Un giornalista egiziano critica il Sindacato dei giornalisti per aver esteso il divieto di normalizzazione con Israele: questa decisione è sbagliata dal punto di vista professionale, nazionale e legale

Un giornalista egiziano critica il Sindacato dei giornalisti per aver esteso il divieto di normalizzazione con Israele: questa decisione è sbagliata dal punto di vista professionale, nazionale e legale

Il 17 marzo 2023, l’Assemblea generale del Sindacato dei giornalisti egiziani ha votato all’unanimità l’estensione del divieto di normalizzazione con Israele e la decisione di indagare su qualsiasi membro del sindacato che commetta il “reato di normalizzazione” attraverso il lavoro personale, professionale o nel nome del sindacato. I partecipanti alla manifestazione hanno cantato “Abbasso Israele!” e “No alla normalizzazione con l’entità sionista”.[1]

Va notato che sebbene Israele ed Egitto siano parti di un accordo di pace da più di quattro decenni, la pace tra loro è rimasta fredda e la normalizzazione tra i due paesi è limitata. Inoltre, l’Unione degli Scrittori Egiziani vieta la normalizzazione con Israele, e tre noti autori egiziani sono stati recentemente citati per azione disciplinare dopo aver violato questo divieto, prima di essere espulsi dal sindacato.[2]

La decisione del Sindacato dei giornalisti di estendere il divieto di normalizzazione non ha ricevuto l’attenzione della maggioranza dei giornalisti egiziani. Ma una chiara risposta è stata pubblicata dal giornalista e politico egiziano Osama Al-Ghazali Harb, che ha condannato fermamente la decisione in un articolo pubblicato dal quotidiano The Egyptian. Piramidi Quotidiano. Harb ha scritto che la decisione è stata sbagliata dal punto di vista professionale, nazionale e legale, perché i cittadini egiziani dovrebbero essere consapevoli di ciò che sta accadendo in Israele. Ha aggiunto che il ruolo del giornalista è indagare e informare il pubblico su ciò che sta accadendo nel mondo, specialmente in un paese vicino e concorrente come Israele, che è coperto anche da giornalisti di altri paesi arabi, come la Giordania, gli Emirati Arabi Uniti , Bahrein, Sudan e Marocco.

READ  Il ministro delle finanze turco afferma che la crescita dell'economia liberale e sostenibile in Turchia


La conferenza dell’Assemblea Generale del Sindacato dei Giornalisti Egiziani (Foto: Ahlmasrnews.com, 17 marzo 2023)

I seguenti sono estratti tradotti dall’articolo di Harb:[3]

Personalmente mi oppongo in toto alla decisione dell’Assemblea Generale del Sindacato dei Giornalisti contro la normalizzazione con l’entità sionista, e ritengo che tale decisione sia errata dal punto di vista professionale, nazionale e legale, perché il giornalista non è un comune cittadino, ma è un professionista il cui compito è cercare e verificare informazioni [the truth about] Incidenti ed eventi. Questo vale certamente per un paese vicino, e ancora di più quando questo paese è un rivale e un concorrente.

Come cittadino egiziano, mi piace essere informato sugli eventi in Israele. [In fact]In Israele ci sono giornalisti da tutto il mondo, compresi i paesi arabi che hanno normalizzato i rapporti con esso, vale a dire Giordania, Emirati, Bahrain, Marocco e Sudan, e ovviamente giornalisti palestinesi. Alcuni canali arabi hanno i propri corrispondenti in Israele. Perché questa pigrizia professionale? [of ours]Camuffato da discorso entusiastico e roboante contro l’entità sionista?

“Secondo me, questa decisione è sbagliata a livello nazionale! Chi ha interesse a nascondere gli eventi in Israele al popolo egiziano e al cittadino egiziano, come se Israele fosse coperto dalle tenebre, ravvivando così il clima che esisteva prima del 1967, quando la conoscenza di Israele era tabù, ricordate il giornalista Il grande Ahmed Bahaa El-Din, che dopo l’aggressione e la sconfitta israeliana nel 1967 si sentì in dovere di pubblicare il suo famoso libro Israele[4] Per spiegare Israele al popolo egiziano?

“Questa è la decisione dell’Associazione della stampa [also] Sbagliato dal punto di vista legale, in quanto nessuna istituzione – sia essa un sindacato o qualsiasi altro organismo – può privare qualsiasi cittadino del suo diritto legale di visitare Israele prima di qualsiasi altra istituzione [destination]!

READ  След 29 г. в затвора: "Вълкът" Мехмет Али Агджа се грижи за бездомни котки в Истанбул

“Infine, informo i miei cari colleghi giornalisti che solo per vostra informazione, oltre 566mila turisti sono passati attraverso il valico di Taba. [between Israel and Egypt] L’anno scorso, 124.000 di loro hanno visitato Sharm El-Sheikh e 54.000 di loro sono venuti al Cairo per vagare per le sue strade e godersi i suoi panorami! “[5]


[1] Masrawy.com, elaosboa.com, 17 marzo 2023.

[3] Il più importante (Egitto), 22 marzo 2023.

[4] Israele Sono narrazioni relative ai Figli di Israele, provenienti da varie fonti, che sono state incorporate nella letteratura degli hadith islamici.

[5] Piramidi (Egitto), 22 marzo 2023.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *