a Beaucaire, una campagna nei territori conquistati per il Raduno Nazionale

Dall’inizio della campagna elettorale, gli attivisti di Reconquête! mantenere un basso profilo a Beaucaire, una città del Gard di 16.000 abitanti. Non un cartellino “Z 2022” sui muri o un poster in evidenza del candidato di estrema destra per le elezioni presidenziali del 10 e 24 aprile. Anche Gilbert Collard, l’avvocato eletto dal 2019 eurodeputato nella lista del National Rally (RN), entrato a far parte della squadra di Zemmour a gennaio, non gioca sulla sua popolarità sulle rive del canale. “Veniamo, ma qui è speciale”, riconosce Anthony Leroy, del team Zemmour.

Dal 2014 la città è gestita da Julien Sanchez, un giovane pilastro della RN di cui è portavoce. Nel 2020, per il suo secondo mandato, ha superato il primo turno con 3.226 voti, ovvero il 59,5% dei voti espressi e un’astensione di quasi il 50%. Durante la campagna presidenziale 2017, il National Rally ha vinto il 55,47% al secondo turno. Da un’elezione all’altra, il voto sembra essere acquisito dalla RN.

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri iscritti Perché Marine Le Pen approfitta dell’estrema destra per le elezioni presidenziali

“Al National Rally, non hanno bisogno di fare campagna, sottolinea Didier Falleur, attivista di Beaucairois e Attac che non crede davvero in un voto Zemmour su queste terre. Quelli che votano sono notabili, contadini ricchissimi, pensionati. Non sono così numerosi ma fanno la differenza. Non cambierai Beaucaire. Il sindaco ha appena annunciato un bonus di 30 euro o 50 euro per i suoi dipendenti [à la mairie] e voilà. Sanchez è il gentiluomo com’de Beaucaire. »

Leggi la nostra analisi su Marine Le Pen: Articolo riservato ai nostri iscritti Marine Le Pen: un programma fondamentalmente di estrema destra dietro un’immagine attenuata
READ  Tre Fontane, l'unica abbazia italiana a produrre una birra trappista!

“Asilo nido per identità”

Situata al confine tra il Gard, le Bouches-du-Rhône e il Vaucluse, Beaucaire avrebbe quasi il fascino dei villaggi provenzali. Ma dietro la piazza centrale e le vecchie sale restaurate, le strade pedonali suggeriscono solo negozi chiusi, abitazioni fatiscenti, povertà appena nascosta… Città disastrata con un tasso di disoccupazione intorno al 20% e una numerosa popolazione di immigrati, Beaucaire è diventata un laboratorio per il partito di estrema destra. “È un vivaio di identità”analizza Marie-Françoise Labbe, ex insegnante di francese. “Il vero problema con noi è che alla gente non interessa quello che succede in municipio, nel modo di governare, non più che nella politica a livello nazionale”osserva il Beaucairoise.

Nel centro cittadino di Beaucaire molti negozi hanno chiuso e per alcuni residenti la sera

Philippe Reynaud, appena in pensione, non condivide “non i valori del Raduno Nazionale” e ostacolerà le elezioni presidenziali. Ma non ci sono dubbi sul risultato finale: “Beaucaire una volta era comunista, ma molto tempo fa si è spostato nell’estrema destra. » L’effetto Zemmour? “Invisibile! lui pensa. Qui c’è solo il sindaco, è ovunque. »

Hai ancora il 41,98% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.