Un nuovo studio afferma che Twitter è più “resistente” alle teorie del complotto


Tuttavia, un nuovo studio europeo sostiene che tali notizie possono essere facilmente demistificate su Twitter a differenza di altri social media come Facebook.

Il Social media È entrato da sempre nella nostra vita quotidiana con milioni di utenti che accedono a varie piattaforme ogni giorno per divertimento o per scienza. Un nuovo studio europeo mostra e distingue i suoi diversi programmi Social media Secondo il suo ruolo editoriale teorie cospirazioniste.

Il nuovo studio europeo, guidato dal ricercatore greco sulla diaspora Giannis Theocharis, conclude che è tra i social media che mostra la maggiore resilienza di fronte alle teorie del complotto e all’irrazionalità. Twitter.

I ricercatori di 19 università europee, guidati dal professore di governance digitale Giannis Theocharis dell’Università tecnica di Monaco di Baviera, hanno pubblicato il relativo articolo sulla rivista “New Media & Society”. Per questo studio sono stati analizzati i dati di 17 paesi (16 in Europa, compresa la Grecia, oltre a Israele), prima e durante la pandemia. Hanno esaminato il ruolo dei vari social media (Twitter, Sito di social network Facebooke Youtube ecc.) e applicazioni come Il WhatsAppSulla diffusione delle teorie del complotto.

Secondo questo studio, il Hellas È classificato, insieme a Romania, Polonia, Ungheria e Israele, nei paesi in cui è presente L'”indice di trama” è superiore alla media europea, a differenza dei paesi sotto la media (Austria, Danimarca, Germania, Paesi Bassi, Norvegia, Svezia, Svizzera, Regno Unito), mentre, quattro in media (Belgio, Francia, Italia e Spagna).

Secondo i risultati di questo studio, i paesi dell’Europa orientale sono più coinvolti nelle teorie del complotto rispetto ad altri paesi, mentre i paesi scandinavi sono meno coinvolti di tutti gli altri paesi. Le isole del Mediterraneo si trovano da qualche parte nel mezzo. Va notato qui che il nostro paese è il più suscettibile alle teorie del complotto nell’Europa meridionale.

READ  Ci sono 14 nuovi ristoranti nel lato ovest della contea di Cuyahoga, appena fuori Cleveland

Su 17 paesi esaminati Basato su tre teorie del complotto sul Covid-19Per valutare la prevalenza di queste credenze in ogni paese, la Romania è stata di gran lunga la “campionessa” delle teorie del complotto, la Polonia si è classificata al secondo posto, l’Ungheria al terzo, La Grecia è quarta con Israele.

Il risultato principale di questo studio è che Twitter ha caratteristiche speciali che lo rendono più vulnerabile alla diffusione di teorie del complotto. Uno di questi è che questa piattaforma è più focalizzata sul consumo di notizie, quindi sta affrontando una crescente pressione sociale riguardo al contenuto dei suoi post, riducendo la frequenza dei suoi messaggi errati, imprecisi, incerti e “alternativi” (di solito falsi). l’informazione.

I ricercatori notano, tuttavia, che non tutte le piattaforme incoraggiano le teorie del complotto nella stessa misura. Come afferma lo studio:

“Su Twitter, per esempio,” in grado di rimuovere l’ambiguità sulla base di tali teorie in fretta o contenuto può valanga informazioni di qualità migliore o da un gran numero di persone che sono pronti ad intervenire per correggere le informazioni fuorvianti in fretta. “[Τοπεριεχόμενοπουβασίζεταισετέτοιεςθεωρίεςμπορείγρήγορανααπομυθοποιηθείήπιθανώςνα’πνιγεί’απόπληροφορίεςκαλύτερηςποιότηταςήαπότονμεγάλοαριθμόανθρώπωνπουείναιπρόθυμοιναπαρέμβουνγιαναδιορθώσουνγρήγορατηνπαραπληροφόρηση”[τοπεριεχόμενοπουβασίζεταισετέτοιεςθεωρίεςμπορείγρήγορανααπομυθοποιηθείήπιθανώςνα‘πνιγεί’απόπληροφορίεςκαλύτερηςποιότηταςήαπότονμεγάλοαριθμόανθρώπωνπουείναιπρόθυμοιναπαρέμβουνγιαναδιορθώσουνγρήγορατηνπαραπληροφόρηση”

Tuttavia, secondo lo studio, Gli utenti di Twitter raccolgono un’istruzione superiore alla media E una maggiore tendenza a cercare notizie reali rispetto ad altre piattaforme. D’altra parte, su Facebook o WhatsApp, dove ci sono legami più stretti tra gli utenti, come familiari o amici, gli utenti non hanno lo stesso controllo sulla trasmissione di informazioni su contenuti discutibili, che è stato avvertito nel caso di Covid-19. .

Sebbene le notizie false siano circolate online sin dal suo inizio, la pandemia è stata un terreno fertile per la sua crescita esplosiva, soprattutto sui social media. In effetti, l’Organizzazione mondiale della sanità ha usato il termine “epidemia di informazione” per descrivere questa parallela “epidemia di disinformazione”.

READ  Gran Bretagna: Nuove misure annunciate da Johnson: il ritorno del lavoro a distanza con...

Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *