LETTORI IN DIRETTA – Gattuso: “La bugia sulla lotta! Giocare bene non basta, serve cattiveria!”, Koulibaly: “Abbiamo paura se ci criticano così per un KO a 2 colpi!”

Cari lettori di Tuttonapoli.net, alle 13:30 si svolgerà la conferenza stampa di presentazione della partita che domani il Napoli giocherà contro il Rijeka. indignato Gennaro Gattuso, il difensore azzurro parlerà anche ai giornalisti Kalidou Koulibaly. Qua Tuttonapoli.net puoi leggere le dichiarazioni dei due protagonisti in tempo reale

13.34 – Inizia la conferenza stampa

Per Kalidou, hai criticato il carattere e la leadership, cosa dici?Non ho niente da rispondere, sappiamo che era una partita importante, è un peccato per la sconfitta, sappiamo cosa abbiamo sbagliato, mancava la mentalità, sappiamo tutto, lui Ci sono stati episodi, non siamo stati bravi e ci lavoreremo. “

Cosa è andato storto durante la fase difensiva? “Abbiamo subito poco, hanno segnato due gol con Ibrahimovic, un giocatore difficile da segnare, la terza in finale quando abbiamo provato a pareggiare, ma è stata la partita, abbiamo subito poco e abbiamo avuto occasioni. Molte critiche, ma le vedo. come motivazione, mostreremo che non siamo chi vedono oggi. Abbiamo due gare difficili, ma possiamo farcela e da domenica possiamo iniziare un altro campionato “.

Sul rapporto con Gattuso e su quanto detto nei giorni scorsi: “Non ci sono dubbi, l’allenatore sa che siamo dietro di lui al 100%, siamo sempre disponibili. Il resto, tutto ciò che viene detto, è solo motivazione. Mi piace quando parlano così, nessuno sa cosa sta succedendo nel nostro spogliatoio. Abbiamo perso una partita contro i primi in classifica, tutti sono controversi, ma hanno paura di noi se tutti parlano dopo una sconfitta con il primo, abbiamo davvero paura e ne siamo consapevoli. Lo proveremo domani e domenica! “

READ  Nuovo progetto Dpcm per il 4 dicembre: viaggio e cena. Divieti e cosa si può fare a Natale

13.42 – Adesso è a Gattuso

Come influiscono gli eventi esterni, compresi i salari? “Nella mia squadra pensano di lavorare, firmiamo contratti importanti, personalità importanti e siamo protetti, al momento non dobbiamo pensarci, sarebbero alibi, con me chi cerca alibi non può resta con me. Lavoro 300 all’ora ogni giorno, voglio persone con passione. Vedo tutto nella mia squadra, la squadra mi segue, i numeri dicono che giocano un grande calcio ma hanno bisogno di più malizia, malizia, ma sono contento della squadra, poi qualcuno qui a Il Napoli pensa che dobbiamo fare 130 punti e non perdere mai, ma so che calcio offriamo, possiamo fare di meglio, ma mi piace molto il percorso che abbiamo iniziato. “

Hai mai visto una reazione della squadra? “Quello che hai scritto non è vero, completamente, ho parlato con la squadra, non ne ho discusso, non ho niente da fare, l’impegno è ancora lì, c’è l’appartenenza, ma in questo momento tutto ciò non basta e voglio qualcosa di più. Giocare bene ci fa sedere, questo non dovrebbe accadere, a volte devi leggere le partite, a volte devi soffrire e diverse volte da quando ci sono stato, dava la sensazione di non subire mai gol, devi tornare a senti il ​​pericolo. Non puoi giocare bene 90 ‘, è quello che voglio, forse non mi esprimo bene ma ho detto subito a Sky che la responsabilità è mia dopo un anno, lui no ‘Non c’è stata strage, non è vero che scommetto sui giocatori, la squadra sa come intendo il calcio. ”

Nelle ultime 7 partite il Napoli è caduto 5 volte, c’è un problema di avvicinamento? “Forse si, non conoscevo quella cifra, abbiamo perso tante partite nel primo tempo, anche con il Milan nel primo 15-20 non ricevuto, quindi male in costruzione, bisogna pensarci, ne parliamo. con lo staff per migliorare La squadra è buona, ha qualità, senza essere forti non torniamo dopo il primo tempo anche con Fiume e Benevento, quindi dobbiamo alzare l’asticella entrando subito in partita, senza dai perché nessuno ci regala niente, devi leggere anche gli altri dati, non solo giudicare i risultati: la squadra fa tante grandi cose, ma per distruggere gli avversari manca questo passaggio.

READ  Francesco Moser: "Voglio che il ciclismo italiano trovi il gradino più alto del podio"

Il Napoli segna 1 gol ogni 7 tiri effettuati. “Siamo così sbagliati, ieri abbiamo mostrato alla squadra 7 clip che eravamo superiori, 2 clip 4 noi e 2 loro e avevamo il supporto sbagliato. Dries era un cecchino gli altri anni, ora lui è molto sbagliato con la sua posizione, a livello balistico facciamo qualcosa di più ma non possiamo sempre farli sparare se giochiamo ogni 3 giorni. La qualità del gioco non mi preoccupa, ma quando dico cattiveria è non è solo quando non abbiamo palla, ma anche quando ce l’abbiamo, facciamo tanti errori e dobbiamo dare di più ”.

La strada è sempre quella del confronto? Sceglieresti sempre Politano vicino a Mertens? “Sì, per tutta la vita è stato tra i migliori in campo, non sapevano come prenderlo, aveva 4-5 occasioni, l’ha fatto anche al Sassuolo. Io non vado forte tutti i giorni, ci sono momenti di carezze, di complimenti, di altri da mandare a farsi fottere chi se lo merita, io sto molto attento. La parola mentalità è ampia, ho solo detto che bisogna alzare l’asticella, giocare d ‘un altro modo, non pensare solo al nostro partner, siamo forti e lo sappiamo, sono orgoglioso di allenare questa squadra, ma dobbiamo aggiustare il modo in cui siamo in campo. né in paradiso né sulla terra “.

14:00 – Termina la conferenza stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *