La tragedia della famosa salsa italiana “Amatriciana” – quando il terremoto ha colpito la sua città natale | Storie

Qual è il miglior condimento per la pasta in Italia? Quella domanda potrebbe portare a una lotta nel forte di spaghetti e tortellini.

È salsa bolognese a cottura lenta, così popolare che l’emisfero l’ha chiamata “bolognese”? È il grasso del pesto ligure? Oppure la carbonara, la salsa con formaggio e uova?

Ma forse qualcosa di rosso. Per molti un grande piatto di pasta ha bisogno di pomodori, e per queste persone l’amatriciana è il sugo che tutti si tolgono il cappello.

Una salsa di pomodoro densa e dolce con gujjali (un tipo di guanciale molto gustoso), con tanto pepe e pecorino che gli danno consistenza, nella sua versione più classica.

Ma anche se l’Amatriciana è considerata dai suoi fan di tutto il mondo il massimo comfort food, la storia recente del piatto è stata tragica.

Terremoto spaventoso

Si ritiene che sia stato inventato nella città di Amatrice, nel Lazio, la regione dell’Italia centrale dove si trova Roma. Mentre Roma si trova sulle rive del Mediterraneo, Amatrice è a nord-est, più vicino all’Adriatico che al Mediterraneo, in un bacino dell’Appennino.

Il terremoto ha colpito dall’alto la città di Amatris

Articoli Correlati

La ricetta: la salsa di pomodoro per spaghetti più popolare, online – con 3 ingredienti, miracolo

Confina con il Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga, che ha una superficie di oltre 150.000 ettari in tre regioni del Centro-Sud Italia. Il parco è una delle aree protette più grandi d’Europa ed è famoso per le sue aquile, orsi bruni e ghiacciai nell’estremo sud dell’Europa. Ma la zona intorno al parco è stata negli ultimi anni l’epicentro dei terremoti in Italia.

READ  Gli anni di Berlusconi - Quando Calciu corrisponde alla politica

Nel 2009 un terremoto nei pressi del comune dell’Aquila, a un’ora da Amatrice, ha ucciso 308 persone e ha provocato circa 6.500 sfollati. La città è ancora in fase di ricostruzione.

La distruzione quasi totale di Amatrice

Nell’ottobre 2006 Nurcia, un’ora a nord-ovest di Amatrice, è stata colpita da un terremoto di magnitudo 6,6 che si è fatto sentire in tutto il Paese, da Roma a Venezia.

Il terremoto ha quasi completamente distrutto Amatrice
Il terremoto ha quasi completamente distrutto Amatrice

Il turno di Amatrice è arrivato il 24 agosto 2016, alle 3:36. Un terremoto di magnitudo 6.0 ha distrutto in 142 secondi quasi l’intera città, così come gli insediamenti nei pressi di Arquata del Trondo, Pescara del Tronto e il centro di Accumuli. Ha ucciso 299 persone e altre quattro vittime sono morte in seguito. La maggior parte dei morti era Amatrice. “Amatrice non esiste più”, ha detto l’allora sindaco Sergio Pirozzi. Quasi 400 persone sono rimaste ferite e 41.000 hanno perso la casa. Quattro anni dopo, la maggior parte di loro vive ancora in alloggi di fortuna.

La città potrebbe essere stata distrutta ma la cucina continua

Oggi poco è cambiato. Il centro della città – o ciò che resta – è un’area controllata dai militari, senza pedoni in mente. Se si attraversa la bella strada principale, Corso Umberto I, ci sono ancora pochi edifici: due campanili e una chiesa a cupola.

Il centro della città è quasi completamente distrutto, ad eccezione di questo campanile

Fuori dal centro storico ci sono altri edifici supportati da impalcature. Altri che sembrano essere sopravvissuti o sono stati ricostruiti – sono residenze temporanee dove vive il resto della città. Una statua restaurata del XVI secolo dell’artista e architetto Cola del Amatrice si trova ai margini di un’area in rovina, accanto a un cartello che vieta i selfie.

READ  Mitsotakis: bar chiusi e intrattenimento notturno fino al polline

E nel luogo che una volta era ai margini della città c’è un gruppo di edifici moderni, costruiti in fretta intorno a un falso cortile. Del Gusto, della Tradizione e della Solidarietà è stato progettato nel 2017 dall’architetto Stefano Boeri, responsabile del famoso ‘bosco verticale’ di Milano. Circondato da montagne rigogliose, è un luogo che raccoglie i restanti ristoranti della città. E l’Amatriciana è il fulcro.

Musei e chiese possono essere stati distrutti, ma migliaia di turisti vengono ancora ad Amatrice per i loro piatti di pasta più famosi. E anche sotto un capannone improvvisato in un ristorante, rimane uno dei pasti più memorabili d’Italia.

Piatto di pasta preferito con salsa ricca

Al Ristorante La Conca, Elizabeth Pirelli non ha un menù stampato. Invece, ti dice cosa è disponibile. Per cominciare, puoi ordinare un piatto di salumi e salumi locali – Norcia, a un’ora di distanza, è famosa nel mondo per il suo prosciutto salato.

Ma poi, c’è solo una cosa che i turisti vogliono mangiare: gli spaghetti all’amatriciana. Come e perché è diverso dall’Amatrician che mangiamo in tutto il mondo?

A La Conca, la famiglia Perili usa spaghetti quadrati piuttosto che rotondi, poiché hanno più spazio per il sugo. La pasta è anche ruvida al tatto, non liscia, il che rende più facile l’adesione del sugo.

E se ti piace la salsa all’amatriciana con peperoncino, rimarrai sorpreso, perché qui, anche se aggiunge peperoncino, il gusto piccante e piccante proviene dai peperoni normali. Questo lo rende meno piccante di quanto ero abituato, ma è molto più piccante, quasi con l’idea di nocciola. È il calore che si diffonde in bocca mentre mangi. Ha un sapore più sottile di un’amatriciana a cui potresti essere abituato ed è abile.

Per quanto riguarda i ghoul, la cosa più importante è essere puliti. La famiglia ha prodotto i propri animali, ma come tutti gli altri qui, hanno perso i loro animali nel terremoto. Oggi acquistano ganali da un prodotto non molto tempo fa.

Conseguenze del terremoto

Il terremoto ha colpito la famiglia Pirelli come tutti gli altri ad Amatrice. La loro casa in centro è completamente distrutta, così come il loro ristorante, che il padre di Gabriel ha aperto negli anni ’50 ed era un popolare ritrovo per celebrità italiane, incluso il cantante Adriano Celentano.

Tuttavia, la sua famiglia descrive di essere stata fortunata ad avere una terra, così hanno costruito due case di tronchi in cui vivere, piuttosto che dover vivere in case prefabbricate costruite dopo il terremoto. “La città è diventata un cantiere edile. Non possiamo andarci a fare una passeggiata. Le nostre case sono appiattite al suolo e non possiamo visitarle. Non c’è niente”.

Dopo il terremoto, ai residenti è stato permesso di tornare a ciò che era rimasto delle loro case per vedere se potevano recuperare i loro averi. Quindi la città fu chiusa e considerata una zona militare. I residenti possono passare, ma non possono fermarsi e non possono visitare il sito delle loro vecchie case.

I segreti di cucina dell’amatriciana e cosa sono gli spaghetti alla Grecia

Ma qual è il segreto del grande Amatrius, secondo Pirelli? Assicurati che il comelale sia pulito e cotto con il resto della salsa, usando il grasso della carne per friggere il composto, piuttosto che cuocere prima le verdure in olio d’oliva.

Il piatto autentico di Amatrice sono gli spaghetti alla gritsia
Il piatto autentico di Amatrice sono gli spaghetti alla gritsia

Ma c’è un problema: secondo Elisabetta, la richiesta degli Amatricisti ad Amatrice è ciò che ti distingue come turista. Il vero piatto dell’Amatris, dice, è la pasta ala Grecia, l’amatriciana “bianca” (senza pomodoro), i cui ingredienti non sono altro che formaggio, pepe e pecorino. È considerato il piatto originale di Amatrice, poiché la gente del posto aggiungeva i pomodori nel XIX secolo.

Gli italiani hanno sostenuto Amatrice e la sua famosa salsa

La fama dei piatti – sebbene provenissero da qui, sia la Gritsia che l’Amatriciana sono strettamente legate a Roma – significa che gli italiani si sono uniti per sostenere Amatrice dopo il terremoto.

“Siamo stati fortunati”, dice Pirelli. “Le persone hanno donato e ci hanno dato l’opportunità di ricominciare da capo”. L’area Del Gusto è stata realizzata con le donazioni raccolte dal Corriere della Sera e dal canale televisivo L7, permettendo ai residenti di rimanervi fino a quando non hanno potuto riprendere il potere. “Avevamo molte meno persone quest’estate, ma molti italiani in vacanza sono venuti qui. Non ci sono hotel, ma sono venuti solo per il cibo”, dice Perelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *