Roma accoglie con discrezione il nuovo patto migratorio

Roma accoglie con discrezione il nuovo patto migratorio

Il regolamento di Dublino è “superato” e Roma ne è felice. La stampa italiana riassume così la discreta reazione dell’Italia all’accordo tra Consiglio e Parlamento europeo sulla riforma del sistema di asilo e migrazione dell’Unione, lo scorso 20 dicembre. “Abbiamo riportato il tema migratorio al centro dell’agenda europea”, saluta il ministro dell’Interno italiano. L’accordo tra i Ventisette consente ai “Paesi frontalieri dell’Unione, particolarmente esposti alla pressione migratoria, di non sentirsi più soli”, aggiunge Matteo Piantedosi.

A Bruxelles i toni sono più entusiastici. L’accordo è “storico” per la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. “Saranno gli europei a decidere chi verrà in Europa e chi potrà restarci, non i trafficanti”, aggiunge. Ma il testo è ancora provvisorio e dovrà essere ratificato dagli Stati membri e dal Parlamento europeo. Solo una volta adottate formalmente le nuove norme potranno entrare in vigore. “Rafforzando l’efficacia del sistema europeo di asilo e la solidarietà tra gli Stati”, scrive il Consiglio dell’Unione, “il peso che grava sugli Stati membri in cui arriva la maggior parte dei migranti” sarà “ridotto”.

Interessato a questo articolo?

Non perdere nessuno dei nostri contenuti pubblicati quotidianamente: iscriviti ora per accedere a tutti i nostri articoli, file e analisi

Fino al 25 dicembre approfitta del 30% di sconto su tutti i nostri abbonamenti

VERIFICA LE OFFERTE

Buoni motivi per abbonarsi a Le Temps:

  • Consulta tutti i contenuti illimitati sul sito e sull’applicazione mobile

  • Accedi all’edizione cartacea in versione digitale entro le ore 7.00.

  • Approfitta dei privilegi esclusivi riservati agli abbonati

  • Accedi agli archivi

READ  Lazio-tamponi, il laboratorio: "Noi, come la Uefa, abbiamo riportato positività"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *