Diretto Lazio-Zenit 3-1 diretto: immobile freddo del dischetto

31 ° Sguscia Akpa Akpro, che costringe Rakitskiy al cartellino giallo.

28 ‘Mentre lo Zenit ha effettuato altri due cambi. All’Olimpico il tempo vola con la Lazio che continua a concentrarsi e non si espone a pericoli inutili.

25 ‘fa Acerbi per terra. L’arbitro inglese ha fermato la partita. Problemi alla spalla per il difensore che sembra ancora in grado di restare in campo.

23 ‘ Cataldi e Prezzi dentro. Inzaghi ricorda Lazzari e Leiva.

Il 21esimo Malcom è bravo a controllare con il mancino e creare spazi per la conclusione. Ma è centrale e Reina blocca senza problemi.

19 è lì Lazio fino a. Chi gestisce, non corre rischi, si raggruppa e riparte alla velocità della luce. Gioco sempre aperto. Ma il team di Inzaghi può spegnerlo in qualsiasi momento.

14’st Doppio cambio anche per Inzaghi: Premier Akpro e Luiz Felipe sostituire Parolo e Patric.

13. Prova a rimettere in gioco lo Zenit e Semak ordina subito due sostituzioni: fuori Barrios che ha rischiato un doppio giallo dal dischetto, dentro Driussi. Mostovoy anche per Musaev.

9 ° GOAL LAZIO: Immobile fa freddo a 11 metri. Diritto di cross che non lascia scampo a Kerzhakov. Doppio e terzo gol in due partite di Campioni.

8’st Rigore per la Lazio. Lazzari Buck a destra, alza la testa e trova Immobile che ha seguito l’azione. L’attaccante di Inzaghi anticipa il diretto avversario e viene poi abbattuto da Barrios.

7 ° Lovren ci prova. Ma la sua conclusione va ben oltre la traversa.

Al 6’pt la Lazio ha chiuso nella propria metà campo per il momento. E lo Zenit conquista un calcio di punizione dal limite dell’area.

4’st Sugli sviluppi del calcio di punizione ha buone possibilità Immobile, che controlla ma non influisce sulla sfera.

3 ‘ Lovren Interviene decisamente su Correa: fallo e ammonizione per il difensore dello Zenit.

READ  Giovanni Toti over 70 su Twitter: "Non sono essenziali" - Corriere.it

Il 2e Zenit avanza subito con Erokhin che cerca di far preoccupare Reina con la testa. Palla e non poco.

1 ° avvio di recupero all’Olimpico. Nessun cambiamento.

Immobile proprio adesso. poi io parlo. Ma lo riapre Dzyuba. La Lazio avanza alla fine del primo tempo che dopo un inizio importante perde la bussola per pochi minuti ei russi tornano in partita. Tuttavia, la squadra non rischia nulla Inzaghi che ha due possibilità di allungare: prima con io parlo ti mette fuori dalla giusta posizione; poi con Lazzari che non è preciso e regala a Kerzhakov la sfilata della serata. Sarà un secondo tempo interessante.

46’pt Il primo tempo si chiude.

46’pt clamorosa opportunità per Lazzari, che da solo davanti a Kerzhakov colpisce alto, facilitando l’intervento del portiere russo.

45 ‘pt Ci sarà 1’ recupero.

44’pt Posizione lunga per Luis Alberto per Correa.

40’pt Grande opportunità per Lazio, che si verifica ancora ai piedi di io parlo. Correa perfora sulla sinistra e mette in mezzo, arriva il centrocampista che colpisce con il sinistro in modo impeccabile ma non trova lo specchio del gol da buona posizione.

Al 38 ‘la squadra di Inzaghi può diventare molto pericolosa con i riavvii. Soprattutto perché Zenith deve comunque scoprire se stessa. E in uno di questi Barrios stende Immobile e ottiene il primo cartellino giallo del match.

37 ‘pt Douglas Santos non ce la fa. Entra SETURMIN. Primo cambio di gioco.

35’pt La partita si è conclusa per diversi minuti a causa di problemi con Douglas Santos. Il gioco è ora ripreso.

Al 31 ‘la Lazio ha pagato un po’ il gol russo. Quello che ora appare meno sereno dei primi 25 ‘.

28’pt Lazio ripresa da Correa che serve al momento giusto Luis Alberto che arriva davanti a Kerzhakov: il portiere dello Zenit è bravissimo in uscita e chiude lo specchio.

READ  Stefano Ghisolfi apre la via più difficile d'Italia: "Erebor" 9b / +

Al 27’pt la squadra di Semak sfiora la parità, questa volta con Erokhin che però da buona posizione manda alle stelle.

25 piedi ERA UN GOAL: Il doppio vantaggio biancoceleste dura poco. Dzyuba lo riapre, con un bel sinistro da dentro l’area di rigore. I russi quindi restano in gioco.

22 piedi LAZIO GOAL: Il doppiaggio viene fornito con io parlo. Lazio nella gestione totale della partita. L’azione che parte da Luis Alberto, prosegue con Correa in appoggio al capitano della serata che, senza pensarci, si conclude con una prima intenzione sull’aiuto del compagno.

Al 20 ‘l’azione della Lazio fino al momento si sviluppa prevalentemente sulla sinistra, Acerbi e Marusic molto stressati. Non è ancora entrato in gioco Lazzari.

19’pt Ci proviamo Luis Alberto dalla distanza. Conclusione potente del centrocampista di Inzaghi che però non preoccupa più di tanto Kerzhakov.

Al 16 ‘pt la squadra di Inzaghi gira il pallone, cercando uno spazio per raggiungere l’area di rigore. Dopo diverse triangolazioni Luis Alberto per servire Correa che va uno a uno, ma non riesce a concludere. Zenith è salvato.

13 piedi Lazio in costante proiezione offensiva che trova due calci d’angolo consecutivi. Poi Patric commette fallo in attacco.

10’pt Non mette palla al centro Lazio ma prova a muovere la palla. Riuscendo anche a trovare una buona occasione. Ma la difesa disadorna di Zenith tiene lontana la minaccia.

Iniziativa 9 ‘pt a sinistra con Acerbi che raggiunge il fondo e incrocia. Inserimento di Parolo che ottiene un corner.

6’pt La prima conclusione nello specchio del gol dello Zenit è di Malcom: volata centrale e sinistra che non mette in difficoltà Reina.

READ  Borsa Italiana, commento della seduta odierna (13 ottobre 2020)

La partenza della Lazio al 5 ‘è stata fantastica. Non solo per lo scopo. Ma anche per l’atteggiamento della squadra Inzaghi. La squadra biancoceleste ha subito messo le cose in chiaro.

3 piedi GOAL LAZIO: Proprio adesso Immobile. Riceve palla al limite dell’area, si volta e tira alle spalle di Kerzhakov. Bel gol di Ciro, al secondo centro del Campioni. Partita in discesa.

1’pt parti. Il primo pallone della partita arriva dallo Zenit.

Squadre all’interno del rettangolo verde. Suona l’inno di Campioni.

Tutto è pronto all’Olimpico, presto in campo Lazio e Zenit per il quarto turno di Champions League.

il ottavi Sono qui. Pochi passaggi. Una vittoria di stasera li avvicinerebbe molto. Il Lazio torna all’Olimpico dopo il doppio giro esterno e accoglie lo Zenit Campioni. In Russia, Caicedo, in fretta, è stato decisivo con il gol dell’1-1. L’ecuadoriano siederà di nuovo in panchina questa volta, pronto a partecipare alla gara in corso. In attacco, Inzaghi, classifica i due molto titolari: Correa ma soprattutto Immobile, lontano dalle classifiche Champions dalla prima partita contro il Borussia Dortmund, quando era il migliore in campo. In casa biancoceleste il problema si apre Luis Alberto: ma lo spagnolo sarà comunque a terra. Il tecnico biancoceleste non vuole e non può farne a meno. Il passaggio uno contro uno è assente da 20 anni. Un’eternità. Ecco perché la partita contro i russi di Dai un’occhiata è decisivo. Una notte che può diventare storica.

DOVE VEDERLO: La partita sarà trasmessa da Sky Sport e in chiaro Canale 5.

FORMAZIONE UFFICIALE

LAZIO (3-5-2): Reina; Patric, Hoedt, Acerbi; Lazzari, Parolo, Leiva, Luis Alberto, Marusic; Correa, Edificio. Allenatore: Inzaghi.

ZENIT (4-3-3): Kerzhakov; Malcom, Lovren, Rakitskiy, Douglas Santos; Barrios, Erokhin, Mostovoy; Zhirkov, Kuzyaev, Dzyuba. Tutti.: Semak.

ARBITRO: Oliver (Inghilterra).

Ultimo aggiornamento: 22:34


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *