Questo studio italiano analizza le implicazioni politiche dell’intrattenimento televisivo | Guarda la trama

L ‘Infotainment I suoi eccessi fanno il letto della trama? È quanto suggerisce uno studio italiano pubblicato lo scorso anno.

Sul piccolo schermo l’intrattenimento assume forme molto diverse. Quali sono le sue implicazioni politiche?

Uno studio sociologico su larga scala pubblicato nel luglio 2019 a American Economic Review, Elimina l’idea che la visualizzazione Miscelazione delle emissioni “Informazione e divertimento” Non avrà effetto sul comportamento politico. Secondo i ricercatori italiani Robin duranteE il Paulo Pinotti E il Andrea TSI cosiddetti programmi televisivi di “intrattenimento” indeboliscono inesorabilmente le capacità cognitive dei loro spettatori e rafforzano il voto populista e il disimpegno civile e sociale.

I tre ricercatori hanno misurato, per un periodo di tempo di ampiezza senza precedenti, l’effetto delle catene Mediaset A partire dal Silvio Berlusconi Ai loro spettatori in termini di capacità cognitive, comportamento elettorale e sistema di valori. Hanno studiato questo effetto dal 1980, anno in cui è stata creata la rete, passo dopo passo i turbamenti del paesaggio audiovisivo italiano – e quindi del panorama politico della penisola – causati dall’emergere di Mediaset.

Solo fino al 1980 Opinione Trasmesso in Italia nell’ambito di una missione di servizio pubblico, la sua programmazione bilancia notizie, intrattenimento, programmi educativi e di fiction, con un tempo di trasmissione giornaliero limitato alle 10:30. Dal suo inizio, Mediaset Colore visualizzato: un canale commerciale che trasmette più di 5 ore al giorno Opinione, Ha bombardato i suoi telespettatori con programmi che prediligono la superficialità, l’entusiasmo e le discussioni bilaterali – “OK”, “Non OK” – a scapito della cultura e del pensiero, facendo affidamento sul mostrare ragazze seminude, glamour, giochi, serie di basso profilo e pubblicità clamorose.

E il Mediaset Raggiungendo ancora solo il 52% della popolazione italiana nel 1985, la sua copertura di rete aveva già raggiunto il 98% delle famiglie sei anni dopo. Quindi la rete ha continuato la sua offerta con i notiziari. Nel 1994 Berlusconi entra in politica con il suo movimento Andiamo, Italia Ha assunto la carica di primo ministro per la prima volta.

READ  "The Dome": Dall'Italia nel piatto, il focus - ristoranti

Dopo aver ricostruito nel tempo l’andamento della griglia sul suolo italiano, i ricercatori sono stati in grado di determinare data e luoghi in cui gli spettatori hanno iniziato ad essere esposti Mediaset. Combinando tutti i dati metrici sui media degli ultimi quattro decenni, sono stati in grado di suddividere le categorie di spettatori più particolarmente colpite da questi canali.

Inoltre, grazie all’archivio dei giornali Corriere della Sera, Hanno studiato i programmi di programmazione giornaliera per Mediaset Durante tutto il periodo. Infine, hanno fornito una stima qualitativa dei 2.860 film proiettati e ritrasmessi, su una doppia base del loro consenso verso un pubblico diverso – vietato o sconsigliato ai giovani, che trasmette immagini violente, ecc. – E le recensioni scritte dalla stampa commerciale. Su questo punto, la loro conclusione è chiara: in relazione a B. Opinione, Contenuti Mediaset Era di qualità molto inferiore e meno adatto ai bambini, soprattutto nei pomeriggi quando sono spesso davanti agli schermi.

Conoscenza della geografia dei bambini di età compresa tra 7 e 12 anni nel 1985, che sono stati esposti ai programmi dei primi giorni MediasetI ricercatori hanno quindi confrontato i risultati di questi individui con i test psicometrici effettuati durante il servizio militare e con i test di alfabetizzazione e calcolo per l’International Assessment of Adult Skills (IADAD).Biak) Istituito dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico. Il risultato è stato sorprendente: queste persone hanno ottenuto un punteggio inferiore dell’8-25% nei test psicologici e le loro prestazioni del 20-25% in lettura e matematica peggiori rispetto a quelle che avevano la stessa età tra il 1973 e il 1978, prima dell’arrivo. Mediaset.

L’effetto del doping sul voto di Berlusconi

È stato a lungo dimostrato che l’esposizione alla televisione in giovane età è associata a problemi di attenzione, ritardi nello sviluppo del linguaggio e livelli di istruzione inferiori. Questi effetti variano notevolmente a seconda del contenuto studiato: mentre i programmi educativi adattati si dimostrano utili per lo sviluppo cognitivo e il successo accademico, i programmi di intrattenimento hanno l’effetto opposto. Inoltre, il loro consumo spesso avvincente sostituisce altre attività più impegnative dal punto di vista cognitivo, come la lettura, lo studio o il gioco di ruolo.

READ  Ristoranti, intrattenimento, palestre e raduni: cosa vale nell'Unione europea

Per quanto riguarda l’influenza politica di l MediasetLo studio mostra che i comuni erano esposti a questa rete televisiva prima del 1985 ApoliticoHa anche sostenuto il partito di Berlusconi quando corse alle elezioni generali del 1994. L’effetto del doping sul voto Andiamo, Italia Durante le prossime cinque elezioni, dopo quasi 25 anni passati a rivelare i comuni in vari modi MediasetE 15 anni dopo che Berlusconi è entrato in politica.

Per quanto riguarda gli anziani, che costituiscono l’altra principale classe di spettatori Mediaset Con i giovani, la lealtà acquisita alla rete li ha portati naturalmente a prendere le distanze da altre fonti di informazione e perseguire telegiornali e programmi di notizie. Mediaset Una volta che la rete creò una redazione nel 1991. Il sostegno politico di Berlusconi da parte dei telespettatori di questa fascia di età può essere in parte spiegato dal forte pregiudizio partigiano dei suoi notiziari.

Ma lo studio fa luce su un’altra influenza politica. Dopo aver dimostrato che l’esposizione alla televisione di intrattenimento, soprattutto fin dalla tenera età, forma gli elettori poveri cognitivamente e culturalmente, non sorprende che siano più ricettivi ai messaggi politici semplicistici rispetto ai leader populisti. Analizzando una pletora di comunicazioni politiche, trasmissioni televisive, dichiarazioni e altri documenti ufficiali scritti, i ricercatori italiani hanno dimostrato che Berlusconi e il suo partito – e anche le sue televisioni! Usa un linguaggio più semplice, più facile da capire dagli elettori meno istruiti, che hanno votato per loro in cambio, a scapito di partiti con legami più seri e programmi più complessi.

Ma quando il sostegno al partito di Berlusconi è diminuito nelle elezioni del 2013, sono stati i comuni a essere stati colpiti prima Mediaset Hanno scelto la proposta politica più vicina a Berlusconi in termini di elettori e linguaggio politico, cioè il movimento cinque stelle (M5S) da Baby Grillo.

READ  "Sotto l'Ancien Régime c'erano le feste di capodanno"

Così, l’intrattenimento televisivo di Berlusconi, suo avversario politico ma fratello populista, deve a Grillo una parte del suo successo nei sondaggi: è chiaramente più concentrato a sinistra, ed è riuscito a dirottare parte dell’elettorato per i valori di destra tradizionalmente ostili all’aborto e al matrimonio gay con la sua retorica antiregime. E gli scettici almeno sulla questione dell’immigrazione.

Oltre al suo fastidioso potere intellettuale e al pregiudizio politico che può generare, la televisione di intrattenimento completo minerebbe anche fortemente il senso di impegno civico e responsabilità sociale degli spettatori. Ciò è più evidente nel caso di individui che ne sono stati esposti precocemente: consapevolezza politica, bassa fino al punto di completo disinteresse L’attrazione della festa è così incentrata su una personalità carismatica e sul chiedere poco ai suoi membri; Etica individuale e del consumatore; l’ironia…

Mentre lo studio di Durante, Pinotti e Tesei non dice nulla su alcuna connessione tra la trama in particolare e la televisione di intrattenimento – che non è il suo argomento – indica che è in gioco il mix di generi. cuoreInfotainmentOppure, mescolarsi tra informazione e intrattenimento, ha effetti politici molto reali, sia in termini di aumento del populismo che di permeabilità della disinformazione, teorie del complotto e cancellazione della differenza tra conoscenza e opinione.

Per più :

Durante, Robin, Paolo Pinotti e Andrea Tese. 2019. L’eredità politica dell’intrattenimento televisivo. American Economic ReviewE il 109 (7): 2497-2530; Grazie a PM per il lavoro di traduzione e sintesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *