come spiegare questa crisi diplomatica?

come spiegare questa crisi diplomatica?

Tra i due paesi le tensioni non sono una novità. Il punto di partenza risale al legislativa italiana : hanno vinto i populisti del Movimento 5 Stelle (M5S) (32%) e della Lega Nord, ora Lega (17%). I rispettivi leader dei due movimenti, Luigi Di Maio e Matteo Salvini, sono diventati vicepremier. Da allora gli scontri verbali con un governo francese che si presenta come liberale ed europeista si sono moltiplicati.

Diversi disaccordi

Ricercatore del CNRS e del Centro Émile Durkheim, a Bordeaux, specialista in politica italiana, Camille Bedock definisce “esecrabili” le relazioni tra i due paesi dal giugno 2018 . Diversi temi cristallizzano le tensioni, il principale è l'immigrazione.

Per comprendere la crisi attuale, va notato che il primo ad aver avviato le ostilità è stato Emmanuel Macron. A volte l'affare dell'Acquario , questa nave che trasportava migranti che l’Italia si era rifiutata di accogliere nel mese di giugno, ha denunciato il “cinismo” e l’“irresponsabilità” del governo transalpino . Quest'ultimo aveva preteso le scuse ma, pochi giorni dopo, il presidente francese le ha ribadite, riferendosi alla “lebbra” che, secondo lui, è in aumento in Europa.

Da allora, la questione dell’immigrazione è rimasta centrale. L'Italia critica in particolare la Francia per aver rafforzato i controlli alla frontiera tra i due Paesi e per rimandare indietro sistematicamente i migranti che tentano di attraversarlo. Altra fonte di tensione: l'Italia vuole “l’estradizione dei terroristi italiani rifugiatisi in Francia dopo gli anni di piombo” , ricorda Camille Bedock. “È una politica alla quale la Francia è sempre stata piuttosto contraria”, precisa.

Anche la questione del deficit ha dato luogo a scambi di convenevoli, secondo il politologo: “Il bilancio italiano è stato bocciato dall'Unione Europea con l’approvazione del governo francese, che l’ha accolto con un certo favore. Gli italiani lo hanno considerato La Francia avrebbe dovuto essere punita allo stesso modo perché anch'essa ha superato il deficit autorizzato” . Infine, l’ultima fonte di tensione, l'incontro, all'inizio della settimana, tra Luigi Di Maio ed esponenti dei gilet gialli . La goccia che ha fatto traboccare il vaso.

READ  Coprifuoco di mezzanotte: dal 3 dicembre si ricomincia. Lazio: non apriamo

LUDOVIC MARIN/AFP

Scontro ideologico

Da una parte Emmanuel Macron, presidente filoeuropeo e apertamente liberale. L'altro, Luigi Di Maio e Matteo Salvini, leader definiti “populisti” che si oppongono ai valori difesi dal presidente francese. Tra i leader francese e italiano si scontrano due ideologie politiche in vista delle elezioni europee del 26 maggio.

Questa opposizione è, per i tre leader, “un modo per mettere in scena questa divisione tra il centro liberale ed europeista e quella che chiamiamo opposizione populista, anche se il termine non mi piace”, spiega Camille Bedock. “Il contesto europeo esacerba le tensioni tra i due Paesi poiché costituiranno un test, sia per la coalizione al potere in Italia che per Macron.

In effetti, in un campo come nell'altro, sembra che non si faccia nulla per evitare “la messa in scena di un avversario da sconfiggere”, prosegue. Questa drammatizzazione del conflitto “è responsabilità tanto del governo italiano quanto di quello francese. Ce ne sono due che giocano al gioco attuale. Le provocazioni, le opposizioni non vengono solo dall'Italia ma da entrambe le parti . Lì il gesto della Francia di richiamare l'ambasciatore a Roma è estremamente carico. Era dal 1940 che la Francia non si trovava nella situazione di non avere un ambasciatore in Italia! Chiaramente stiamo anche giocando con una sorta di simbolismo molto carico e che non sappiamo davvero se servirà ad allentare le tensioni.

L'ambasciata francese a Roma.
L'ambasciata francese a Roma.

TIZIANA FABI/AFP

L’immagine di un Macron indebolito

Se le scaramucce sono state regolari per quasi nove mesi, hanno subito un'accelerazione all'inizio dell'anno. A gennaio, Salvini e Di Maio hanno mostrato per primi il loro sostegno ai gilet gialli poi il secondo ha accusato la Francia di “impoverire l’Africa” prima che il primo dica di sperarlo il popolo francese si libererà presto da un “pessimo presidente” . Punte da mettere in relazione alla situazione, a livello interno, di Emmanuel Macron, esposto alla crisi dei gilet gialli da quasi tre mesi.

READ  a nove mesi dal suo ritiro, “la Divina” Federica Pellegrini resta un'icona in Italia

“La crisi dei gilet gialli si presenta, in Italia, come qualcosa che indebolisce Macron, il che mette in discussione la sua leadership e la sua autorità”, analizza Camille Bedock. “L'Italia è stata molto interessata fin dall'inizio alla crisi dei gilet gialli. I suoi leader politici gli hanno dato molta copertura mediatica. d'Oltralpe si instaura un “parallelismo” tra le situazioni dei due Paesi con un’importante differenza: in Francia Macron ha vinto contro l’estrema destra alle elezioni presidenziali, mentre in Italia il passaggio al cambio è avvenuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *