Orari di chiusura delle scuole invariati – Zimbabwe Post

Orari di chiusura delle scuole invariati – Zimbabwe Post
Il Ministro dell’Istruzione primaria e secondaria Torirai Moyo durante una conferenza stampa ad Harare (Foto: Sunday Mail)

Le date di chiusura delle scuole per il terzo semestre rimangono invariate nonostante un ritardo di due giorni nell’apertura delle scuole a causa delle elezioni coordinate del mese scorso, ma il governo annuncerà misure per recuperare il tempo di apprendimento perduto.

La maggior parte delle scuole ha rinviato l’apertura di due giorni per aprire la strada all’insediamento del presidente Mnangagwa dopo la sua rielezione durante le elezioni coordinate tenutesi il 23 e 24 agosto.

Il governo si sta anche preparando a prendere provvedimenti contro le scuole che rifiutano gli studenti perché non pagano le tasse universitarie e i contributi, e quelle che hanno aumentato le tasse unilateralmente senza approvazione.

Il ministro dell’Istruzione primaria e secondaria, Torirai Moyo, ha dichiarato ieri in una conferenza stampa che le autorità stanno valutando la possibilità di estendere l’orario di studio per consentire agli studenti di recuperare ciò che hanno perso, prima degli esami finali.

“Il Ministero dell’Istruzione primaria e secondaria desidera informare il pubblico e gli stimati soggetti interessati che la data del 1 dicembre 2023 è stata mantenuta come data di chiusura del calendario scolastico”, ha affermato.

“Sono state prese disposizioni affinché le scuole utilizzino le strategie di recupero più appropriate ed efficaci per compensare il rinvio di due giorni dell’apertura delle scuole per gli studenti diurni dal 4 settembre al 6 settembre. Abbiamo messo in atto misure per garantire che i bambini siano non è danneggiato da questo rinvio.

“Abbiamo invitato le autorità scolastiche a utilizzare tutto il tempo a loro disposizione per garantire che gli studenti non siano svantaggiati”.

Ha detto che il ministero è in attesa dell’approvazione del governo per iniziare a reprimere le scuole che espellono gli studenti per non aver pagato le tasse scolastiche e le tasse.

READ  Gli Stati Uniti e l'Indonesia firmano un accordo di cooperazione in materia di difesa

“I presidi e le autorità scolastiche dovrebbero smettere di mandare via gli alunni per mancato pagamento delle tasse e delle tasse, né dovrebbero esigere tasse scolastiche e tasse esclusivamente in valuta estera”, ha aggiunto il ministro Moyo.

“Informiamo le autorità scolastiche che respingere gli alunni per mancato pagamento delle tasse universitarie è un reato.

“Abbiamo messo in atto una serie di misure per affrontare le scuole difficili e le misure dovrebbero entrare in vigore la prossima settimana (questa settimana)”.

La settimana scorsa, le autorità educative hanno avviato un’indagine contro le scuole che richiedevano tasse scolastiche e tasse solo in valuta estera.

La signora Kwadzanai Nyanongo, segretaria permanente ad interim presso il Ministero, ha affermato che le autorità stanno monitorando e imponendo il rigoroso rispetto delle disposizioni della Circolare n. 1 del 2023, che fornisce linee guida uniformi per identificare ed elaborare le richieste di aumento delle tasse scolastiche e dei prelievi.

Il ministro Moyo ha affermato che i preparativi per gli esami pubblici di grado 7 del 2023 hanno raggiunto una fase avanzata.

Gli esami inizieranno lunedì della prossima settimana. – La posta della domenica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *