Una scoperta storica “senza precedenti” a Digione: una città medievale nascosta sotto la città moderna

Una scoperta storica “senza precedenti” a Digione: una città medievale nascosta sotto la città moderna

Gli scavi archeologici nelle aree urbane permettono spesso di riscoprire interi pezzi di storia locale, soprattutto in città antiche come Digione. Recentemente, i lavori preventivi condotti dall'Istituto Nazionale di Ricerche Archeologiche Preventive (Inrap), sotto la supervisione di Benjamin Saint-Jean Vitus e Clarice Corderc, hanno portato alla luce importanti resti medievali.

Queste scoperte sono state fatte in previsione di progetti di sviluppo urbanoIn particolare i lavori di abbellimento realizzati dalla città sull'asse che collega la Città della Gastronomia e la Via del Vino e della LibertàRivela aspetti inaspettati della città medievale di Saint-Bégnine, arricchendo la nostra comprensione della storia di Digione prima della formalizzazione dei suoi dintorni nel XIV secolo. Vengono deportati in A Ho riferito Dall'Inrap, che fa emergere “scoperte senza precedenti”. »

La città medievale di Saint-Bégnine a Digione

Le ricerche condotte dall'Istituto Nazionale di Ricerche Archeologiche Preventive (Inrap) nel cuore di Digione hanno fatto luce su un settore finora sconosciuto della città medievale, risalente all'XI secolo. Gli scavi condotti nell'area di piazza Bossuet hanno messo in luce le fondazioni di un'area artigianale di notevole importanza. Le strutture sgomberate, per lo più edifici in legno rinforzati con elementi misti su muratura a flash, sono disposte lungo una strada lastricata in pietra. La larghezza di ogni pezzo è di circa 3-5 metri.

Pertanto, il suo percorso dovrebbe facilitare il passaggio e il trasporto delle merci. Il terreno, spesso argilloso, testimonia l'uso intensivo che caratterizza le zone di attività artigianali.

Gli archeologi hanno scoperto varie sistemazioni interne, come caminetti e aree di lavoro rosse. A seconda delle fasi di sviluppo, gli scavi rivelano gruppi di diversi focolari adiacenti tra loro, oppure, al contrario, focolari molto grandi costruiti con focolari in pietra, o magari scartati dalle volte delle fornaci. Una serie di fori e fori completano queste composizioni. Evoca laboratori artigianali, come il fabbro o la lavorazione della ceramica.

Eruzione sulla superficie del terreno argilloso rosso. ©Samuel Prasaud, INRAP

Questi elementi archeologici indicano che la città di Saint-Pignan era un vivace centro di attività economiche e artigianali. Ciò avvenne molto prima che fosse compreso nel recinto urbano che venne edificato tra la fine del XII secolo e la metà del XIV secolo. L'esistenza di questa zona ben organizzata e organizzata, fuori dalle principali mura cittadine dell'epoca, rivela l'importanza dell'Abbazia di San Benigne.

READ  Taccheggio a Youbin: conosci queste tre persone?

Monastero, un centro attraente della regione

La chiesa di Saint-Bénigne a Digione, fondata nella tarda antichità, è intrinsecamente legata alla storia religiosa e culturale della regione. Nel VI secolo, il sito acquistò notorietà dopo i miracoli attribuiti alla sepoltura di San Benigne, missionario borgognone, la cui tomba era inizialmente situata vicino alla chiesa di Saint-Jean. Questi eventi attirarono l'attenzione del vescovo di Langres che, convinto da un sogno visionario, costruì sul sito una nuova chiesa in onore di San Benigne.

Questa decisione segnò la nascita dell'Abbazia di San Benigne, che sarebbe diventata un potente centro monastico. L'abbazia svolge un ruolo cruciale nello sviluppo di Digione, attirando attività economiche e contribuendo all'espansione della città oltre le sue mura originarie. Nel corso dei secoli l'edificio è stato ricostruito e ampliato. Riflette la crescente importanza del sito fino al Medioevo. Rappresenta quindi uno dei principali centri spirituali e sociali della regione.

Resta il cimitero

Inoltre, gli scavi hanno portato alla luce numerosi sarcofagi merovingi, caratteristici dell'Alto Medioevo. Conferma l'antichità e la continuità della professione funeraria del sito. Queste bare erano scolpite nella pietra e spesso erano decorate. Oltre ai sarcofagi, gli archeologi hanno scoperto un complesso di sepolture risalenti al tardo Medioevo. Queste sepolture mostrano una diversità di pratiche di sepoltura, inclusi involucri di lastre e sepolture più semplici. Riflettono gli sviluppi culturali e religiosi nel corso dei secoli.

Inquadratura della sepoltura vicino alla bara. © Christophe Fauquin, INRAP

L'importanza di questo cimitero è strettamente legata alla storia dell'Abbazia di Saint-Bénigne. Dopo i “Miracoli” del VI secolo, il monastero divenne luogo di pellegrinaggio e influente centro monastico. Reperti archeologici indicano che il cimitero fungeva da luogo di sepoltura per la comunità locale. Ma veniva utilizzato anche per pellegrini o esponenti di spicco della società dell'epoca, attratti dal prestigio del monastero. Questo strato di storia ci permette di comprendere il posto del monastero nel contesto del Medioevo europeo. Rivela quindi il suo ruolo nella strutturazione dello spazio urbano a Digione.

READ  1.430 specie di uccelli sono scomparse a causa dell’uomo, il doppio del numero precedentemente stimato

Implicazioni e prospettive di scoperte per Digione

Recenti scavi forniscono una finestra sullo sviluppo urbano della città prima della sua definitiva struttura medievale. Gli archeologi hanno evidenziato una serie di strati viari che si sono alternati nel corso dei secoli. Mette in evidenza le diverse fasi di espansione e modificazione della città. Questi livelli di strade sovrapposti gli uni agli altri testimoniano la crescita della città e i suoi sforzi per strutturare lo spazio urbano in risposta alla crescente attività commerciale e all'espansione demografica.

Da notare che la formazione storica di Digione era caratterizzata da una propria topografia. Il fiume Suzun è ora sepolto sotto la città, dividendola in due aree distinte. Prima della costruzione di un grande recinto tra il XII e il XIV secolo, queste due parti si trovavano a circa 500 metri l'una dall'altra. Ad est si trova il Castrum, antica fortezza risalente all'anno 300. Ad ovest, attorno all'Abbazia di San Benigne, si estende una zona meno conosciuta. Ma partecipò ugualmente alla storia e alla vita della città medievale.

Il camino in muratura è smontato, intersecandosi con un vecchio camino della stessa tipologia. © Astrid Quellaud, Inrap

Allo stesso tempo, la scoperta di un vasto quartiere artigianale sotto la stessa piazza di Bossuet getta nuova luce sulle dinamiche economiche della città medievale. Quest'area, composta da molteplici laboratori e spazi di lavoro, indica una concentrazione di attività industriali e artigianali. La società medievale sembrava impegnata negli scambi commerciali, nella produzione per uso locale e nel commercio regionale. Scavi e studi proseguiti chiariranno la funzione di questi spazi. Offriranno quindi ricche prospettive sul ruolo economico di Digione prima della sua fortificazione nel Medioevo.

READ  I ricercatori dimostrano matematicamente che Bach è stato uno dei più grandi compositori di musica classica

fonte : Inrap

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *