Il cervello dei giocatori di ping pong è un argomento di ricerca affascinante

Il cervello dei giocatori di ping pong è un argomento di ricerca affascinante

Diecimila passi e più. Cosa vedremo nelle teste dei fratelli LeBron, Felix e Alexis, Simone Gosi, Jia Nanyuan, Prithika Pavade, delle sorelle Lutz, Charlotte e Camille… insomma, dell'élite francese del tennistavolo, sottoponendoli a una terapia magnetica cerebrale? risonanza magnetica (MRI) o elettroencefalografia? Se questi test non sembrano essere all'ordine del giorno dei giocatori della nazionale francese, i cervelli dei giocatori di ping pong di alto livello ricevono sempre più attenzione da parte degli scienziati. Questi atleti colpiscono particolarmente per le loro capacità di attenzione, anticipazione, coordinazione, reazioni visuo-motorie, ecc.

Tra le componenti della prestazione in tutte le discipline sportive, le abilità cerebrali appaiono particolarmente cruciali nel ping, il nome moderno del tennis da tavolo. La velocità della palla, che può raggiungere i 200 chilometri orari all'estremità della racchetta tra gli élite, è certamente ben lontana dal record del badminton, che ora si attesta a 565 chilometri orari, ma la piccola distanza tra i giocatori impone delle restrizioni su tempi di reazione molto brevi, inferiori a 200 ms.

In Cina, la culla dei migliori giocatori del mondo, i ricercatori utilizzano da diversi anni tecniche di neuroimaging per scoprire i segreti dei loro eroi. Nel mese di marzo sono stati pubblicati due articoli su questo argomento. Il primo è stato pubblicato sulla rivista scientifica Ricerca sul cervelloIl team ha studiato le caratteristiche anatomiche e funzionali del cervello mediante risonanza magnetica ad alto campo (7 Tesla) di venti giocatori di ping pong a livello nazionale. Rispetto ai controlli, questi giocatori d’élite hanno una migliore connettività alle regioni del cervello, con conseguente organizzazione più organizzata della materia bianca, in particolare delle fibre nervose coinvolte nelle funzioni motorie e cognitive come l’attenzione.

READ  Questo è un "blob", una rara creatura della stazione spaziale che non ha bocca, gambe o cervello, ma si muove e mangia

In NeurologiaAltri ricercatori cinesi forniscono dati sui meccanismi di anticipazione. Analizzando il loro cervello mediante fMRI, durante un esercizio per prevedere il percorso della palla in un video, sono stati in grado di distinguere tra giocatori esperti e principianti con un'affidabilità del 90%, attraverso differenze in diverse regioni (corteccia motoria, corteccia prefrontale, ecc.). ). .

La velocità della percezione visiva fa la differenza

“Questi studi e altri, pubblicati negli ultimi anni su riviste serie, vanno nella stessa direzioneriassume il neuroradiologo Charles Melleriot (GHU Paris Psichiatria e Neuroscienze). Hanno dimostrato che la pratica intensa del ping pong porta a cambiamenti nel cervello, con una migliore trasmissione delle informazioni. Ciò si traduce in un miglioramento delle prestazioni visuospaziali e di alcune funzioni cognitive, tra cui l’attenzione e le funzioni esecutive coinvolte nel processo decisionale rapido.S. » Secondo lo specialista, questa connessione tra plasticità cerebrale e allenamento intensivo può essere paragonata a quanto osservato nell'imaging di musicisti professionisti, che si concentra su altre aree del cervello.

Ti resta il 43,75% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *