Code alla riaperta stazione di confine di Ormeni per i visitatori dalla Bulgaria – EVROS news

Alla stazione di confine armena, questa mattina, si sono viste code di diversi metri dalle auto di IX Visitors, dopo la decisione di ieri di riaprirla al mondo intero, ad eccezione dei camion fino ad ora consentiti.

Come ha scritto ieri Evros-news.gr, è stata pubblicata la Gazzetta Ufficiale, che consente l’ingresso per 24 ore al giorno da Ormenio, una richiesta che è stata aggressivamente avanzata da tutti nella Prefettura di Evros dallo scorso anno e che ora è stata soddisfatta. In poche parole, a parte i semplici visitatori che vengono in Grecia dalla Bulgaria o dalla Romania per motivi turistici, ci sono camion che portano a lunghe file di veicoli. Ecco perché la soluzione è creare due linee, IX separatamente e solo veicoli commerciali.

Attenzione: i greci che stanno andando in Bulgaria

Hanno bisogno di un nuovo test lì per tornare

Va anche notato che quei greci che desiderano visitare la vicina Bulgaria per qualsiasi motivo attraverso l’Armenia per entrare nel paese devono aver avuto un test negativo nelle ultime 72 ore. Tuttavia, questo non si applica quando vogliono tornare in Grecia, perché dovranno sottoporsi a un nuovo test sul coronavirus per tornare, perché sebbene ciò che hanno fatto quando hanno lasciato la Grecia li coprirà, è necessario un nuovo test. E quelli che erano soliti andare nelle vicine città bulgare per fare shopping o anche solo per divertirsi lo saprebbero.

Secondo la gazzetta ufficiale dei ministeri competenti diffusa oggi ieri, corrispondente al 14 aprile, le condizioni per entrare nel Paese sono:
1. Tutti i viaggiatori in Grecia, indipendentemente dalla nazionalità e dal metodo di ingresso, sono tenuti a compilare il modulo online PLF (Passenger LocatorForm), su https://travel.gov.gr, con i propri dati di contatto in Grecia prima di arrivare nel nazione. La prova della compilazione del modulo elettronico PLF, che viene automaticamente inviato per posta elettronica al passeggero dal sistema, è un documento di viaggio necessario. Un modulo PLF valido, insieme a un codice QR, è necessario per accedere a qualsiasi portale di ingresso del paese.

READ  Rinviato il processo a Matteo Salvini e convocata la giustizia al presidente del Consiglio Giuseppe Conte


2. Tutti i viaggiatori in Grecia, indipendentemente dalla nazionalità e dal metodo di ingresso in Grecia:
(A) Aver completato almeno quattordici (14) giorni di vaccinazione contro il Coronavirus
COVID-19 e fornire un certificato di vaccinazione in inglese, francese, tedesco, italiano, spagnolo o russo, rilasciato da un’autorità pubblica e in conformità con la legislazione pertinente. Il certificato di vaccinazione deve contenere il nome della persona come indicato nel passaporto, il tipo di vaccino somministrato, il numero di dosi e la data in cui sono state ricevute, oppure
B) È stato diagnosticato un negativo in un test di laboratorio per COVID-19 con il metodo della reazione a catena della polimerasi (PCR), che è stato eseguito prelevando uno striscio orale e orofaringeo o un tampone nasofaringeo (ba) durante le ultime settanta (72) ore prima del loro arrivo in Grecia,

B) Laboratori di riferimento del Paese di origine o di transito, oppure laboratori pubblici o privati
Di questi laboratori privati, a condizione che siano accreditati dall’autorità nazionale di certificazione competente nel paese e (b) abbiano ottenuto il certificato diagnostico di cui sopra, in inglese, francese, tedesco, italiano, spagnolo o russo, compreso il nome di una persona, come menzionato nel passaporto.
Invece, i viaggiatori in Grecia portano un certificato di malattia o una diagnosi positiva in questo modo
Validità della PCR o dell’antigene da due (2) a nove (9) mesi dalla data di malattia da essa emessa rilasciata da un’autorità pubblica in conformità con la legislazione pertinente, b) tramite laboratori di riferimento del paese di origine o di transito o pubblico o laboratori privati ​​purché si tratti di laboratori privati ​​certificati dall’autorità nazionale di certificazione competente del paese, (c) in inglese, francese, tedesco, italiano, spagnolo o russo, che
Includere il nome della persona come appare sul passaporto.
L’obbligo di cui al presente paragrafo si applica anche ai minori di età pari o superiore a cinque anni.

READ  Webinar del 1 ° Festival del Cinema Italiano, Evento - Cinema


3. I documenti necessari per i viaggiatori per entrare nel paese di cui ai paragrafi 1 e 2, i viaggiatori li presentano alla polizia greca, che può essere assistita a tal fine e tramite passaggi dal Segretariato generale per la protezione civile, per verificarne validità e completezza, con l’aiuto del Ministero della Governance Digitale.
4. I vettori aerei e merci, nonché le società di trasporto stradale e ferroviario, sono obbligati a controllare il passeggero prima della sua ascensione GAZETTE 22908 Numero B ‘1969 / 05.05.2021, per assicurarsi che abbia i documenti necessari descritti nei paragrafi 1 e 2 e in caso di violazione di tale obbligo si assume l’obbligo di rimpatrio. Il passeggero viene rimpatriato a proprio rischio e a proprie spese.
5. Tutti i viaggiatori in Grecia, indipendentemente dalla nazionalità e dal metodo di ingresso, sono soggetti al prelievo di campioni per una visita medica di laboratorio o esame per la rapida individuazione dell’antigene del Coronavirus COVID-19 (test rapido) sulla base di un algoritmo sanitario e devono, durante la loro permanenza nel paese, monitorare misure eccezionali per ridurre la diffusione del Coronavirus COVID-19, secondo i punti 1α / ΓΠ.οικ.28503 / 7.5.2021 (‘1872)
Decisione ministeriale congiunta, se del caso.

Gli esami vengono effettuati a passi dalla Segreteria Generale della Protezione Civile e dall’Organizzazione Nazionale della Sanità Pubblica, che ha il compito di condurre le visite mediche.
6. Le persone sottoposte al controllo del campionamento di cui al paragrafo 5 restano nell’area del gate di ingresso fino alla pubblicazione dei risultati del monitoraggio.
7. Le persone della categoria 5 sono soggette a restrizioni temporanee, a casa o in un luogo di residenza temporaneo appropriato stabilito dalle autorità competenti, per un periodo di quattordici (14) giorni nel caso in cui scoprono di essere state infettate dal Coronavirus (COVID-19.
8. Le persone che violano la presente, e fatte salve le sanzioni penali previste, saranno irrogate per ogni violazione con atto motivato dell’autorità competente ai sensi dell’articolo ventitreesimo del paragrafo 1, lettera a), del 14.3- Legge sul contenuto legislativo 2020 (A’64).), Ratificata ai sensi dell’articolo 3 della legge 4682/2020 (A’76), una sanzione amministrativa di cinquemila (5.000) euro. Soprattutto in caso di violazione del paragrafo 1, la sanzione amministrativa è di cinquecento (500) euro. Le sanzioni sono state incluse nelle entrate pubbliche (nessuna data 356/1974) nel Conto economico dettagliato (ALE) 1560925001 “Sanzioni per violazione di misure urgenti per fronteggiare la diffusione del Coronavirus COVID-19”.
9. In ogni caso, le persone presenti devono il resto durante il periodo
Durante la permanenza nel Paese, per tener conto delle misure eccezionali per limitare la diffusione del Coronavirus COVID-19, secondo la decisione ministeriale congiunta agli elementi D1a / GP.oik.28503 / 7.5.2021, come in ogni caso nell’imporre

READ  Gli anni di Berlusconi - Quando Calciu corrisponde alla politica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *