Furto del camper in Italia: la famiglia ha recuperato il veicolo vuoto e in parte smontato

La famiglia di Blain (Loire-Atlantique), a cui è stato rubato il camper nel luglio 2011, è stata in grado di recuperare il veicolo il 14 settembre 2021, vuoto, ma riparabile. © Nio Famiglia

Isabelle Bagaglia, Christophe Nio e le loro figlie Salomé e Lili-Rose, di Blain (Loire-Atlantique), hanno subito il furto del camper mentre erano in vacanza in Italia, nel luglio 2021. La famiglia, trovandosi totalmente indigenti, aveva espresso la sua sgomento.

Poche settimane dopo, il loro veicolo è stato ritrovato, ma in uno stato “deplorevole”, perché in fase di smantellamento, ha spiegato la madre della famiglia. Delusa anche Isabelle Bagaglia quando ha saputo del ritardo di diversi mesi per rimpatriare il proprio veicolo, posto in amministrazione controllata, mentre il marito lo utilizzava come mezzo di trasporto professionale.

Riconsegna del veicolo in Francia

Oggi è la notizia migliore che porta la famiglia: “Dopo tante avventure, il giudice è tornato dalle vacanze un buon mese fa e ha riconosciuto che il veicolo ci apparteneva secondo gli elementi che gli avevamo dato. Il sequestro è stato revocato. “

Isabelle Bagaglia continua:

Su nostra richiesta, IMA Italia ha continuato a gestire la nostra attività. E cosa ha fatto brillantemente: hanno fatto di tutto per garantire che il nostro camper fosse ritenuto riparabile e restituito in Francia! Il nostro caro vecchio camper è arrivato martedì 14 settembre. Questa è una grande notizia.

Attualmente in garage, a Héric, si sta valutando il camper. “Mancano i portabici, il gancio di traino e tanti dettagli, come serrature, targhe, coprimozzi, specchietto interno, autoradio, fari…, elenco Isabelle Bagaglia. Il posto di guida è fuori uso e soprattutto il motore non funziona più, ma sembra che ciò sia dovuto alla mancanza di carburante e alla batteria rovinata. In ogni caso, è ancora meno danneggiato di quanto pensassimo e questa è una buona notizia. “

READ  Coronavirus, terapia intensiva sopra soglia critica: 42% occupati. 17 regioni a rischio, una settimana fa erano 10 - Copertura in diretta

La famiglia è in attesa della restituzione dell’assicurazione e dell’importo del risarcimento per i lavori di riparazione.

Poiché questo è un veicolo molto vecchio e non vale molto, avremo una piccola somma che non coprirà tutte le riparazioni. Mio marito coglierà l’occasione per cambiare o rimettere tutte le parti ed è lui che farà la maggior parte delle riparazioni in modo che il compenso non venga inghiottito dalla forza lavoro, tanto da dire che abbiamo per un po.

Nel frattempo, un amico presta loro un veicolo, in modo che Christophe Nio possa andare al suo lavoro.

Completamente vuoto

Se il camper deve essere riparato, all’interno non rimane quasi nulla, anche se la famiglia non era assicurata contro il furto dei propri effetti personali:

È completamente vuoto dei nostri effetti personali tranne un paio di calzini, alcune carte UNO e un libro nascosto sotto le panche. L’assicurazione sulla casa ci risarcirà fino a un massimo di 1500 euro mentre abbiamo una perdita enorme, perché quando facciamo un viaggio di un mese in camper, prendiamo tutte le nostre cose.

Inoltre, la famiglia aveva preso più affari del solito, elenca Isabelle Bagaglia: “Siamo stati così felici di partire dopo il parto che abbiamo preso anche più del solito: attrezzatura da campeggio completa, computer, due nuove fotocamere e un nuovo telefono, una GoPro, quattro moto… E tante cose con un forte carico emotivo. “

I ladri hanno rotto

La madre della famiglia ha avuto maggiori informazioni su quanto accaduto con il loro camper, ritrovato ad Ancona, sempre in Italia:

I ladri volevano venderlo, ma si sono guastati in un parcheggio nel porto esterno di Ancona. Hanno iniziato a strappare tutto quello che potevano, per portarlo tutto in un altro camper rubato parcheggiato accanto al nostro, ma sono stati interrotti da un passante. Sono fuggiti con l’altro veicolo, abbandonando il nostro. È così che alla fine è tornato e siamo stati molto commossi nel trovarlo.

La storia non è ancora finita, ma Isabelle Bagaglia ringrazia tutte le persone che fino ad ora li hanno sostenuti: “Molte persone ci hanno contattato per condividere con noi le loro battute d’arresto, alcune ci hanno offerto il loro aiuto. ‘È materiale o finanziario . Siamo rimasti molto toccati da tutte queste manifestazioni di simpatia che ci hanno fatto sentire bene. “

Tutte queste persone sul nostro cammino, conosciute o sconosciute, ci hanno sostenuto ed è un enorme grazie che rivolgiamo loro.

La Blinoise ringrazia anche tutte le persone che li hanno aiutati sul posto, brigadiere, municipio, passante, mentre notavano “sparuti e smarriti” nel parcheggio di Trani, la scomparsa del loro camper.

READ  Condannata Serena Grandi - Si difende, "distratta dal mio tumore di 2 pollici"

Questo articolo ti è stato utile? Nota che puoi seguire L’Éclaireur de Châteaubriant nella zona di Mon Actu. In un click, dopo la registrazione, troverai tutte le novità delle tue città e dei tuoi brand preferiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *