Mostra del Museo d’arte delle Cicladi “Archeologia e filosofia ebraica”

Una mostra originale, moderna e unica, e per la prima volta vengono mostrate al pubblico le opere del gruppo di beneficenza di Thanassis e Marina Martineau, i visitatori del Museo di Arte Cicladica avranno l’opportunità di godersi la giornata in un ambiente digitale (https : //1821.cycladic.gr) e oltre – un’epidemia consentita – per tutta la vita.

Questa è la mostra intitolata “Archeologia e filellenismo. La collezione Thanassis e Marina Martineau”, presentata oggi in una conferenza stampa online dal vivo organizzata nello Status Palace in occasione del bicentenario dell’inizio della rivoluzione greca nel 1821.

La mostra è incorniciata da creazioni artistiche europee ed ellenistiche, oltre a opere di artisti greci ispirate all’archeologia, presentate in dialogo con antichità originali provenienti dai principali musei in Italia e Grecia, come il Museo Capitolino a Roma, e il Museo Archeologico Nazionale a Venezia. Il Museo Archeologico di Ostia, il Museo Archeologico Nazionale, il Museo dell’Antico Etherna e il Museo Archeologico di Rethymnon. Comprende 60 opere della Collezione Martinou – dipinti ad olio, sculture, vari oggetti artistici come acrobati, orologi, ceramiche utili e decorative, mobili, gioielli, anfore, carta da parati, ricami e un ventaglio – cinque monumenti e un insieme romano. Nelle opere ellenistiche selezionate, l’esistenza dell’antica Grecia è catturata attraverso motivi antichi che fanno riferimento a un’eredità ancestrale, che i combattenti greci difendono ispirandoli allo stesso tempo.

La mostra si tiene a Megaro Stathatou dal dicembre 2020, ma l’epidemia non le ha permesso di visitarla. Inizialmente è durato fino all’inizio di aprile 2021, ma – fortunatamente – i musei hanno esteso il loro prestito aziendale almeno fino al 22 giugno. “Megaro Stathatou è un’opera di E. Ziller che fu la residenza della famiglia Othon e Athena Stathatou fino al 1938. Grazie a questa mostra, abbiamo un’opportunità unica di vederla nella sua forma originale, come l’interno di una residenza borghese per il tempo “, ha detto tra gli altri Sandra Marinopoulou, Presidente del Museo d’Arte delle Cicladi. “La preparazione è durata circa un anno, un ricordo molto piacevole … Penso che il risultato ci giustifichi tutti”, ha detto Marina Martino, presidente della Fondazione Atanasio e Marina Martineau, che ha ringraziato il museo, i suoi collaboratori e gli istituti di credito. • Opere d’arte italiane che completano in modo univoco la galleria.

READ  "Sotto l'Ancien Régime c'erano le feste di capodanno"

In occasione di questa mostra, ho scoperto un “tesoro” di creazioni elleniche di standard museali, create da importanti artisti e greci. La maggior parte delle opere sono inedite. Scegliere tra tanti grandi progetti non è stato un compito facile. Fortunatamente, l’approccio tematico ha facilitato il processo, ha affermato la dott.ssa Fanny Maria Tsigako, storica dell’arte e co-curatrice della mostra, che si concentra su un aspetto dell’amore per l’ellenismo, l’archeologia. della Grecia sin dal Rinascimento. Culminerà nel diciottesimo secolo, il secolo dell’Illuminismo, e gradualmente si trasformerà in una rivalutazione degli schiavi greci e alla fine si trasformerà in un movimento di supporto pratico per i greci rivoluzionari militanti, che chiamiamo amore degli elleni “.

Il professor N. Centro per i diritti umani. Stampolidis, direttore del Museo d’arte delle Cicladi e curatore della galleria. Secondo la tradizione, intorno al 420-430 aC, i grandi artisti dell’antichità di quel tempo, Fidia, Polekletus, Chrysilas e Vradamon, gareggiarono per creare la migliore opera di un’Amazzonia in bronzo che sarebbe stata presentata nel suo grande santuario. Artemide ad Efeso in Asia Minore. Ma il concorso sarà giudicato. Dagli artisti stessi e ovviamente tutti si metteranno al primo posto. Quindi chi ottiene il secondo da tutti sarà il vincitore. Questo era Policleto. Le opere in bronzo dell’Amazzonia di quel tempo non hanno sono state conservate. Tuttavia, sono state conservate eccezionali copie in marmo romano., come quelle dei Musei del Campidoglio, firmate da Socicles e che sono state prodotte in dozzine di copie ancora oggi, tanto che oggi sono considerate una delle opere pionieristiche dell’antichità “, ha osservato il professore.

READ  La duchessa di Placentia e la sua tragica storia

“Il carattere speciale di Megaro Statato, eccezionale residuo architettonico di Atene alla fine del XIX secolo, era il suo punto di partenza. Ma la sfida, come la decisione finale, era chiaramente quella di creare un’atmosfera fedele al tema del tempo, piuttosto che una riproduzione cinematografica di un interno che ora è quasi perduto. In altre parole, per trovare il ritmo, l’atmosfera che consente la creazione delle opere di questo gruppo ricco e commovente nel suo spazio naturale “, ha detto il designer del sito Chloe Obolinsky, che ha progettato lo spazio espositivo.

La galleria è stampata in 3D nel suo insieme, così come è esposta nello spazio naturale all’interno del Palazzo delle Statue. I visitatori possono esplorare digitalmente tutti i suoi elementi mentre il tour digitale è completo di testi esplicativi e descrizioni dettagliate delle opere. Inoltre, si può guardare un video in cui i curatori guidano i visitatori verso i progetti selezionati. La mostra, che si tiene in collaborazione con il Ministero della Cultura e dello Sport, è organizzata e finanziata congiuntamente da AIGEA, una società urbana senza scopo di lucro per il Progetto Culturale e Beneficio Pubblico, ed è accompagnata da un catalogo bilingue in greco e inglese con analisi dei curatori. Mentre tutte le opere sono esposte con dettagliati testi esplicativi e ricco materiale fotografico. Il catalogo della mostra, così come una serie di oggetti ispirati alla galleria, si possono trovare nel negozio online del Cycladic Shop, su www.cycladic.gr.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *