Quali sono i criteri per una fredda invasione del Paese?

Cristalli di neve Fonte: Pixabay.com

La forte nevicata del 16 febbraio ha condiviso gioia ed eccitazione tra gli Ateniesi. La gente ha apprezzato il dono della natura rara (alla zona). Immagina che questo sia il risultato di (conquista a freddo) condizioni impeccabili – che richiedono la circolazione dell’aria, e la prima ragione è l’intensità della forte corrente sud-orientale nel Nord Atlantico.

“Regole” atmosferiche

Poiché Teofrasto fu il primo ad essere menzionato, l’aria trasmette le proprietà dell’area da cui si respira. Questo è proprio il ruolo della Corrente Artica, che trasferisce le caratteristiche dell’Artico a latitudini maggiori. Esistono diversi tipi di circolazione atmosferica che favoriscono il processo di conquista fredda (esplosione di aria fredda) in Grecia.

In genere, Su base annuale, Un sistema di alta pressione domina sull’Europa (centrale) (Fig. 1.a) e un regime di bassa pressione nel sud-est (Fig. 1.b), determinando una diffusione del flusso B-NE sulla Grecia. Nella media e alta atmosfera, il flusso N-NW è dovuto a un tubo isoscele accompagnato da un tubo di curve isotermiche che porta i blocchi di gas freddo in Grecia da nord.

Figura 1: Mappa paneuropea della distribuzione dei prospetti geodinamici (gpm) e delle pressioni atmosferiche in superficie al 06/01/2017. Fonte: Meteociel.fr

Il ruolo estremo è giocato dall’intensità, dalla portata e dalla durata dell’invasione fredda nella direzione dell’acquazzone (corrente a getto). Ad esempio, se il torrente acquisisse una grande componente orientale (Fig. 2a), i blocchi freddi da nord-est scenderebbero inizialmente in Italia (Vento BuranQuindi “spazza” il paese da nord-ovest. Ciò indica inverni rigidi in tutto il paese. Al contrario, se il torrentismo mantiene una componente nord-ovest, le regioni settentrionali e orientali saranno principalmente interessate. Meccanismo di circolazione atmosferica Per la fredda invasione del paese e in particolare Per le nevicate ad Atene, è molto complesso e intricato.

Figura 2: Mappa paneuropea della distribuzione dei rami della corrente polare su una superficie isotermica a 300 hPa (9.000 m) al 06/01/2017. Fonte: Meteociel.fr

Spesso la massa di gas polare che influenzerà un paese sarà diversa perché potrebbe non avere lo stesso identico punto di partenza. Secondo Mashiras e Palafotis (1997), su base annua, le masse di gas polari che colpiscono la regione greca sono marine nel 56% e continentali con il 44%.

READ  "Volevamo un sostegno più forte dall'Italia sulla questione delle sanzioni". - Politis Online

Leggi di più

Sebbene, su base annuale, le masse d’aria più comuni che colpiscono il paese provengano dal nord, non sempre abbassano il termometro a tassi negativi. Questo perché la “freschezza” del blocco del gas dipende dalla stagione. Quindi la nostra prima conclusione generale è:L’invasione di gas freddi si osserva durante tutto l’anno».

Come determinare l’infestazione da freddo

Quindi stai attento a vedere cosa succede. Durante uno studio della letteratura preliminare condotto per affrontare questo articolo, è stato riscontrato che un gran numero di termini viene utilizzato per descrivere l’invasione fredda.

È difficile ottenere una definizione generale perché ci sono idiosincrasie in ciascuna area che devono essere prese molto sul serio. Pertanto, la definizione di invasioni fredde deve essere collegata agli effetti che un tale fenomeno può avere sul microclima di una particolare regione, e quindi dovrebbe avere qualche beneficio pratico.

Secondo Macrogiannis et al. (1998) l’invasione polare è definita come “Perdita d’aria, proveniente da una massa di gas polare, alle medie latitudini». Un’altra definizione più chiara afferma:Un’invasione polare è il movimento di una massa di gas dalla sua regione di origine che, per la maggior parte, è la spinta dell’aria fredda polare verso l’equatore, un movimento rapido verso l’equatore del fronte polare.»(Gere, 1996; Hoschke, 1970).

Le definizioni di cui sopra hanno uno svantaggio. È descrittivo del fenomeno e non fornisce dati sui limiti di temperatura che devono essere presi in considerazione per invocare un’invasione fredda. Dopodiché, si può affermare che al ricercatore è data la libertà di determinare il criterio di selezione per le incursioni fredde, personalmente o attraverso metodi statistici oggettivi.

Il criterio principale che la maggior parte dei ricercatori adotta è la temperatura. O per semplicità o per ragioni fondamentali, il corpo umano lo sente immediatamente. Così:

  • Founda et al. (2004) è definito come un attacco di freddo quando la temperatura minima giornaliera scende al di sotto di 1 ° C.
  • Papas et al. (2004) hanno studiato un lungo periodo di tempo (1967-1997) in varie stazioni in Grecia. In base a due criteri: a) ogni serie di giorni consecutivi (almeno uno) in cui la temperatura minima giornaliera è inferiore a 0 ° C eb) ogni serie di giorni consecutivi (almeno uno) in cui la temperatura minima è di 10 ° C inferiore rispetto alla mediana controlaterale.
  • Flocas (1981) ha studiato la mania con ondate di freddo presso la stazione meteorologica dell’Università Aristotele a Salonicco. Una serie di giorni consecutivi in ​​cui la temperatura minima giornaliera è inferiore alla temperatura minima mensile media che aumenta di almeno una deviazione standard è stata presa come un attacco di freddo.
  • Balafoutis e Arseni – Papadimitriou (2002) definiscono uno schiocco freddo, ovvero un periodo di tre o più giorni consecutivi in ​​cui la temperatura minima giornaliera è di 4 ° C inferiore al corrispondente valore medio per un lungo periodo di tempo (1946-1990).
READ  Il libro / Prendere sul serio la commedia: una recensione

Un riferimento alla fredda invasione del 1987

La grandine del 1987 (4-11 marzo), che è stata descritta come la nevicata più intensa degli ultimi anni, ha interrotto per diversi giorni le strade tra la Grecia settentrionale e il resto del paese e ne ha gravemente colpito l’economia (Flocas et al, 1994 ; Flocas et al., 1995; Lagouvardos et al., 1998). Lo spessore del ghiaccio nelle pianure della Tessaglia ha raggiunto un metro. Per l’Attica, quel marzo è stato il più freddo degli ultimi 150 anni.

Tselepidaki et al. (1990) e Flukas et al. (1995) hanno studiato l’ondata di freddo. Il primo gruppo di ricercatori ha studiato la gravità e l’ossessione dell’anello in due stazioni in Grecia. Il secondo gruppo, le sue proprietà abbreviate, termodinamiche e dinamiche.

Fonti utilizzate nell’articolo:

Internet

Meteociel.fr (GFS)

indice

Makrogiannis T., Karakostas T., Michailidis S., Floka E., Vlassi A., Giariki M. e D. Foris, 1998: Un dizionario esplicativo di termini meteorologici e climatologici. Hellenic Meteorological Society, Atene, 161 p. (Infestazione da freddo)

Macheiras P. e C. Balafoutis, 1997: Climatologia generale con elementi meteorologici. University Studio Press, Salonicco, 338 p.

Balafoutis CJ e A. Arseni-Papadimitriou, 2002: periodi di periodi caldi e molto freddi nei Balcani meridionali. Attività scientifiche del professor Wladyslaw Gorczynski Continuazione del Simposio sul clima presso l’Università Nicolaus Copernicus, Nipote 2002, 155-162.

Flocas AA, 1981: gli incantesimi di freddo e caldo persistono a Salonicco. Arco. incontrò. Geoff. Biocl., Ser. A 30: 135-144.

Flocas HA, Karacostas TS, Giles BD e AA Flocas, 1994: considerazioni sulla dinamica generale delle ondate di freddo sulla Grecia. Minuti 2Per la conferenza panellenica meteorologiaE il Climatologia e fisica dell’atmosferaE il Salonicco, 573-581.

READ  Nel rettilineo finale, Paleochora International Chess Championship - battaglia "dura" per i premi

Flocas HA, Karacostas TS, Giles BD e AA Flocas, 1995: considerazioni sulla dinamica delle ondate di freddo in Grecia. Giornale meteorologico, 4, 222-228.

Founda D., Papadopoulos KH, Petrakis M., Giannakopoulos C. e P. Good, 2004: un’analisi della temperatura media massima e minima ad Atene dal 1897 al 2001 con un focus sull’ultimo decennio: tendenze ed eventi caldi e freddi . Cambiamento globale e planetario, 44, 27-38.

Gear IW, 1996: Glossario meteorologico e climatico. American Meteorological Society, Boston, Massachusetts, 272 pagg.

Hosky, Replay, 1970: Glossario di meteorologia. American Meteorological Society, Boston, Massachusetts, 638pp.

Lagouvardos K., Kotroni V. e Kallos G., 1998: un’ondata molto fredda sulla penisola greca. Il giornale trimestrale della Royal Meteorological Society, 124 (551), parte A, 2299-2327 (29).

Pappas C., Hatzianastassiou N. e BD Katsoulis, 2004: A cold wave analysis in the Greek region. Ricerca sul clima, 27, 211-223.

Tselepidaki IG, Asimakopoulos DN e DA Melitsiotis, 1990: ondata di freddo nel marzo 1987 sulla Grecia. il tempo, 45, 42-47.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *