Sono venuti per studiare e … sono rimasti bloccati a Salonicco (immagine)

In mezzo alla pandemia, Maz, Nick, Leo e Nicholas, provenienti da diverse parti del mondo, hanno scelto Salonicco per studiare, ma anche per trascorrere un periodo di quarantena senza precedenti …

Sapevano poco della città e della Grecia in generale, tuttavia, parlando con APE-MPE, hanno espresso il desiderio di vivere qui, se ne avesse l’opportunità, per molti altri anni! La combinazione di Oriente e Occidente, le persone, ma anche lo standard eccellente, affermano, è ciò che è valso loro per la prima volta durante i sei mesi trascorsi nel paese.

Gli studenti dei corsi di laurea in lingua inglese del Dipartimento di giornalismo e cinema dell’Università Aristotele di Salonicco, Maze delle Barbados, Nick di Johannesburg, Liu di Verona e Nicholas del Connecticut possono frequentare i loro corsi per tutto questo tempo dai loro paesi d’origine. Tuttavia, Salonicco – dove sono arrivati ​​lo scorso settembre, tra i blocchi – li ha “tenuti” qui.

“Per me è importante avere l’opportunità di incontrare altri studenti di paesi diversi e imparare una nuova cultura”, spiega Liu, aggiungendo che, nonostante “la sensazione in Italia che la Grecia non appartenga a paesi sviluppati, vivo qui. Qualcosa di completamente diverso “. ‘Un paese culturalmente ricco’.

Al contrario, Nicola è venuto in Grecia per il suo ricco patrimonio culturale, che ha appreso principalmente attraverso i suoi studi di filosofia nella sua terra natale. “Per me, Salonicco è stata una piacevole sorpresa. Spero di trascorrere il resto della mia vita imparando la cultura greca. In ogni caso, ci vorrà molto tempo per imparare il greco perfettamente”, afferma la studentessa laureata di APE-MPE nel dipartimento di cinema .

READ  Mitsotakis: L'intrattenimento notturno sarà probabilmente chiuso fino a Pasqua - Notizie - Notizie

“Molto felice” di essere stato scelto e fortunato di essere a Salonicco, dice Maz dalle Barbados. Dopo aver conseguito una laurea in fotografia in Cina, stava cercando un corso di laurea in lingua inglese in giornalismo in Europa e AUTh è stato il primo programma che aveva trovato. “Vorrei restare qui per almeno alcuni anni.” “Salonicco è una città divertente, colorata, con gente simpatica”, conferma e afferma di ammirare il numero di persone che parlano un buon inglese. “Non me lo aspettavo comunicare con le persone deve essere così facile “, dice Leo. A parte quanto sono ricettive le persone qui.” Non sentirti mai un estraneo. “Ci sarà sempre qualcuno che ti chiamerà e ti aiuterà se non capisci qualcosa”, conferma.

Tutto ciò che Nick di Johannesburg sa di Salonicco è che era in Grecia e che qui c’è un buon master in giornalismo. Nonostante l’epidemia e le restrizioni che ha portato alla vita sociale, trova interessante il modo in cui le persone comunicano qui. Ha scoperto che i greci sono come i sudafricani nel loro amore per la vita. “È comune in entrambe le culture che ci godiamo la grandiosità della vita. Non deve essere tutto ordinato, tutto bianco o nero. Dice:” E lo adoro “. Lei ama in particolare la spiaggia di Thessaloniki, il suo passato multiculturale, che si riflette in luoghi diversi, ma allo stesso tempo in una città moderna, e sottolinea che “la città è interessante perché è veramente brutta in alcune parti e in altri è davvero bella”.

Obbediscono alle procedure, ma perdono il viaggio

Nonostante la loro mancanza di divertimento fuori casa, essi stessi si attengono alle procedure, dicono. Liu, che ha subito la prima grave ondata di epidemia nella sua città natale, Verona – una delle regioni più colpite – non ha voluto trascorrere un altro anno in isolamento, ma obbedisce a misure per frenare la diffusione del coronavirus. Nicholas ha anche annunciato il rispetto delle regole, rilevando che le procedure in Europa sono “più rigorose” e che una cosa del genere non può essere fatta negli Stati Uniti.

READ  Il vino francese bussa alle porte in Italia!

Tuttavia, non vedono l’ora di poter viaggiare di nuovo. “Hai la possibilità di viaggiare”, dice Maz, che vuole visitare Atene e le isole. Nick è già venuto in Grecia per una breve vacanza, ma in questo viaggio cerca (e) le sue radici: suo nonno e sua nonna, da parte di madre, erano di Dimitsana e Kalamata, e partirono per il Sud Africa, dove si erano conosciuti. negli anni ’50. Ecco perché, una volta che ha il permesso di viaggiare, vuole prendere un treno e conoscere la campagna greca. Sottolinea “sentirsi a casa”.

Amici e parenti pensano al quadro turistico della Grecia di Nicholas e credono che trascorra la sua giornata sulle spiagge e nuotando nelle acque cristalline. “Non sto rovinando tutto per loro. È divertente.” Sono felice di essere qui, ma la verità è che voglio davvero conoscere anche questa parte della Grecia “, osserva in modo univoco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *