L’indebolimento della Corrente del Golfo è ormai certo al 99%.

L’indebolimento della Corrente del Golfo è ormai certo al 99%.

La Corrente del Golfo è una corrente che influenza fenomeni apparentemente non correlati come il livello del mare lungo la costa della Florida e la temperatura e le precipitazioni sull’Europa continentale. Data la sua importanza, è importante che i ricercatori monitorino la sua attività per cercare di prevederne il comportamento futuro. Una nuova analisi conclude che la Corrente del Golfo sta rallentando da diversi decenni. D’altra parte, è difficile dire se ciò sia dovuto al cambiamento climatico.

La corrente è necessaria

La Corrente del Golfo è una potente corrente oceanica situata al largo della costa orientale degli Stati Uniti. Non solo trasporta un’enorme quantità di acqua di mare verso nord, ma trasporta anche calore, carbonio e altri componenti essenziali dell’oceano.

Nel dettaglio, questa corrente lascia il Mar dei Caraibi prima di sfociare nell’Oceano Atlantico attraverso lo Stretto della Florida. Quindi trasporta le acque meridionali più calde (più salate e dense) a nord per raffreddarle e sfociare nel Nord Atlantico. Dopo essere sprofondata nelle profondità dell’oceano e aver rilasciato il suo calore nell’atmosfera, l’acqua si sposta lentamente verso sud, dove si riscalda nuovamente e il ciclo si ripete.

Questa corrente è importante perché influenza un gran numero di altri fenomeni. Ad esempio, svolge un ruolo importante nella modellazione delle condizioni meteorologiche e climatiche. Colpisce anche il livello del mare lungo la costa della Florida, nonché la temperatura e le precipitazioni nell’Europa continentale.

Di conseguenza, diversi studi hanno tentato di stimare le tendenze nel trasporto volumetrico da diversi set di dati, ma i risultati sono stati inconcludenti. Di conseguenza, non è stato raggiunto alcun consenso sul loro indebolimento a causa del cambiamento climatico.

READ  Un codardo non ha bisogno di cure al plasma: OMS | dinamica
La Corrente del Golfo si biforca verso nord. Crediti: NASA/Goddard Space Flight Center Scientific Visualization Studio.

Rallentamento del 4% in 40 anni

Per comprendere meglio questi potenziali cambiamenti, i ricercatori hanno recentemente concentrato i loro sforzi sullo Stretto della Florida, vicino a Miami, dove le osservazioni della Corrente del Golfo sono comuni. Questo stretto è un’area chiave per lo studio della corrente, perché agisce come una sorta di collo di bottiglia che esercita pressione sul flusso dell’acqua di mare.

Dopo aver esaminato un’ampia gamma di dati, gli scienziati hanno concluso, con un alto grado di sicurezza, che esisteva il trasporto nella Corrente del Golfo Negli ultimi 40 anni ha rallentato di circa il 4%.. Questa scoperta rappresenta la prima prova osservativa conclusiva e inequivocabile che questa cruciale corrente oceanica ha subito cambiamenti significativi in ​​un periodo di tempo relativamente breve.

A prima vista, una variazione del 4% può sembrare piccola, ma “ Il problema è che è solo un inizio lento“, Avvisare Helen Czersky, oceanografa dell’University College di Londra (UCL), che non è stata coinvolta nello studio. ” Sembra che siano gli albori del coronavirus. La gente diceva: Oh, ci sono solo 60 casi. Non ci importa. Ci sono solo 60 casi, sì, ma ieri i casi erano 30 e l’altro ieri erano 15. Se pensi che solo una settimana fa, abbiamo un problema“.

Naturalmente, questi risultati sollevano importanti interrogativi sulle ragioni di questo sviluppo. In particolare, i ricercatori dovranno determinare se sono principalmente legati al cambiamento climatico, ad altri fattori ambientali o a una combinazione di tutti questi. Questo lavoro futuro sarà fondamentale per anticipare gli impatti sul clima, sull’innalzamento del livello del mare e sugli ecosistemi marini, nonché per sviluppare strategie di adattamento ai cambiamenti futuri.

READ  Come hanno fatto i ricercatori di Argoland a trovare il continente perduto?

I dettagli dello studio sono pubblicati sulla rivista Lettere di ricerca geofisica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *