I laser saranno testati per comunicare nelle profondità dell’universo

I laser saranno testati per comunicare nelle profondità dell’universo

Insieme alla missione Psiche, la NASA testerà le comunicazioni laser nello spazio profondo, piuttosto che le onde radio. I laser hanno la capacità di trasmettere più dati, il che è cruciale per la futura conquista dello spazio.

Quando si parla di laser nello spazio, inevitabilmente si pensa a Star Wars. Esiste però un altro uso che possiamo fare di questi raggi di luce: creare comunicazioni su distanze molto grandi. Questo è esattamente il significato del programma della NASA chiamato ” Comunicazioni ottiche nello spazio profondo “.

Questo progetto sarà testato molto presto. L’agenzia spaziale statunitense sfrutta il lancio della missione Psyche per sperimentare le comunicazioni ottiche nello spazio profondo. La prima dimostrazione dovrebbe avvenire tra tre settimane, quando la sonda esplorativa sarà molto lontana dalla Terra, a circa 7,5 milioni di chilometri.

Come suggerisce il nome dell’iniziativa, DSOC intende fornire alla NASA una soluzione di comunicazione più efficiente per lo spazio profondo – in breve, per tutto ciò che va oltre la luna, che a sua volta dista circa 385.000 chilometri. Ciò include sia i satelliti che la possibilità di insediamenti umani su Marte dopo il 2030 o il 2040.

READ  Rover della NASA: Non solo sulla Terra ... posti bellissimi su Marte ... Wow se guardi l'immagine rilasciata dalla NASA ..

Questa espansione della larghezza di banda sembra essere necessaria per la propagazione ulteriormente nello spazio profondo. A seconda della posizione tra la Terra e Marte nel sistema solare, la comunicazione viene ritardata Può variare da circa 3 minuti a 22 minuti. Questo lungo tempo di attesa è stato catturato su pellicola Da solo su MarteMatt Damon ha avuto difficoltà a interagire con la NASA.

In breve, si passa dalla larghezza di banda ridotta alla fibra ottica

I laser sono visti come un’alternativa alle onde radio. In entrambi i casi, le trasmissioni viaggiano alla velocità della luce, ma i laser offrono una produttività maggiore. È una specie di banda larga spaziale. Ciò non ridurrà il tempo impiegato dalle informazioni per viaggiare attraverso l’universo, ma aiuterà nella sua trasmissione Di più Informazione.

Pertanto, il DSOC’ Può supportare future missioni di esplorazione fornendo una maggiore larghezza di banda per il trasferimento dei dati rispetto alle tradizionali comunicazioni in radiofrequenza », nota la NASA. Sarà questa l’occasione per passare concretamente al lavoro pratico, con test in condizioni reali, dopo anni di attesa.

La NASA ne aveva già parlato nel 2017, promettendo tutti i vantaggi di una soluzione basata sulla luce: la possibilità di inviare video dalla superficie di altri pianeti, rimandare più dati di ricerca, e il monitoraggio preciso di alcuni eventi che si verificano all’improvviso, come polvere. Tempeste o atterraggi di astronavi.

La luce è il cuore delle fibre ottiche sulla Terra. Potrebbe anche essere il futuro collegamento per gli scambi spaziali. // Quentin Maddalena

Soprattutto, ciò consente anche di rilasciare più dati in una finestra di lancio che a volte è molto restrittiva, poiché la Terra non è sempre in linea di vista diretta, a meno che non si immagini di creare una rete di relè per farlo. Diverse indagini, ad es. Questo potrebbe accadere un giorno, ma ci vorranno anni di sforzi.

READ  Scienza. Ci sono cambiamenti nel "cratere della felicità" di Marte

Un esempio è stato fornito all’epoca dal Mars Reconnaissance Orbiter, che dispone di una connessione fino a 6 Mbit/s con le onde radio. Se il suo modulo di comunicazione fosse stato sostituito da un equivalente basato su laser, con un grado di comunicazione di potenza equivalente e una massa simile, il collegamento avrebbe potuto raggiungere i 250 Mbit/s. Quasi 42 volte di più.

Naturalmente, questo non sembra particolarmente evidente rispetto a ciò che la fibra ottica consente sulla Terra. Ma questo dimentica che lo spazio non è mai attrezzato allo stesso modo. Oggi nel sistema solare non esiste alcuna infrastruttura per raggiungere velocità molto elevate ovunque. Inoltre le distanze non sono misurabili.


Se ti è piaciuto questo articolo, ti piacerà anche il seguente: Non perderlo iscrivendoti In Numerama su Google News.

Guarda il mondo dallo spazio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *