L’Ucraina afferma che la situazione nella città assediata di Mariupol è “critica”

L’Ucraina afferma che la situazione nella città assediata di Mariupol è “critica”

Uno screenshot di un video clip mostra gli effetti dei bombardamenti dell’artiglieria russa su una zona residenziale di Mariupol quando un missile ha colpito una casa, secondo le forze armate ucraine, durante l’invasione russa dell’Ucraina a Mariupol, in Ucraina. Caricato sui social media il 10 marzo 2022. Forze armate ucraine / Inserito tramite Reuters

Lviv, Ucraina – L’Ucraina ha dichiarato venerdì che la situazione a Mariupol è ora critica poiché le forze russe hanno stretto il laccio attorno alla città portuale del Mar Nero e il bilancio delle vittime dei bombardamenti russi e di un assedio di 12 giorni ha raggiunto quasi 1.600.

L’agenzia di stampa TASS ha citato il ministero della Difesa russo che ha affermato che Mariupol è ora completamente accerchiato e funzionari ucraini hanno accusato la Russia di impedire deliberatamente ai civili di partire e di impedire l’ingresso di convogli umanitari.

I bombardamenti russi hanno impedito agli sfollati di lasciare nuovamente la città venerdì. Altrove, le forze russe hanno anche fermato alcuni autobus di persone che cercavano di fuggire dalla regione di Kiev, ha detto in un discorso video il vice primo ministro ucraino Irina Vereshchuk.

Il consigliere del ministero dell’Interno Vadim Denisenko ha espresso dubbi sul successo dell’ultimo tentativo di consegnare aiuti umanitari a Mariupol e sembra che un nuovo tentativo di evacuare i civili sia fallito.

“La situazione è critica”, ha detto Denisenko.

Il consiglio comunale ha affermato che 1.582 civili sono stati uccisi a Mariupol da quando la Russia ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio. La Russia nega di prendere di mira i civili in quella che definisce una “operazione speciale” per disarmare l’Ucraina e isolare i leader che descrive come neonazisti.

READ  L'iniziativa di cooperazione Highlands/Lowlands degli Stati del Corno d'Africa (“HAS”) 😀

I militari hanno affermato in un post su Facebook che i difensori ucraini della città “continuano con successo a smaltire tutti i rifiuti russi che hanno raggiunto il nostro paese” e venerdì hanno effettivamente distrutto un intero gruppo tattico russo. La Reuters non è stata in grado di confermare l’affermazione.

I residenti di Mariupol, una città strategicamente importante con oltre 400.000 persone in tempo di pace, sono senza elettricità e acqua da più di una settimana. I tentativi di organizzare un cessate il fuoco locale e un corridoio di uscita sicuro sono falliti, con ciascuna parte che incolpa l’altra.

Funzionari a Mariupol hanno detto che i bombardamenti russi sono continuati senza sosta venerdì. TASS ha citato il ministero della Difesa russo dicendo che le forze ucraine avevano distrutto o bombardato tutti i ponti e le strade che portavano a Mariupol.

Tre persone sono rimaste uccise in un attacco che ha distrutto un ospedale a Mariupol questa settimana, hanno detto funzionari ucraini, e le scorte stanno finendo da giorni.

“Il mondo intero deve unirsi per salvare Mariupol. La città è un disastro umanitario. I morti non sono nemmeno sepolti qui”, ha affermato Maxim Zorin, ex comandante della milizia di estrema destra nota come Battaglione Azov con sede in città.

Le autorità ucraine hanno affermato che tra le persone intrappolate a Mariupol, 86 cittadini turchi, tra cui 34 bambini, si trovano al riparo in una moschea.

Storie correlate

Le forze russe si avvicinano a Kiev mentre la città si trasforma in una “fortezza”

Pochi progressi nell’evacuazione dei civili ucraini nonostante la promessa di un cessate il fuoco russo

Lo strategico porto ucraino di Mariupol “assediato” dalle forze russe: il sindaco

leggi quanto segue

Non perdere le ultime notizie e informazioni.

partecipazione a INQUIRORE PIÙ Per accedere a The Philippine Daily Inquirer e a oltre 70 titoli, condividi fino a 5 widget, ascolta le notizie, scaricalo già alle 4 del mattino e condividi articoli sui social media. Chiama l’896 6000.

Per feedback, reclami e richieste, chiamaci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *