Threads sta lanciando un test dal vivo della sua opzione di archiviazione automatica dei post

Threads sta lanciando un test dal vivo della sua opzione di archiviazione automatica dei post

Nonostante la diffusa opposizione degli utenti a un'opzione di completamento automatico nei thread, che eliminerebbe effettivamente i tuoi post dalla visualizzazione pubblica dopo un certo tempo, il team dei thread sta andando avanti con l'esperimento in entrambi i casi, con alcuni utenti dei thread ora in grado di impostare l'orario di archiviazione per i loro aggiornamenti, se lo desiderano, nell'app.

Come ha spiegato Responsabile Temi Adam Mosseri:

“Abbiamo iniziato a testare l'*opzione* per archiviare i post con un numero limitato di persone. Puoi farlo manualmente, per i singoli post, oppure scegliere di archiviare automaticamente tutti i post dopo un certo periodo di tempo se desideri che il tuo pubblica di nuovo il post pubblicamente, puoi sempre rimuoverlo dall'archivio quando vuoi. Ho eseguito di nuovo il sondaggio e il feedback clamoroso è stato quello di non renderlo predefinito, quindi lo proveremo come opzione.

Penso che ci tenga a chiarire che questo è già qualcosa La mia scelta sessione.

Come ha notato Mosseri, a febbraio ha introdotto l’idea dell’archiviazione automatica dei post dei thread, che entrerebbe in vigore dopo 30 giorni.

Ha poi condotto un sondaggio d'opinione su questa idea, che era clamorosamente contraria al concetto.

Archivio argomenti

Ma Mosseri lo credeva da tempo Il modo migliore per andareChe gli utenti se ne rendano conto o no, ecco perché Threads sta ancora lavorando al progetto, anche dopo questa risposta.

Quindi sarebbe davvero un aggiornamento utile?

Bene, in teoria, questo potrebbe essere in linea con le più ampie tendenze di utilizzo delle piattaforme social, che hanno visto sempre più utenti evitare di postare pubblicamente, scegliendo invece di postare in chat di gruppo private.

READ  SwitchBot Hub 2 mantiene la tua casa intelligente funzionante in armonia con il supporto di Matter - Yanko Design

Infatti lo stesso Mosseri lo ha sottolineato ancora 2022 (Riguardo Instagram):

Gli amici ora pubblicano molto di più nelle Storie e inviano molti più messaggi diretti rispetto al Feed.

Quindi questa è una tendenza che Mosseri stesso ha supervisionato, e la ragione di questo cambiamento potrebbe essere che le persone non vogliono lasciare i propri post online per sempre, poiché ciò potrebbe essere usato contro di loro in una fase successiva.

Lo abbiamo visto con celebrità e politici, dove i loro post passati sui social media tornano a perseguitarli e, di conseguenza, fanno anche perdere loro opportunità. Questo è probabilmente uno dei motivi per cui le persone sono più riluttanti a condividere i propri pensieri e opinioni su ogni app, perché non vogliono che sia associata per sempre alla loro personalità.

Pertanto, è logico che Mosseri, in particolare, la veda come una potenziale soluzione, che potrebbe aiutare ad alleviare le preoccupazioni sull’editoria. Ma non credo che questo sia il motivo principale della riluttanza a pubblicare.

Sospetto che il motivo principale per cui le persone smettono di condividere in pubblico come spesso fanno sia a causa di discussioni e critiche, poiché ogni post porta con sé il potenziale per i troll, che possono prosciugare la tua energia mentale in risposta.

Questo è probabilmente ciò che ha portato a una riduzione del discorso di attualità più ampio, mentre molte persone hanno rinunciato a condividere tutti i loro pensieri con il mondo intero tramite app social.

Perché a chi importa?

All'inizio, quando i social media sono diventati una realtà, è stato emozionante avere la propria piattaforma di streaming, il proprio soapbox digitale e un modo per condividere le proprie opinioni su tutto con il mondo. Ma ancora una volta, la controversia e il flusso costante di opinioni casuali e post di spam hanno allontanato le persone. Ora, pubblicare aggiornamenti giornalieri casuali non è più così entusiasmante come una volta.

READ  La NSO israeliana indaga sull'uso del suo software Pegasus per spiare i diplomatici statunitensi

Sospetto che questi siano fattori più importanti dei post che rimangono per sempre, ma come sottolinea Mosseri, è solo un'opzione, e forse questo spingerà più utenti a condividere più opinioni, sapendo che non rimarranno per sempre.

Voglio dire, lo faranno. Dì qualcosa di divertente o abbastanza stupido e qualcuno lo raccoglierà e lo manterrà. Ma come misura di sicurezza aggiuntiva, forse questo fornirà un valore per alcuni utenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *