Calcio: Accordo Feignies – Aulnoye: il Bangaly Diawara ha firmato un contratto con un pro club italiano, il Sassuolo

L’accordo Feignies Aulnoye, che vede tre squadre a livello nazionale, una rarità eccezionale per un club dilettantistico, si fa sempre più notare con i suoi risultati eccezionali. Inoltre, sempre più club professionistici sono interessati ai Sambriani.

Tutto nasce dal talento dei giocatori, certo, ma i risultati arrivano anche dagli educatori sportivi. “Ogni giorno cerchiamo di aiutare i giovani a percorrere le fasi tecniche, atletiche, tattiche e soprattutto mentali. Per questo alterniamo feedback video individualizzati/collettivi per capire le aspettative e percepire gli assi di progressione di ciascuno, lavoro tattico per linea, giochi, lavoro atletico, lavoro alla stazione e soprattutto ci prendiamo il tempo per scambiare con i giocatori, per il bene di tutti. L’addio di un nostro giocatore può sembrare un duro colpo al momento (soprattutto qui a fine ottobre) ma è anche gratificante, perché anche se ovviamente il primo merito va al giocatore, ci diciamo che potremmo hanno giocato un piccolo ruolo nel rendere le cose possibili”Indica l’allenatore dei Nazionali U19, Bastien Riglaire.

Diversi giocatori dell’EFAFC sono entrati a far parte dei centri di formazione dei club professionistici. Sofiane e Logan si unirono al VAFC, JRenson si unì all’ESTAC, poi si unì al club italiano Hellas Verone, o anche Enzo che partì per l’AS Nancy. “Ora tocca a Bangaly seguire i suoi compagni di squadra. diventa il 5e giocatore della generazione 2003 e in evoluzione in Nazionale con noi per entrare in un club professionistico, il Sassuolo, club di 1tempo divisione del campionato italiano. A volte è difficile per un educatore vedere i suoi elementi migliori volare in altri cieli, ma in EFAFC ragioniamo in modo diverso. Infatti cerchiamo di fare il massimo per aiutare i nostri giovani a fare i passi, a lavorare sodo, e quindi a progredire per essere portati ad entrare a far parte dei club professionistici, i sogni dei nostri giovani.. “

READ  L'alpinista italiano Cesare Maestri è morto, portando via il suo segreto

Abbiamo avuto la possibilità di intervistare Bangali Diawara per telefono. E sì, era andato lì per una settimana di prova, e non è tornato. Questo è talento.

Perché ha scelto l’accordo Feignies-Aulnoye quasi tre anni fa?

Ho scelto il Feignies-Aulnoye perché è un club che permette ai giovani di progredire molto, che si evolve in 17 e 19 nazionali, campionati ad altissima visibilità con la speranza di sfondare nel calcio. Quando sono arrivato ho ricevuto un’ottima accoglienza. C’è una buona atmosfera ma mi ci è voluto un po’ per adattarmi per capire i requisiti, le tattiche, le aspettative…

Da quanti anni hai suonato all’Entente Feignies-Aulnoye? Quanti gol hai segnato? In quale ambito sei migliorato?

Sono rimasto due anni e mezzo e ho segnato 15 gol in 25 partite di Nazionale. Penso di aver fatto molti progressi nell’applicazione dello schema tattico, nelle qualità delle gare offensive, nei miei piazzamenti e sostituzioni ma anche in termini di lucidità davanti alla porta.

Qual è il tuo ricordo migliore? E il peggio?

Il mio peggior ricordo è il mio debutto in U17 dove non ho giocato in Nazionale ma in R2. I ricordi più belli sono prima di tutto la mia doppietta contro l’Amiens nel Challenge Jean Leroy che ha poi permesso alla squadra di qualificarsi per la finale a Clairefontaine. E poi, nei bei ricordi c’è la fiducia data dal mio allenatore Bastien Riglaire. Non posso ringraziarlo abbastanza. Il club dell’Intesa mi ha dato molto, con Johan Jacquesson, mio ​​allenatore nei Nazionali U17, e Bastien Riglaire, mio ​​allenatore per due anni nei Nazionali U19. C’erano, sia in campo che fuori. Sono stati come dei secondi papà per me.

READ  POL-HA: Bilancia: i tifosi italiani festeggiano serenamente dopo la vittoria finale del Campionato Europeo

Com’è nato questo incontro con il Sassuolo?

Ho segnato contro grandi squadre, contro Lens, PSG, contro Drancy, la migliore squadra dilettantistica del nostro campionato. Gioco sempre duro in ogni partita, ma nelle partite importanti trascendo me stesso. Questa è una delle mie grandi qualità. Dopo la mia buona prestazione, il mio agente mi ha mandato a fare un test lì per una settimana. L’accoglienza è stata buona e il test conclusivo. Mi è stato offerto un contratto che ho accettato e firmato.

Hai esitato a firmare lì?

Sì, ho esitato. La barriera linguistica mi spaventa, e poi sono stato all’Intesa. Ma il mio desiderio di entrare in un club professionistico era più forte. Sono molto determinato ad avere successo. Sono partito con il cuore pesante perché lascio persone che apprezzo molto ed è una partenza frettolosa. Mi sarebbe piaciuto poter essere lì contro il Caen per salutare i miei compagni, i miei allenatori e tutti i dirigenti.

Quali sono i tuoi obiettivi ?

Lì gioco con i Nazionali U21. Ma voglio entrare nella prima squadra del Sassuolo. Voglio essere un giocatore professionista, voglio essere una star.

Quale giocatore ti ispira?

Ce ne sono due che mi ispirano molto e, per fortuna, sono entrambi attaccanti. Sono Lukaku e Ronaldo (CR7).

Su cosa devi lavorare per sperare di fare qualcosa lì?

Ho ancora diverse aree di miglioramento. Devo essere ancora più efficiente e ancora più killer davanti alla porta.

Rimarrai in contatto con i tuoi ex compagni di squadra e allenatori?

Continuerò a monitorare le prestazioni ei risultati dell’Accordo. Sono sempre in contatto con i miei compagni di squadra e ho regolarmente il mio allenatore Bastien al telefono.

READ  Tunisia: manifestazione a Sousse per la restituzione dei rifiuti illegali italiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *