Moretti entra in scena per un secondo riposo, consegna Sean Penn

Alla ricerca di una seconda palma: l’italiano Nani Moretti è stato incoronato vent’anni fa, ed è tornato a Cannes con la canzone Tre Piani, in un concorso ancora molto aperto.

“Buona fortuna a tutti!” Il regista ha scherzato a metà giornata prima della proiezione del suo film.

Pietra angolare

“I miei film attribuiscono qualità profetiche. Quattro anni fa, quando ho iniziato a lavorare a (questo film) sapevo benissimo che domenica 11 luglio 2021 l’Italia avrebbe partecipato a tre spettacoli “pianistici”, su tre livelli: a Wimbledon, dove affronta Matteo Berrettini Novak Djokovic, “Cinematicamente con Moretti a Cannes”, e in serata per la finale di Coppa delle Nazioni Europee.

“Buona fortuna a tutti!” Il regista ha scherzato a metà giornata prima della proiezione del suo film.

Medaglie di livello, romano, punta di diamante di un cinema al crocevia dell’intimità e voce politica e principale della settima arte europea, non se ne deve assolutamente vergognare: ha vinto il Premio di scena nel 1994 per “Il diario”, la storia di la sua battaglia contro il cancro, e poi la Palma d’Oro nel 2001 Con il film “La stanza del figlio”, un film straziante sulla perdita di un figlio.

È un membro fisso di Cannes e ne ha già presieduto la giuria, presentando anche la commedia “Habemus Papam”, con Michel Piccoli nei panni del papa sospettoso.

Storie da più case

In “Tre Piani”, come di consueto, il regista apparirà sullo schermo in uno dei ruoli, Vittorio, il gip. Ma questa volta la sceneggiatura è adattata da un romanzo dell’israeliano Eshkol Nevo, “Tre piani”, da cui ha trasferito una trama a Roma.

READ  Le città creative della musica celebrano la Giornata mondiale del jazz

Il film intreccia le storie di diverse case, in un edificio di tre piani nella capitale italiana, secondo un brief svelato dai produttori: una famiglia con una figlia di sette anni, una giovane madre e il marito di vecchia data che soggiornano in hotel. Alien, due giudici prima di una scelta dolorosa…

temi internazionali

Nelle sue note di produzione, il regista ha affermato che “affronta temi universali come la colpa, le conseguenze delle nostre scelte e la giustizia e la responsabilità che derivano dall’essere padre”.

Il suo tredicesimo film, che è stato girato prima della pandemia e che ha atteso pazientemente di essere mostrato quest’anno a Cannes, potrebbe risuonare con la notizia: dice anche “la nostra tendenza a vivere una vita solitaria”, aggiunge.

Molti affari forti

Presentato lo stesso giorno dell’adattamento del romanziere giapponese Haruki Murakami di Hamaguchi Ryosuke e dell’ultimo film della regista francese Mia Hansen Love, “Tree Pyani” impressionerà la giuria guidata da Spike Lee?

Con questo sesto giorno si conclude una settimana segnata da diversi lavori forti: “Annette”, diretto da Leos Carax, film d’apertura, un vero spettacolo pirotecnico cinematografico con Adam Driver e Marion Cotillard, in cima alle recensioni critiche dei primi giorni compilate di Screen International.

Ma il film norvegese Joachim Trier, “Julie (in 12 Chapters)”, ritratto di una giovane donna tormentata dalle questioni dell’epoca, ha commosso Croisette e ha rivelato l’attrice Renate Rensfe, o “Beneedita” di Paul Verhoeven. , su una suora gay medievale, non ha lasciato indifferenza, senza consenso.

Sean Penn interpreta un padre fallito

Da parte loro, l’attore e regista stellare Sean Penn e sua figlia Dylan si sono dati da fare domenica per un po’ di confidenza su “Flag Day”, che hanno presentato il giorno prima in competizione.

READ  "Drago Bianco": nel bando nazionale produzione di idrogeno "verde" in Macedonia occidentale

In questo film che ha diretto, Sean Penn stesso ha ricoperto uno dei ruoli principali, il ruolo di un padre fallito e indebitato, che vive di furto. Il regista di “Into The Wild”, l’attore agli Oscar, inizialmente era alla ricerca di un attore per il ruolo e dà la risposta a sua figlia, Dylan.

Alla fine è stato Matt Damon, che gli ha inviato la sceneggiatura, che lo ha convinto a interpretare il ruolo, dicendogli che “è stato stupido non farlo (da solo) e cogliere l’occasione per giocare con sua figlia”, ha spiegato a una conferenza stampa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *