Paul Pogba sospeso per doping in Italia

Paul Pogba sospeso per doping in Italia

Il nazionale francese Paul Pogba è stato sospeso provvisoriamente per doping. Lo ha annunciato l’agenzia antidoping italiana (Nado) in un comunicato inviato all’Agence France-Presse (AFP) lunedì 11 settembre.

Il giocatore è risultato positivo al testosterone, il che conferma le informazioni dei media italiani Corriere della Sera E Gazzetta dello Sport. La Juventus Torino, il suo club, ha precisato in un comunicato che il controllo risale al 20 agosto, dopo la partita contro l’Udinese, valevole per la prima giornata del campionato italiano. Una partita durante la quale Paul Pogba non è entrato in gioco.

Il testosterone è un ormone utilizzato in ambito medico per trattare patologie gravi, ma nello sport è considerato un prodotto dopante. Se il secondo parere del suo campione B conferma la presenza di metaboliti del testosterone, Paul Pogba rischia una sospensione di quattro anni.

Lo precisa la Juve nel suo comunicato “si riserva la possibilità di valutare i prossimi step della procedura”, suggerendo che stesse aspettando il secondo parere. Stessa cosa per l’agente di Paul Pogba, Rafaela Pimenta, che sottolinea di essere lei “Non posso avere un’opinione prima dei risultati”. “Ciò che è certo, lei continua, Paul Pogba non ha mai voluto infrangere una regola. »

Una stagione segnata da ripetuti infortuni

Il calciatore francese è tornato alla Juventus nell’estate del 2022 dopo sei stagioni al Manchester United. A 30 anni, ha vissuto una stagione 2022-2023 da incubo dentro e fuori dal campo. Il campione del mondo 2018 ha subito inizialmente degli infortuni, che hanno limitato a dieci il numero di partite giocate quest’anno e lo hanno privato della Coppa del Mondo 2022 in Qatar. È stato anche vittima di un tentativo di estorsione organizzata in cui era coinvolto uno dei suoi fratelli.

READ  opere d'arte per combattere la pesca illegale
Leggi anche: Articolo riservato ai nostri abbonati Il caso Paul Pogba, uno scenario degno di un film di gangster

Colui la cui ultima partita risale al 14 maggio è tornato alle competizioni il 27 agosto in occasione del pareggio interno della sua squadra contro il Bologna (1-1), nel campionato italiano. “Certo che sono felice di essere tornato in campo, di poter fare di nuovo ciò che amo di più al mondo, di stare bene fisicamente e di poter aiutare la squadra” ha dichiarato alla piattaforma Dazn, al termine dell’incontro.

Arrivò il fine settimana successivo durante la partita contro l’Empoli, contando per 3e giornata di campionato, ma ha concluso la partita debilitato a causa del dolore alla coscia destra. Gli esami poi si sono rivelati rassicuranti.

Poco prima dell’annuncio del risultato positivo del suo test, il francese ha assicurato di averlo fatto ” rabbia ” E “la voglia di giocare” questa stagione, credendo che i suoi problemi extra-sportivi lo avessero fatto ” più forte “in un’intervista trasmessa dal canale televisivo del Qatar Al-Jazeera.

Il mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *