Progetto sostenuto dalla Germania lanciato con un invito all’inclusione nella transizione energetica

Progetto sostenuto dalla Germania lanciato con un invito all’inclusione nella transizione energetica

Dott.ssa Mithika Mwenda

Azioni deliberate devono garantire un passaggio inclusivo e incentrato sulle persone dall’energia fossile all’energia rinnovabile in Africa Gli attivisti per il clima si stanno unendo sotto l’Alleanza panafricana per la giustizia climatica (PACJA) in un incontro a Nairobi, in Kenya.

Intervenendo al lancio del capitolo keniota di “Garantire una transizione energetica incentrata sulle persone in Africa coinvolgendo la società civile” Il progetto, gli attivisti per il clima hanno avvertito del pericolo di un importante spostamento dai combustibili fossili come il petrolio e il carbone potrebbe rimanere sotto il controllo del grande conglomerato, lasciando indietro le comunità africane povere e vulnerabili.

Affinché la transizione sia equa, le persone vulnerabili non possono essere rimosse dal tavolo decisionale. “La società civile dovrebbe e dovrebbe essere in prima linea per garantire la partecipazione schietta e inclusiva delle persone sul campo”, ha affermato la dott.ssa Mithika Mwenda, direttore esecutivo di PACJA.

Ha affermato che il problema dell’accesso all’energia di solito compare nella vita quotidiana delle donne, in particolare le donne delle zone rurali che devono camminare per chilometri da casa alla ricerca di legna da ardere che metta a rischio le loro vite.

Secondo la dott.ssa Augustine Ngamenchi, presidente del comitato tecnico e politico PACJA, la selezione del lancio keniota è stata effettuata in base al fatto che il settore energetico keniota è pronto per essere uno dei più avanzati del continente.

Ha affermato che il progetto rafforza le organizzazioni della società civile africana a lavorare per una transizione giusta e migliorare l’accesso all’energia attraverso un’agenda globale e garantire un processo di transizione giusta per tutti nel continente africano.

READ  Bila sam u potpunom ŠOKU! Posle OVOGA sam ga OSTAVILA!

Previsto per essere implementato in cinque paesi tra cui Kenya, Camerun, Nigeria, Marocco e Botswana, il progetto sostenuto da GermanWatch garantirà il passaggio verso l’energia rinnovabile inclusiva e incentrata sulle persone.

Attualmente, il settore ha una capacità installata di 2.732 MW con KenGen che contribuisce al 61% (1.630 MW) e investitori indipendenti di produzione che contribuiscono alla differenza.

Secondo l’Agenzia internazionale per l’energia (IEA), la povertà energetica globale è ora concentrata nell’Africa subsahariana (SSA). Attualmente, circa 580 milioni in Africa, quasi il 75% del totale mondiale, non hanno elettricità. Inoltre, l’80% della popolazione (circa 800 milioni di persone) non dispone di energia moderna e dipende dai prodotti della biomassa come legna, carbone e letame per cucinare.

L’Agenzia internazionale per l’energia rileva che la povertà energetica acuta influisce negativamente su molti sviluppi e risultati ambientali; In particolare la salute, il reddito familiare, la qualità della vita, l’accesso a servizi moderni come le tecnologie dell’informazione e della comunicazione, nonché lo sviluppo del capitale umano, l’uso produttivo del suolo e la gestione sostenibile delle foreste.

In tutta l’Africa, la mancanza di accesso all’energia impedisce alle donne e ai bambini di condurre una vita più produttiva, accresce le disuguaglianze e alimenta un’ampia gamma di ingiustizie sociali. “Riduce le possibilità della regione di raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile e l’Agenda 2063 per l’Africa”, secondo l’Alleanza africana per l’energia sostenibile.

L’accesso a servizi energetici puliti, sostenibili e moderni è essenziale per soddisfare i bisogni umani fondamentali e per lo sviluppo economico e sociale in tutta l’Africa. Aumentare l’accesso all’energia “può scatenare una crescita economica sostenibile, migliorare la salute umana e il benessere e consentire a donne e bambini di condurre una vita più produttiva.

READ  Mali officially disbands military services junta, five months immediately after coup

Oltre ai benefici economici e sociali diretti, l’accesso all’energia pulita aumenterà la sicurezza umana e rafforzerà la resilienza nei paesi e nelle società per contribuire a ridurre i rischi di migrazione su larga scala in tutto il continente africano, nonché accelerare il raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile, il obiettivi dell’Agenda 2063 e gli impegni sul clima nell’ambito dell’accordo di Parigi”.

Dan Marango, Direttore delle Energie Rinnovabili presso il Dipartimento dell’Energia (MoE), ha affermato che il governo ha in atto politiche appropriate per guidare lo sviluppo di energie rinnovabili da fonti verdi.

Ha affermato che lo stato ha anche avviato una serie di riforme volte ad aprire l’accesso ai sistemi di trasmissione e distribuzione, creare un fondo consolidato e creare un quadro normativo per lo scambio di rete, tra l’altro per consentire alle parti interessate e ai consumatori di partecipare attivamente e soddisfare la crescente crescita . domanda diretta.

Tuttavia, Mithika ha affermato che le statistiche hanno mostrato sempre più un coinvolgimento limitato delle parti interessate chiave – in particolare attori non statali – nella guida di sistemi energetici reattivi, equi dal punto di vista ambientale e resilienti al clima – in particolare traendo conclusioni dal rapporto di settore lanciato dal Presidente nel 20211.

Ha aggiunto che per colmare queste lacune, la partecipazione della società civile è fondamentale per facilitare e promuovere iniziative di energia rinnovabile e una transizione energetica sostenibile e orientata alle persone.

L’impegno della società civile ha il potenziale per garantire la partecipazione, impedire che interessi esterni guidino lo sviluppo delle energie rinnovabili e garantire che lo sviluppo sia progettato con una comprensione completa del contesto locale, delle norme sociali, dei valori e dei costumi, ha affermato Njamenchi.

READ  Newscrypto è stato selezionato come sponsor per mostrare la realtà dell'impero africano

Ha osservato che ciò sarà raggiunto costruendo una massa critica di attori non statali che metteranno in discussione gli investimenti nell’energia rinnovabile rispetto a una serie di standard minimi e assicureranno che sia data priorità a piccoli investimenti decentralizzati che soddisfino i bisogni delle persone.

Invia le tue notizie a [email protected] e tramite WhatsApp al +233 244244807
Seguire Notizie sul Ghana Su Google Notizia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *