Mondiali 2023 | “Non siamo all’altezza”: delusa, l’Italia non vuole accontentarsi di questo

Mondiali 2023 |  “Non siamo all’altezza”: delusa, l’Italia non vuole accontentarsi di questo

C’erano dubbi attorno a questa squadra italiana. E anche se la pesante sconfitta contro gli All Blacks (96-17) una settimana prima non poteva che essere rassicurante, gli Azzurri hanno confermato questo venerdì sera di non essere ancora pronti (sconfitta per 60-7 contro la Francia). “Sono molto deluso, ovviamente. Siamo al nostro posto, dove tutti si aspettavano che finissimo. Avremmo potuto giocare un altro rugby per limitare il divario ma non siamo così… Avremmo potuto segnare di più ma ho molto rispetto per questi giocatori. ne sono fiero“, ha lanciato Cieran Crowley nel dopopartita, in un mix di emozioni adatte alla sua ultima apparizione sulla panchina dei Transalpini.

Questa volta non c’era la storia di un crudele tifone. No, l’Italia è stata eliminata solo perché non gioca ancora nelle grandi serie. “Non potrò dare un voto né qualificare i progressi della squadra in questo Mondiale. Avevamo obiettivi ambiziosi ma ci siamo messi in una posizione tale da non riuscire a fare le cose giuste. Forse non eravamo nemmeno pronti mentalmente“, constatò tristemente il capitano Lamaro.

A questo Mondiale l’Italia non è uscita nemmeno con il massimo dei voti. Dopo essere stata schiacciata dalla Nuova Zelanda, fu l’ondata del XV di Francia a scoppiare, senza bombole di ossigeno. “Oggi la Francia ce ne ha dato una grande dimostrazione. Se riesci a trovare spazi, puoi segnare. Tuttavia, nelle nostre ultime due partite, semplicemente non siamo riusciti a farlo“, ha continuato Lamaro.

I Blues sono pronti per questa famosa “finale”?

Dovremo quindi aspettare altri quattro anni per immaginare che l’Italia possa finalmente vincere una fase a gironi di un Mondiale. Anche questa volta il passo era troppo alto, decisamente troppo alto. E le due incoraggianti vittorie contro Namibia e Uruguay non hanno fatto altro che confermare lo status italiano: una selezione della via di mezzo, che immaginiamo più vicina alla terra che alle vette dopo questi gravi rovesci.

READ  Chiesa: solo un sacerdote su dieci rispetterebbe il voto di castità, dice il sociologo italiano

“L’Italia non è al livello delle migliori. Quando Nuova Zelanda e Francia giocano ai Mondiali, sono di gran lunga superiori“, insisteva Marzio Innocenti.”Non possiamo continuare ad esserci senza esserne protagonisti. Ma bisogna anche avere la mente fredda.” – ha affermato il presidente della Federazione Italiana Rugby, nel commento diffuso sabato dalla Gazzetta dello Sport.

Niente più Crowley, ciao Quesada: un nuovo ciclo sta per iniziare

Deluso, il presidente di una federazione italiana ancora alla ricerca di sé non è stato gentile: “Quindici giorni fa eravamo tutti contenti di aver raggiunto l’obiettivo minimo, ovvero la qualificazione al Mondiale 2027. Oggi ci ritroviamo con due sconfitte pesantissime. Non ci siamo divertiti, questo è chiaro. Dobbiamo consolidare il fatto che possiamo battere tutti gli altri, quelli dietro di noi. Dalla Georgia fino in fondo. E magari quando arriverà il giorno potremo segnare contro le squadre del Sei Nazioni“, ha spiegato la Innocenti.

Con il terzo posto l’Italia giocherà i Mondiali del 2027, ma per fare cosa? Il cambio di format con un maggior numero di squadre (“più piccole”) potrebbe aiutare l’Italia a uscire dai gironi. In ogni caso si presenterà con un nuovo allenatore. Come previsto, Cieran Crowley lascia il posto a Gonzalo Quesada. “Un nuovo ciclo sta per iniziare. Tutti vorrebbero vincere il Mondiale, ma il lavoro è molto lungo. L’Italia è in cammino, abbiamo ragazzi di grande qualità e ce ne sono altrettanti che stanno crescendo“, ha esultato la Innocenti all’arrivo dell’ex allenatore parigino. “Abbiamo riformato il sistema formativo e stiamo portando avanti questo progetto. Stiamo già vedendo i primi frutti. Per il momento il campionato italiano non è all’altezza: non possiamo nasconderloLa montagna rivolta verso le Transalpine è ancora ben visibile.

READ  Italia: l'Inter, a ritmo di campione, domina l'Atalanta (1-0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *