Il telescopio spaziale James Webb rivela dettagli mai visti prima della Testa di cavallo con le immagini più nitide finora di questa nebulosa

Il telescopio spaziale James Webb rivela dettagli mai visti prima della Testa di cavallo con le immagini più nitide finora di questa nebulosa

Questi risultati sono accettati per la pubblicazione in Astronomia e astrofisicaRappresenta un'opportunità senza precedenti per studiare i processi fisici e chimici nella formazione stellare e il ruolo della Nebulosa Testa di Cavallo in questa evoluzione interstellare.

Scopri dettagli senza precedenti sulla Nebulosa Testa di Cavallo

Il telescopio spaziale James Webb della NASA ha catturato immagini infrarosse senza precedenti della Nebulosa Testa di Cavallo, evidenziando una porzione espansa di questa caratteristica regione del cielo.

Credito immagine: NASA, ESA, CSA, K. Misselt (Università dell'Arizona) e A. Abergel (IAS/Università Paris-Saclay, CNRS)

Queste osservazioni forniscono una risoluzione spaziale senza precedenti, rivelando la complessità della nebulosa e fornendo nuove informazioni sulla sua struttura ed evoluzione. Attraverso queste immagini possiamo notare uno scorcio suggestivo della sommità della “criniera del cavallo” e della sua sorprendente forma geometrica.

Credito immagine: NASA, ESA, CSA, K. Misselt (Università dell'Arizona) e A. Abergel (IAS/Università Paris-Saclay, CNRS)

Nuove immagini scattate dal telescopio spaziale Webb rivelano nubi di gas e polvere a Horseheads, chiamata anche Barnard 33, nella costellazione di Orione, a circa 1.300 anni luce dalla Terra.

James Webb inaugura un laboratorio unico per studiare i processi fisici e chimici dell'evoluzione stellare

Grazie alla sua vicinanza e alla forma quasi sferica, questa nebulosa offre agli astronomi un'opportunità unica di studiare i processi fisici e chimici della materia interstellare.

In particolare, i ricercatori cercano di studiare le strutture PDR, o regioni di fotodissociazione, dove la luce ultravioletta proveniente dalle giovani stelle crea una nube di gas caldo ionizzato che circonda le giovani stelle.

Per quanto riguarda questo ambito, NASA Lui spiega: “È considerata una delle migliori zone del cielo per studiare l’interazione della radiazione con la materia stellare”..

Fonte immagine: ESA/Euclid/Euclid Consortium/NASA, elaborazione delle immagini di J.-C Cuillandre (CEA Paris-Saclay) e G. Anselmi, NASA, ESA e Hubble Legacy Team (AURA/STScI) e ESA/Webb, CSA, K. Messelt (Università dell'Arizona), M. Temporale (ESA/Webb)

READ  Diverse persone risultano scomparse e tre corpi sono stati ritrovati a Gard

Gli strumenti dietro le immagini infrarosse più nitide fino ad oggi della nebulosa

Gli strumenti MIRI e NIRCam di Webb hanno contribuito a rivelare in dettaglio le sottili strutture del bordo luminoso della nebulosa. Le osservazioni hanno anche fornito informazioni su come la luce ultravioletta fa evaporare la polvere e su come la polvere interagisce con la luce, gettando luce sulla comprensione della forma complessa della nebulosa.

Gli astronomi intendono utilizzare i dati spettroscopici per comprendere meglio l'evoluzione chimica e fisica della nebulosa nel tempo.

Le osservazioni del telescopio spaziale James Webb hanno rivelato nuove informazioni su questa regione di formazione stellare, aprendo la strada a scoperte sull'evoluzione delle regioni di fotodissociazione e sui processi dietro l'evoluzione stellare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *