Robin Herbert, giardiniere e banchiere, 1934-2024

Robin Herbert, giardiniere e banchiere, 1934-2024

Apri Editor's Digest gratuitamente

Robin Herbert era il più felice tra gli alberi, soprattutto quelli che, insolitamente in primavera, prendevano fuoco in autunno: acero, liquido, carya. La trasformazione era la sua specialità, ma non aveva mai fretta: che fosse nella finanza, nel giardinaggio o nelle passeggiate nei boschi, univa il passo lunghissimo alla determinazione. “Si sta facendo tardi”, ha detto ai suoi figli. “Cinque minuti in anticipo.” Il ritardo, ovviamente, era inaccettabile.

Quando Herbert, morto all'età di 89 anni, fu eletto presidente e presidente della Royal Horticultural Society nel 1984, le sue casse erano vuote e i membri si riunivano nelle contee di origine. In qualità di banchiere con anni di esperienza nel National Trust e nella Country Commission, Herbert fornì una visione chiara della rivoluzione necessaria e del suo calendario. Sì, ha detto al Consiglio direttivo, sarebbe entrato in carica se fosse stato eliminato, ma per non più di un decennio.

Sotto il suo controllo, la RHS acquisì Rosemoor nel Devon e Hyde Hall nell'Essex per completare il suo giardino di punta a Wisley nel Surrey e lanciò nuove offerte orticole fuori Londra.

Con il suo tesoriere, il collega finanziere Lawrence Banks, riportò la società alla normalità e raddoppiò i suoi membri portandoli a 189.000. Certo, ci sono state polemiche quando i membri non ricevevano più i biglietti per il Chelsea Flower Show con i loro abbonamenti, ma il problema è stato risolto. La prima serata di gala del Chelsea nel 1990 stabilì prestigio e patrocinio. Herbert divenne presto l'uomo di riferimento per tutte le principali istituzioni orticole: come capo dei Royal Botanic Gardens di Kew (1991-97), lo separò dal Dipartimento dell'Agricoltura, della Pesca e dell'Alimentazione e, con Dame Jennifer Jenkins, lo riformò . Giardini Reali.

READ  Messaggi crittografati registrati - Delilah Dragojevic in una chat segreta con questa collaborazione su Philip? | ultime notizie

E in tutto questo, le piante erano centrali. Il senso degli affari era molto buono, ma ciò che Herbert apprezzò di più quando entrò per la prima volta nella RHS negli anni '70 fu discutere i meriti dell'ultima varietà di Pittosporum o Sorbus con i colleghi arboricoltori del Comitato Floreale B (Piante Legnose). In qualità di presidente, ha riformato il sistema di premi, un po' arbitrario, rendendolo uno di cui i vivai potessero fidarsi: il Garden Award of Merit viene assegnato a piante eccezionali, ciascuna contraddistinta da qualità note solo a coloro che studiano il progresso dell'esemplare nel corso degli anni.

Sotto Robin Herbert, la RHS tornò in nero e raddoppiò i suoi membri a 184.000. © Foto fornita dalla famiglia

La resilienza di Herbert si sviluppò in tenera età: suo padre, il deputato conservatore Sir John Herbert, era morto a Calcutta come governatore del Bengala nel 1943; Sua madre, Lady Mary Herbert, morì quattro anni dopo. Herbert rimase orfano all'età di tredici anni e la sua eredità ammontava a 3.500 acri di Monmouthshire oltre a enormi debiti.

Entrarono nella breccia furono il suo padrino, l'uomo delle piante Bobby Jenkinson, e sua nonna americana, Lady Herbert, Helen Gammell, della dinastia mercantile del Rhode Island. Su suo consiglio, Herbert ha integrato la sua carriera a Eton, Royal Horseguards e Oxford con un MBA presso la Harvard Business School e un periodo come analista a Wall Street. Tornò in Galles nel 1957 con una valigia piena di coni di semi provenienti dalle foreste di sequoie della California e una voglia di cambiamento. Nel 1960 sposò Margaret Lewis, dalla quale ebbe quattro figli prima di divorziare nel 1988.

READ  4 GB di RAM per il nuovo iPad mini, 1 GB in più rispetto al suo predecessore? L'iPad di nona generazione è ritardato a 3 GB?

Nel 1963 entrò a far parte di un consorzio per l'acquisto di una piccola banca commerciale a Londra. I suoi leader, il principe Rupert Loewenstein e Alexis de Rede, erano fissati sulla Leopold Joseph, fondata nel 1919 da un giornalista bancario di origine tedesca la cui famiglia non aveva eredi. Invitarono Jonathan Guinness del clan dei birrai, Anthony Perry della dinastia dei giornali e, quasi come un ripensamento, Herbert. “All'inizio ero dentro il ring, ma fuori dal ring interno”, ha detto. “Nel corso degli anni ho sempre avuto un ufficio lì, ma non ero affatto un amministratore delegato. Poi, piano piano, molte persone se ne sono andate e io sono diventato il presidente.”

Era il 1978 e c'erano ostacoli da affrontare: Lowenstein aveva attirato i Rolling Stones come clienti, ma i rapporti fiscali delle rock star avevano fatto vacillare il consiglio di amministrazione, e nel 1981 Lowenstein se n'era andato da solo. Leopold Joseph ha resistito alle tempeste – inclusa una causa intentata dal cantante Yusuf Islam (ex Cat Stevens) – e ha prosperato come banca privata mentre i suoi rivali venivano inesorabilmente presi di mira da attori più grandi.

Quando Herbert, con il sostegno della sua seconda moglie, Philippa Hooper (nata King), guidò la società a vendere alla Butterfield Bank per 51,5 milioni di sterline nel 2004, il Financial Times scrisse di “fine di un’era”.

L'abilità collaborativa e i modi geniali di Herbert gli valsero amici dentro e fuori città. Un elenco delle sue posizioni dirigenziali riempie otto centimetri in Who's Who, ma il suo orgoglio più grande risiede a Llanover Park nel Monmouthshire, dove i coni di semi della California ora si ergono su due acri di pluripremiati alberi di Sequoia sempervirens, ciascuno alto 150 piedi.

READ  Cities: Skylines ha generato vendite incredibili di 12 milioni

Lo scrittore è il cognato di Robin Herbert

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *