inizio del declino in Italia, Draghi presenta il suo piano di recupero

Pubblicato su :

Bar, ristoranti e teatri riprendono il servizio lunedì in Italia mentre il capo del governo Mario Draghi, deve presentare il suo gigantesco piano di stimolo da oltre 190 miliardi di euro.

È l’inizio di un ritorno alla vita in Italia. Bar, ristoranti, cinema e teatri riaprono parzialmente lunedì 26 aprile, mentre il capo del governo Mario Draghi deve presentare al Parlamento il suo piano di risanamento finanziato dall’Unione Europea.

La penisola spera così di ritrovare una parvenza di normalità dopo mesi di alternanza tra drastiche chiusure e timide aperture.

La grande maggioranza delle venti regioni è ora classificata in giallo, il livello di rischio più basso di fronte alla pandemia. Bar e ristoranti possono servire sulla terrazza lì, e anche la sera, per la prima volta in sei mesi, anche se il coprifuoco dalle 22:00 è ancora in vigore.

Daniele Vespa, 26 anni, chef del ristorante Baccano a due passi dalla Fontana di Trevi, non nasconde la sua gioia: “È l’inizio di un ritorno alla normalità che porta un po ‘di aria fresca”.

“Speriamo che sia una bella riapertura e che al più presto potremo servire anche all’interno”, ha detto il giovane ad AFPTV mentre i suoi colleghi hanno finalmente rimosso le catene che legavano tra loro i tavolini dei bistrot in attesa del meglio. giorni.

Anche cinema, teatri e sale da concerto possono accogliere il pubblico fino al 50% della loro capienza. I prossimi saranno piscine, palestre e parchi di divertimento entro il 1 luglio.

Mario Draghi ha subito pressioni da parte dei leader regionali e diverse proteste per allentare le restrizioni anti-Covid.

READ  Spagna e Italia inaspriscono le condizioni di ingresso

L’ex presidente della Banca centrale europea ha ammesso di correre un “rischio calcolato” visto che l’Italia continua a registrare una media di oltre 300 morti ogni giorno, anche se i contagi e il numero di ricoveri in rianimazione diminuiscono.

La campagna di vaccinazione ha raggiunto una velocità di crociera con circa 350.000 dosi somministrate ogni giorno, tuttavia con disparità tra le regioni.

“È chiaro che se la graduale riapertura viene interpretata come un + Ritorno alla vita di prima +, un nuovo picco di contagi potrebbe compromettere la stagione estiva”, ha avvertito Nino Cartabellotta, a capo della fondazione GIMBE, specializzata in questioni di sanità pubblica.

Denaro europeo

L’Italia, il primo Paese europeo duramente colpito dalla pandemia all’inizio del 2020, ha perso quasi un milione di posti di lavoro e ha subito un calo del PIL dell’8,9% nel 2020.

La terza economia della zona euro conta quindi sul piano di mega stimolo adottato a luglio dall’UE, dotato di 750 miliardi di euro, per rinvigorire la propria economia. Mario Draghi dovrebbe presentare al Parlamento lunedì i dettagli del suo piano nazionale per spendere questa manna europea.

L’Italia è il principale beneficiario con 191,5 miliardi di euro di prestiti e sovvenzioni. Sabato è arrivato il primo “semaforo verde” dell’Unione europea al piano di ripresa italiano, ha annunciato Mario Draghi in Consiglio dei ministri dopo un’intervista telefonica al presidente della Commissione Ursula von der Leyen, secondo un portavoce del governo.

Eco Info
Eco Info © Francia 24

Tra le priorità elencate vi sono il rinnovamento di infrastrutture obsolete (autostrade, ferrovie, ecc.), Energie rinnovabili (idrogeno, ecc.), Internet ad alta velocità e la digitalizzazione di imprese e amministrazioni.

Un altro obiettivo sarà colmare il divario tra il nord e il sud della penisola, venendo in aiuto dei giovani e delle donne, particolarmente colpiti dalla crisi attuale.

Mario Draghi ha anche sottolineato l’importanza di affrontare problemi già presenti prima della pandemia, come la frode fiscale, la burocrazia o la lentezza della giustizia.

Le controversie sul piano di ripresa avevano contribuito in febbraio alla caduta del governo di Giuseppe Conte, predecessore di Mario Draghi, che si era improvvisamente visto paracadutare alla testa del paese incoronato dall’immagine di un salvatore.

“Mario Draghi è a capo di un governo di unità nazionale, che gli dà un ampio margine di manovra per attuare le riforme necessarie senza essere ostacolato dalla frammentazione dei partiti in Italia”, ha detto Jesus all’Afp. Castillo, economista di Natixis.

Con AFP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *