Mitsotakis ad Alpha: Natale con massimo 9 persone in casa – “Mea culpa” di Barnitha

“È stata colpa mia se ho scattato una foto a Parnitha”, ha detto il primo ministro in un’intervista al primo ministro. Alpha TV e Antonis Schröter. Ha anche indicato che il suo errore è stato quello di non indossare la museruola, poiché gli ha chiesto di fotografarlo con i cittadini. Ha anche sottolineato che è stato un piccolo momento di abbandono e abbandono.

Il Primo Ministro ha anche annunciato che avremmo festeggiato il Natale con un massimo di nove persone in casa. Ha sottolineato che “avremmo dovuto chiudere Salonicco prima, ma non c’era una proposta del genere”, riferendosi alla situazione epidemiologica della capitale comune e della Grecia settentrionale in generale.

Quando verranno annunciate le decisioni di vendita al dettaglio?

“Ci sono stati annunci rilevanti su ciò che non aprirà. (…) Lo facciamo perché non siamo soddisfatti della diminuzione del numero di casi. La quarantena non è stata così dura come lo era a marzo. Le persone sono anche stanche, a quanto ho capito. I cittadini sono nervosi e mi rendo conto di quanto sia difficile. Rimanendo a casa sua Prenderemo decisioni di vendita al dettaglio alla fine della settimana e speriamo di aprirne alcune, ma non posso fornire altri dettagli. Non si tratta solo dei casi, ma anche della pressione sul sistema sanitario. Soprattutto nella Grecia settentrionale. È molto triste convertire il certificato di morte in Una statistica… Dietro la morte di ogni famiglia. Per aprirci abbiamo bisogno di decongestionare il sistema sanitario. Al momento, l’ottimismo sul vaccino si profila all’orizzonte, ma ci vogliono diversi mesi per ottenere l’enorme risultato.

Per aprire l’intrattenimento, il signor Mitsotakis ha risposto: “Eravamo vicini a queste filiali. Tutti gli effetti ci hanno mostrato che c’è un problema nella trasmissione del virus all’intrattenimento notturno. Ecco perché abbiamo separato i ristoranti dall’intrattenimento notturno”.

“Non c’è una doppia registrazione del caso.”

Ha sottolineato che non vi è una doppia registrazione dei casi, rilevando in una risposta ai fuochi dell’opposizione: “Tre volte alla settimana il signor Tsiodras mi dà tutti i dati. L’Osservatorio COVID contiene tutti i dati. Non ci sono registrazioni duplicate. Abbiamo dati molto buoni e in base a questi ho preso le nostre decisioni. I dati non sono solo casi. Il ricovero è mobilità. Vediamo tutti gli stessi dati. (…) Era il meglio che potevamo fare “.

Per il turismo

Inoltre, il primo ministro ha sottolineato che “conoscendo l’ora di luglio, sarò più severo nel messaggio pubblico che l’epidemia tornerà”. Ha anche insistito sul fatto che il turismo non è correlato alla seconda ondata del Corona virus nel nostro paese: “Abbiamo tutti sostenuto il successo della prima ondata. Non abbiamo alcuna indicazione che il turismo sia associato alla seconda ondata. Ci sono stati paesi che hanno vissuto una seconda ondata senza aprirsi al turismo. Aree legate al turismo, come Rodi, Corfù o Creta non hanno avuto un grande carico epidemico.Abbiamo aperto bene il turismo e abbiamo fatto più test alle porte di altri paesi. Abbiamo anche fatto molti test sui lavoratori del turismo. I casi nella comunità sono stati portati a casa. I problemi sono sul posto di lavoro, nelle case di cura, ecco perché ci ha colpito la seconda ondata “.

READ  Dallo studio è emerso che il Coronavirus circola in Italia da settembre 2019

“Avremmo dovuto chiudere Salonicco prima”.

“Avremmo dovuto chiudere Salonicco prima”, ha ammesso il signor Mitsotakis, quindi ha rivolto un appello a tutti i cittadini affinché evitassero di spostarsi di casa in casa durante le vacanze. “Una famiglia più una, massimo 9 persone.”

Perché a ottobre siamo entrati in una cella di sicurezza

Analizzando le ragioni che hanno portato il governo ad avviare il secondo blocco, Mitsotakis ha sottolineato: “È molto difficile alla fine di ottobre. Entro cinque giorni, abbiamo scelto di entrare in modalità di blocco completo. Ci ho pensato molto. C’erano compagni che hanno detto di aspettare. “E ‘stato inquietante aumentare i casi che abbiamo fatto bene. Guardando indietro, tutti possono essere un profeta, ma voglio sottolineare che l’equilibrio tra salute pubblica ed economia non è facile”.

Quindi il signor Mitsotakis ha assicurato che “non ci è permesso passare attraverso una terza ondata. La cosa più importante è mantenere la NSS. Alzarsi e dare fiato a medici e infermieri … Abbiamo nominato 7000 medici e

“Potremmo non passare attraverso una terza ondata”.

Gli infermieri sono ovunque. Abbiamo aumentato il numero di letti in terapia intensiva da 557 a 1.250, alcuni dei quali permanenti. Allo stesso tempo, abbiamo aggiunto i poteri del settore privato, se necessario. Abbiamo lavorato bene con il settore privato “.

Mia Kolba per Ritratto di Barnitha

In risposta all’errore verificatosi nel secondo blocco e i casi non si sono intensificati come previsto, ha sottolineato che “le misure non sono state seguite con la necessaria coerenza. Tutti abbiamo attraversato momenti di abbandono e ci siamo dimenticati cosa fare. Non me lo escludo”. Poi ha fatto riferimento all’incidente di Barnitha: “È stato un errore non aver indossato la maschera quando sono stato fotografato. Non è stato sbagliato andare ad allenarmi perché è permesso all’interno dell’unità territoriale”.

Quando arriverà il vaccino?

“Il vaccino è forse il raggio di ottimismo più forte nell’inverno che stiamo attraversando. È un miracolo della scienza. Abbiamo molti vaccini disponibili. Stimo che il primo vaccino di Pfizer sarà approvato il 30 dicembre e la consegna in batch inizierà immediatamente. Tra due giorni, arriverà. Il vaccino è nel nostro Paese e inizieranno le vaccinazioni “.

READ  "The Dome": Dall'Italia nel piatto, il focus - ristoranti

Iniziativa di vaccinazione congiunta con leader politici

Inoltre, ha sottolineato che il vaccino “Sarò uno dei primi a farlo con il PD, perché non è con i leader politici. Lo suggerisco. Dobbiamo inviare il messaggio che il vaccino è sicuro. I dubbi della comunità devono essere superati. Fino a che punto capisco questa fobia”. Ma i vaccini sono sicuri e hanno fatto miracoli che a volte sono stati dimenticati “.

Poi è stata raccontata una toccante storia personale per mostrare quanto siano importanti i vaccini. “Mia madre soffriva di poliomielite. Era quasi paralizzato. È riuscito ad andare negli Stati Uniti dopo la guerra e ha potuto di nuovo camminare. La poliomielite oggi non esiste. Perché siamo tutti vaccinati. Come altre malattie pericolose”.

‘La recessione nel 2021 sarà grande’

Il primo ministro ha riconosciuto che la recessione sarà grande nel 2021, dicendo: “La recessione in Grecia sarà grande, come nel resto dell’Eurozona. Nel 2021, dobbiamo fare un grande sforzo per colmare il divario lasciato dall’epidemia. Questa non è la recessione di Mitsotakis. Tutti lo sanno. Le dinamiche dell’economia erano grandi prima della pandemia. Il paese è anche riconosciuto dai mercati e dalle istituzioni nel mezzo della pandemia. Investitori molto importanti vengono e investono nel nostro paese. Lo stato è stato al fianco dei cittadini, ha sopportato il peso dei salari e la liquidità ha sostenuto le aziende – cosa che non è mai accaduta – per sostenerli Chi affitta negozi, cittadini, trasferisce debiti fiscali per il futuro “.

“Una recessione del 9-10% non poteva lasciare ferite. Ma abbiamo mantenuto in vita alcuni affari. Al riavvio, le aziende avranno la liquidità necessaria per adempiere gradualmente ai loro obblighi”. Ciò che conta per noi è prima di tutto mantenere aperta l’azienda “, ha anche approvato e continuato il primo ministro :

“Siamo particolarmente chiari sulla cauzione da pagare per quanto verrà restituito”.

Per quanto riguarda il fondo di recupero, Mitsotakis ha dichiarato: “Avremo pagamenti a partire dal 2021 e faranno una vera differenza nella vita dei cittadini. Ad esempio, il piano per abolire la Dignità occidentale Macedonia. Piani di risparmio energetico”.

“L’idea di imporre imposte sul reddito uniformi è molto seria. Alcune delle proposte saranno finanziate dal Fondo per il recupero, e altre proposte non hanno alcun costo finanziario. Questo testo non è una dichiarazione del governo. È il testo degli studiosi. C’è un terreno comune per i grandi tagli che lo Stato dovrebbe fare. Così puoi approfittare delle opportunità che si stanno aprendo. “La mia intenzione è di fare pressione sulle riforme, non sui freni”, ha detto.

READ  Scopri l'impatto del Covid-19 attraverso le migliori aziende come: ave & Buster's, CEC Entertainment, Main Event Entertainment, Legoland Discovery Centre e Scene 75 Entertainment Centers - Journal l'Action Régionale

Per greco-turco – Condizioni per il dialogo con la Turchia

Il primo ministro ha fornito ampi rapporti sul vertice greco-turco e sul vertice imminente.

Ha aggiunto: “Quello che abbiamo ottenuto è trasformare le differenze greco-turche in differenze tra Europa e Turchia. Questo non è mai accaduto prima. Ci è voluta un’azione diplomatica organizzata per convincerci perché la Turchia rappresenta una minaccia per la sicurezza. Ecco perché il vertice di ottobre ha dato alla Turchia due opzioni. O si adotta l’ordine del giorno”. Positivo o sopportarne le conseguenze “, riferendosi a possibili sanzioni contro Ankara, aggiungendo,” non posso escludere le decisioni del Consiglio. (…) Ma credo che l’Unione europea non metterà a repentaglio la sua posizione. Mi riferisco alla decisione di ottobre. Ha detto che dovremmo prendere decisioni a dicembre. Tutto è sul tavolo. La stragrande maggioranza concorda con le posizioni della Grecia. Il veto si riferisce ai paesi che sono soli. “La Grecia non è sola”.

Anello caldo

Ha anche affermato che Grecia e Turchia non si erano avvicinate a un episodio caldo, anche se come ha detto ci sono stati momenti di grande tensione. “Abbiamo attraversato molti mesi difficili. (…) Abbiamo affrontato una crisi di rifugiati e l’aggressione della Turchia e abbiamo guidato le due flotte in agosto in condizioni di grande tensione. Ci sono stati momenti di estrema intensità in cui dovevamo essere risoluti e cauti. Non è nell’interesse della Turchia mantenere la tensione. Grecia. Pronti al dibattito a patto che non ci siano tensioni.Discussione come richiesto tra vicini, delimitando i confini della piattaforma continentale e delimitando le aree marittime nel Mar Egeo e nel Mediterraneo orientale. Se non riusciamo a trovare una soluzione allora andiamo al tribunale dell’Aia. Abbiamo firmato i confini con Italia ed Egitto. Eravamo d’accordo con l’Albania sull’Aia: “Perché non facciamo lo stesso con la Turchia?”

Riguardo alle condizioni per la ripresa dei contatti esplorativi, Mitsotakis ha dichiarato: “Avremo bisogno di un periodo di calma pratica. La Turchia si è ritirata da Uruk Reis 10 giorni prima del vertice. Può farlo da ottobre”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *