Uno scarabeo “che divora tutto” rilevato a Basilea, “preoccupazione” nella regione

Un piccolo indovinello per iniziare. Cosa è minuscolo, da 8 a 15 millimetri, si muove quasi ovunque nel mondo ed è molto spaventoso? Risposta: la “popilia japonica”, o coleottero giapponese, il paese da cui ha origine. Un esemplare maschio dell’insetto è stato individuato in uno scalo merci a Basilea (Svizzera), a metà luglio, e poiché le autorità francesi sono preoccupate.

Come mai ? “Perché divora tutto e si moltiplica molto velocemente”, riassume Nathalie Gourbeau, del Servizio alimentare regionale (SRAL). I suoi servizi, con la prefettura di Grand-Est, hanno appena pubblicato a fine ottobre un appello alla vigilanza sul famoso coleottero. “Tutti sono invitati a essere vigili la prossima primavera nei confronti di questo coleottero e a segnalare alla SRAL ogni sospetto (se possibile con foto)”, vi è scritto in particolare.

Per il momento non è stata fatta alcuna segnalazione. E non è più per questo autunno o inverno, la “popilia japonica” vola solo in estate. “Ma depone le uova, soprattutto nei giardini e nei prati, e le sue larve emergono in primavera”, continua lo specialista, che non ne ha mai catturate. Intorno a Basilea, ma anche sull’asse tra la città svizzera e Strasburgo, era stato però allestito un vasto dispositivo di cattura.

Una trappola giapponese per coleotteri ambientata in Alsazia. – DRAAF

Perché l’insetto è qualificato come “autostoppista”. Percorre grandi distanze con i mezzi di trasporto ed era appena arrivato in Europa proprio così. “In Italia ha già fatto molti danni che si ripercuotono sui raccolti e quindi hanno conseguenze economiche”, precisa Nathalie Gourbeau, riferendosi alle colture agricole, arboree e viticole. L’individuo, che non ha alcun impatto sulla salute umana, attacca qualsiasi foglia e la trasforma in pizzo.

“Probabile il suo arrivo sul territorio”

Peggio ancora, attualmente non ci sono predatori conosciuti in Europa… “Ma gli italiani stanno testando trappole di massa per aspirazione meccanica e abbiamo anche studi in corso sui funghi parassiti. Stiamo lavorando a soluzioni per contenere adeguatamente questo parassita “, afferma il rappresentante della Direzione regionale per l’alimentazione, l’agricoltura e le foreste. Convinto che lo scarabeo giapponese non dovrebbe fermarsi per sempre al confine. “Un giorno o l’altro, a causa degli scambi, è probabile il suo arrivo sul territorio. “

READ  Un architetto italiano ha progettato la casa minuscola per eccellenza

I viticoltori alsaziani ne sono consapevoli. “Non abbiamo molte informazioni su questo argomento ma sappiamo che la bestia si sta avvicinando. Siamo in standby”, spieghiamo all’associazione che li riunisce (AVA). “C’è qualcosa di cui preoccuparsi. “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *