Top 14 – Ritratto: da Carcassonne al girone italiano, la cova di Martin Page-Relo (mediano di mischia del Tolosa)

Top 14 – Ritratto: da Carcassonne al girone italiano, la cova di Martin Page-Relo (mediano di mischia del Tolosa)

TOP 14 – Convocato con l’Italia per preparare la quarta giornata del Torneo 6 Nazioni, Martin Page-Relo continua a prendere slancio. A 24 anni, il mediano di mischia dello Stade Toulousain sta lentamente ma inesorabilmente scalando la classifica!

Nel sud-ovest della Francia si trova un noto dipartimento del rugby francese. Non c’è bisogno di spingere molto lontano le congetture se ti viene detto: Antoine Dupont, Anthony Jelonch o Grégory Alldritt. È stato nel Gers che Martin Page-Relo ha messo i suoi primi ramponi. A Isle-Jourdain più precisamente. Ed è stato nel 2012 che il mediano di mischia si è concesso il diritto di sognare una carriera da professionista unendosi alle giovanili dello Stade Toulousain. È quindi all’interno della Città Rosa che ha terminato la sua formazione.

Il suo debutto nelle grandi leghe

Prima di indossare l’ambita maglia Rouge et Noir, è stato a Carcassonne che ha mosso i primi passi nel mondo del rugby professionistico. In prestito per una stagione con il club dell’Aude per fare esperienza, Martin Page Relo passa rapidamente in rassegna i fogli delle partite. “È arrivato giovane all’USC ma è un giocatore che aveva già delle qualità importanti: la velocità e poi la capacità di incatenare fisicamente. Anche dopo il quinto tempo di gioco mantiene la stessa qualità nei passaggi e aveva già una buona visione del gioco gioco”dice Christian Labit, manager di Carcassonne prima di aggiungere: “Penso che Martin sia un giocatore che migliorerà nel tempo. È estroso, c’è questa parte di follia in lui. Ha bisogno di esprimersi in campo e avere una squadra che giochi!”.

Martin Page-Relo con la maglia del Carcassonne.
Icona Sport – Icona Sport

Nel terreno dell’Aude, il mediano di mischia ha offerto 21 partite per 8 partenze e una meta. Tempo di gioco prezioso che gli consente di tornare allo Stade Toulouse durante la stagione 2021/2022 con un po’ più di maturità e fiducia.

Più di una fodera?

Allo Stade Toulouse il peso del numero 9 è senza dubbio molto più pesante che in qualsiasi altro club del campionato. In presenza di Antoine Dupont, il ruolo di sostituto è inevitabile. A Tolosa, quindi, la competizione si assesta davvero su questo ruolo di numero due. Durante la stagione 2021/2022, Martin Page-Relo si trova in competizione con Alexi Balès e Baptiste Germain. Questi tre condividono il tempo di gioco più o meno equamente. In questa stagione, Alexi Balès si è ritirato e Baptiste Germain è stato ceduto in prestito all’Olympic Biarritz, Paul Graou arriva dall’Agen. Ma Page-Relo “approfitta” dell’infortunio del compagno di squadra, colpito alla mano durante un’amichevole contro il Tolone lo scorso agosto, per incatenare qualche tabellino. Ma la storia di Tolosa si concluderà alla fine di questo esercizio.

Il mediano di mischia del Gers andrà al Lione dove ha firmato un contratto di due stagioni. Ma poi di nuovo, il mediano di mischia dovrà affrontare una dura competizione.

A Lou, Baptiste Couilloud e Jean-Marc Doussain saranno difficili da svitare. Questa è una nuova sfida interessante per il giovane giocatore che si afferma ogni giorno un po’ di più. “Penso che possa prosperare a Lione. In ogni caso, è una squadra che corrisponde al suo stile di gioco. È vero che potrebbe essere ancora confinato a una posizione di riserva, ma penso che non sia peggio. Ha ancora molto tabelloni col Tolosa, a 24 anni c’è di peggio!Il fatto di giocare a questo livello gli permette di crescere.È con i migliori che potrà ancora progredire e questa competizione gli permetterà di perseverare.Finalmente questo ruolo di sostituto gli permette di giocare senza pressioni e penso che sia in questa situazione che sia il migliore”spiega Christian Labit.

Un’esperienza italiana per progredire ulteriormente

Questo martedì, il tolosanese è stato convocato con l’Italia per preparare la partita contro il Galles. Sebbene la presenza del solito titolare, Varney, e del sostituto, Fusco, lasci poche possibilità a Martin Page-Relo di conoscere una prima selezione, questa esperienza non può che essere vantaggiosa. Lo conferma il manager dell’USC: “E’ ovvio che giocare in Nazionale fa sempre bene. L’alto livello fa progredire. L’Italia è una squadra con un futuro e che punta sempre di più sui giovani. Martin torna quindi in un’operazione importante prima del Mondiale. È un ottimo corso se pensi che due anni fa era a Carcassonne! È anche motivo di orgoglio vedere dove si trova oggi “. Ad esempio, il ruolo di sostituto non impedisce al mediano di mischia di prendere slancio. In ogni caso se questa esperienza italiana si rivela positiva, nulla impedisce al numero 9 di iniziare a sognare una carriera internazionale.

READ  A Fougères, Capri apre un negozio di alimentari italiano a giugno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *