Basket: Pierre Vincent, l’arte del rimbalzo all’Asvel

Pubblicato su : Modificato :

Parigi (AFP)

Sette anni dopo il suo licenziamento dall’Asvel, l’ex allenatore dei Bleues Pierre Vincent è tornato a Lyon-Villeurbanne per guidare questa volta la squadra femminile e alla fine farne una roccaforte del basket europeo.

“E’ un cambio di vita, dalla campagna italiana alla metropoli francese”, osserva sorridendo il tecnico 57enne prima del ricevimento di Landerneau di sabato (ore 20) per la prima giornata di campionato.

Prima di tornare al Rodano quest’estate, Pierre Vincent aveva supervisionato per quattro anni i giocatori di Schio, in Veneto. Una prima esperienza all’estero per l’ex allenatore della squadra femminile francese (2008-2013), ma anche di Bourges e Orléans, che si è detto desideroso di iniziare la sua nuova sfida con le “Leonesse”.

“E’ una squadra completamente diversa, l’opposto di quella che avevo in Italia”, ha detto.

“A Schio avevo una squadra abbastanza numerosa, abbastanza difensiva, con poco talento offensivo, dove bisognava controllare il gioco e avere pazienza. Lì ho invece una squadra molto talentuosa e meno difensiva”, continua l’allenatore il cui primo mandato (2011-2014) a Lione, tra gli uomini, si è conclusa con un licenziamento. In questione: i mediocri risultati del “Green Team”, oggi due volte campione di Francia nel titolo nell’elite maschile.

“Volevo farcela con lui, ma è un business, e ho bisogno di risultati”, ha poi spiegato il presidente Tony Parker a proposito del suo ex allenatore nelle juniores.

Pierre Vincent conservava un po’ di amarezza? No a sentirlo. “La violazione del contratto era stata eseguita in modo” super-super “. Avevamo negoziato e raggiunto un accordo molto rapidamente. È stato risolto in modo molto professionale”.

READ  Italia qualificata, Francia seconda nel girone F

Così, quando i contatti con l’Asvel sono ripresi, Pierre Vincent “non aveva umori” sul passato.

“Sono stato contattato abbastanza presto nella stagione, a febbraio. Ma era per prendere in considerazione una collaborazione l’anno prossimo”, ha detto l’allenatore in un’intervista con AFP e L’Equipe.

“Mio padre (che è morto quest’anno) era malato, avevo un anno di contratto a Schio. Avvicinarsi a mio padre è stato importante. E il progetto del Lione è super interessante. Ho detto sì per i motivi. familiari e professionali”, ha detto continua.

– All’Asvel prima del previsto –

Il fallimento del club del Rodano in Eurolega, eliminato ai quarti da Sopron (Ungheria), la perdita del titolo di campione francese e la mancata qualificazione per la C1 in questa stagione, hanno accelerato le cose.

L’allenatore Valéry Demory (ora al Lattes-Montpellier) è stato licenziato alla fine di giugno e Vincent è tornato all’Asvel prima del previsto, con un contratto di cinque anni.

L’allenatore Pierre Vincent alla guida dei Bleues durante il torneo olimpico di basket contro la Russia a Londra, 9 agosto 2012 MARK RALSTON AFP / Archivi

La sua missione? “Vai alla Final Four di Eurolega e mettiti in condizione di poter giocare un titolo”, ha risposto.

Per brillare in Eurolega non sarà ancora per questa stagione visto che le “Lionesse” dovranno accontentarsi della C2. “Giocare l’Eurocup ritarda un po’ gli obiettivi. Ma le ambizioni sono molto alte”, dice Vincent, che vuole guidare l’Asvel “il più lontano possibile” nella competizione.

– Riprendere quelli Blu? –

Allenando, in parallelo, gli azzurri di nuovo? La federazione (FFBB) sta lavorando per sostituire Valérie Garnier, la cui missione si è conclusa dopo i Giochi di Tokyo (medaglia di bronzo). “Non ho avuto alcuna sollecitazione. Penso di essere legittimo per la posizione ma ci sono altri allenatori”, assicura colui che ha guidato gli azzurri all’argento olimpico (2012) e al loro ultimo titolo fino ad oggi, durante Euro-2009.

READ  Coronavirus, Austria verso un hard lockdown. Germania, medici al lavoro anche se positivi

Lo vorrebbe? “Vi chiediamo di allenare una nazionale per fare i Giochi Olimpici di Parigi. Chi non vuole pensarci…”, risponde.

“Fare entrambe le cose è possibile. L’ho fatto quando ero a Bourges. Ma è faticoso. Anche per questo ho rinunciato”, conclude Vincent. Per ora priorità all’Asvel.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *