Juventus, Andrea Pirlo molto duro con la squadra: le sue parole

Qualificazione per Ottavi di finale di Champions League arrivato, ma annuncio Andrea Pirlo il Juventus vista contro il Ferencvaros non è piaciuto affatto. Il tecnico bianconero ha voluto una prestazione simile a quella con il Cagliari, e invece, i campioni d’Italia hanno faticato più del dovuto, trovando il gol della vittoria solo al 92 ‘ con Alvaro Morata.

“L’obiettivo era quello di entrare in campo con un atteggiamento diverso – ha detto il Maestro ai microfoni di Sky – lo abbiamo detto prima della partita, negli spogliatoi prima di entrare, ma sappiamo che quando giochi a quei giochi che in superficie sembrano semplici, poi incappi in difficoltà ec così è stato stasera. Siamo stati un po ‘troppo superficiali e poi devi fare un gioco di caccia ”.

Gli ungheresi, soprattutto nel primo tempo, sono stati molto pericolosi in contropiede: “Non abbiamo fatto una prima compressione così forte come ci eravamo preparati, forse dopo tante partite è normale non avere sempre la stessa intensità. però era importante non sfilacciarsi, non restare a lungo per fare quei riavvii. Nel primo tempo ne abbiamo avuti un po ‘, poi nel secondo ci siamo un po’ calmati ”.

Pirlo è tanto difficile anche con chi è subentrato nel secondo tempo, ad eccezione di Morata: “Mi aspettavo di più ma è stata una partita dura hanno chiuso molto bene e abbiamo dovuto provare ad allargarli con il gioco, con i passaggi, cercando invece di andare fianco a fianco più velocemente il ritmo della palla non era alto e così era più facile per loro salire da destra a sinistra. Doveva essere girato rapidamente poi trova lo spazio per attaccarli ”.

READ  Coronavirus: 71 morti e 321 nuovi contagi in Italia

Di Ligt sono appena tornato punto di riferimento in difesa: “È davvero un ritorno importante, lo conoscevamo, è un campione in tutti i modi, sia tecnicamente che umanamente, è già un capitano a 20 anni, quindi lo aspettavamo da tanto tempo. Questo ci permette di essere più aggressivi, ma anche in fase di preparazione può darti tanto, quindi riesce a mantenere la squadra corta ”.

Arthur non ha brillato: “Oggi era un po ‘ostinato a portare di più la palla rispetto ad altri giochi, cercare sempre internamente la soluzione diretta, mentre al contrario il campo doveva essere aperto e allargare le loro maglie. però è un attore in crescita soprattutto anche a livello fisico. E stasera, anche sotto questo aspetto, non si è arreso. Ma sicuramente dobbiamo aprire di più il gioco per dare ai nostri giocatori la possibilità di giocare uno contro uno ”.

Problemi anche per Dybala, ma non è una novità: “Non ha funzionato molto bene ma da allora sta crescendo proviene da un’infezione. Deve trovare la forma migliore e per farlo deve superare la soglia già in allenamento.

OMNISPORT | 24-11-2020 23:49

Carattere: Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *