Riqualifica il tuo cervello e salva la tua vita su una moto

Riqualifica il tuo cervello e salva la tua vita su una moto

Sponsorizzato dall'agenzia di trasporti neozelandese Waka Kotahi

Iniziativa Ride Forever ACC

“Quasi tutto ciò che riguarda la guida di una moto è controintuitivo”, ha detto Steve Broggie.

L'esperto pilota, che ha creato e trasformato la California Superbike School (CSS) in un fenomeno motociclistico su entrambe le sponde della Tasmania, “parla fluentemente di moto”.

“Basta prendere il fatto che gli esseri umani sono più felici sia quando sono in piedi che quando sono sdraiati. Non c'è niente di naturale nel piegarsi con un angolo di 45 gradi o più”, ha detto durante una sessione di studio a scuola.

Questa era solo una delle sue idee su come allenare la mente a fare qualcosa di straordinario: guidare una moto sportiva super potente su un circuito ad alta velocità, mantenendo il controllo completo.

Prendi qualcosa di semplice come il modo in cui guidi una moto. Fino a non molto tempo fa non si riusciva a trovare un pilota che spiegasse come facevano. Questa vera e propria tecnica, nota come controsterzo, fu ampiamente criticata quando fu sostenuta dal fondatore della CSS Keith Codd alla fine degli anni '70. Ci sono voluti decenni perché fosse ampiamente accettato, ma è assolutamente essenziale per il controllo della motocicletta. È controintuitivo, proprio come ha detto Broggie, e mostra perché la formazione, il tutoraggio, l'istruzione – come dici tu – sono così importanti per diventare un pilota migliore. Che sia in pista o su strada.

Istinto omicida

Sicurezza Waka Kotahi per i motociclisti

Sebbene molte cose in una moto vadano contro le nostre risposte intuitive e i nostri istinti, la familiarità a volte le maschera. Uno di questi si distingue perché provoca molti morti e feriti gravi. Se cavalchi, lo chiamerai.

READ  Affare coraggioso con siti Web spaventosi che ignorano le tue impostazioni sulla privacy

Ti stai godendo una gita in campagna, da solo o con i tuoi amici. Entri in una curva e qualcosa ti dice che stai andando troppo veloce. Un angolo che non conosci bene potrebbe restringersi inaspettatamente. O forse una volta raggiunta la svolta, c'è dell'umidità, dei detriti o qualcos'altro che sembra scivoloso sulla linea prevista. Nel profondo della tua mente, sai di essere entrato troppo in fretta. Ora sembra che potrebbe essere troppo veloce. Cosa fai?

Peter Sutter, investigatore senior presso l'Unità di collisione grave della polizia neozelandese e lui stesso un appassionato motociclista, spiega cosa fanno istintivamente molti motociclisti. “Stanno congelando”, dice. “Potrebbero avere la sensazione di andare troppo veloci e di inclinarsi troppo. Potrebbero essere preoccupati di perdere l'aderenza delle gomme frena per ridurre la velocità Il risultato è solitamente che la bicicletta e il ciclista svoltano fuori strada sul lato destro o nella corsia opposta sul lato sinistro.

L'istinto porta alla paura, e la paura porta a lasciare andare ciò di cui la motocicletta ha bisogno per girare.

cosa dovrebbe essere fatto?

Sicurezza Waka Kotahi per i motociclisti

Gli istruttori di equitazione esperti, come quelli del programma Ride Forever dell'ACC, sanno esattamente come affrontare tali problemi. Si inizia con il non entrare nella situazione in primo luogo.

“Scruto avanti, identifico che c'è una curva in arrivo e cosa mi dicono i segnali, le indicazioni e il terreno”, afferma Duncan Seed di 2 Drive Safe con sede nell'Isola del Sud. Ciò non solo riduce le sorprese, ma consente al pilota di prepararsi correttamente per la curva.

“L'entrata ampia e l'uscita stretta sono la regola generale”, consiglia Dan Ornsby dell'Ornsby Motorcycle Training a Christchurch. “Ciò aiuta a massimizzare la visibilità e ad ampliare il raggio di sterzata.”

READ  Apple rilascerà un'app per il journaling in iOS 17, ma questa è una brutta notizia per alcuni sviluppatori - Ars Technica

Ma cosa succede quando le cose vanno fuori dai piani? Un altro istruttore di Ride Forever, Chris Smith di Passmasters, parla del tipo di cose che aiuteranno un ciclista a superarlo. “Il modo in cui usi la vista è fondamentale”, afferma. “Formiamo le persone su come evitare la fissazione del bersaglio e utilizzare il flusso visivo per andare dove vuoi.”

Altri allenatori offrono consigli su controsterzo, frenata e peso corporeo. Ovviamente c'è molto da imparare per ogni pilota.

Dave Quilty, che gestisce il programma Ride Forever dell'ACC, riassume il motivo per cui la formazione è così importante per qualsiasi ciclista: “Quasi tutti coloro che frequentano uno dei nostri corsi, anche i ciclisti più esperti, affermano di aver imparato qualcosa di nuovo. La formazione fornisce ai ciclisti gli esercizi che possono utilizzare per incorporare queste abilità nella loro guida. Diventano ciclisti migliori e più sicuri e ottengono più corse.

“Quando ti rendi conto di quanto sia importante superare le reazioni intuitive che possono portarci al crollo, perché non farlo?” Perché no davvero.

Per maggiori dettagli, visitare rideforever.co.nz

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *