarebbe stato imitato da altri imprenditori, come è successo. Dopo due stagioni ho deciso di chiuderla e di creare un negozio che nessuno potesse copiare. Così lo Stato ha commesso, il mio primo errore commerciale, per puro egoismo …

Segui lei onlarissa.gr su Google News E sii il primo a conoscere tutte le novità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *