Mangi con gli occhi, lo stomaco o il cervello? Un neuroscienziato ti mostra come controllare la fame durante le vacanze

Mangi con gli occhi, lo stomaco o il cervello?  Un neuroscienziato ti mostra come controllare la fame durante le vacanze
Foto illustrativa dell'AFP

©Monica Schipper Getty Images tramite AFP

Mangia perché ha fame

Tuttavia, la scienza alla base del comportamento alimentare rivela che il processo di decidere cosa mangiare, quando e quanto è più complesso del semplice consumo di calorie quando il corpo ha bisogno di carburante. I segnali di fame sono solo una parte del motivo per cui le persone scelgono di mangiare. Come scienziato interessato alla psicologia e alla biologia alla base del comportamento alimentare, sono affascinato dal modo in cui le esperienze del cervello con il cibo influenzano le decisioni alimentari.

Come fanno le persone a decidere cosa mangiare?

Mangia con gli occhi

I segnali visivi legati al cibo possono influenzare i comportamenti alimentari negli esseri umani e negli animali. Ad esempio, avvolgere semplicemente il cibo nei contenitori di McDonald's può indurre i bambini piccoli a preferire una serie di alimenti, dalle crocchette di pollo alle carote. I segnali visivi legati all’alimentazione, come un display luminoso quando viene consegnato il cibo, possono promuovere comportamenti di eccesso di cibo negli animali superando il fabbisogno energetico.

Infatti, una serie di stimoli sensoriali – rumori, odori e consistenze – possono essere collegati alle conseguenze piacevoli del mangiare e influenzare le decisioni relative al cibo. Questo è il motivo per cui ascoltare una melodia orecchiabile alla radio di un marchio alimentare, vedere uno spot televisivo per un ristorante o passare davanti al tuo ristorante preferito può influenzare la tua decisione di consumare e talvolta mangiare troppo.

READ  Incredibili cambiamenti nella temperatura di Nettuno

Tuttavia, la tua capacità di apprendere segnali legati al cibo si estende oltre gli stimoli provenienti dal mondo esterno e include l’ambiente interno del tuo corpo. In altre parole, anche noi tendiamo a mangiare pensando allo stomaco, e lo facciamo utilizzando gli stessi meccanismi di apprendimento e cerebrali coinvolti nell’elaborazione degli stimoli alimentari provenienti dal mondo esterno. Questi segnali interni, chiamati anche segnali interocettivi, includono sensazioni di fame e pienezza provenienti dal sistema digestivo.

Non sorprende che i segnali provenienti dall'intestino aiutino a determinare quando mangiare, ma il ruolo che svolgono è più importante di quanto si pensi.

Fidati delle tue sensazioni

I sentimenti di fame o di sazietà sono segnali importanti che influenzano il processo decisionale sul mangiare.

Per studiare come gli stati discutibili influenzano i comportamenti alimentari, i ricercatori hanno addestrato topi di laboratorio ad associare sentimenti di fame o sazietà al fatto che ricevessero o meno cibo. Per fare questo, hanno dato cibo ai topi solo quando erano affamati o sazi, quindi i topi dovevano riconoscere questi segnali interni per calcolare se il cibo sarebbe stato disponibile o meno. Se un ratto viene addestrato ad aspettarsi il cibo solo quando ha fame, generalmente eviterà l’area in cui il cibo è disponibile quando si sente sazio, perché non si aspetta di essere nutrito.

Tuttavia, quando ai topi è stato iniettato l’ormone grelina, che induce la fame, i topi si sono avvicinati più frequentemente al luogo in cui veniva distribuito il cibo. Ciò suggerisce che i ratti abbiano utilizzato questo stato di fame artificiale come segnale interocettivo per prevedere la consegna del cibo, comportandosi quindi come se stessero anticipando la consegna del cibo.

Le interocezioni sono sufficienti per modellare i comportamenti alimentari anche in assenza di segnali sensoriali esterni. Un esempio particolarmente eclatante sono i topi geneticamente modificati per non essere in grado di assaggiare il cibo, ma che tuttavia mostrano preferenze per determinati alimenti basandosi esclusivamente sul loro contenuto calorico. In altre parole, i roditori possono utilizzare segnali interni per prendere decisioni sull’alimentazione, incluso quando e dove mangiare e quali cibi preferiscono.

READ  Un asteroide delle dimensioni di un autobus passerà sulla Terra in poche ore

Questi risultati indicano anche che la sensazione della fame e dei nutrienti non si limita allo stomaco. Comprende anche aree cerebrali importanti per la regolazione e l’equilibrio, come l’ipotalamo laterale, nonché centri cerebrali coinvolti nell’apprendimento e nella memoria, come l’ippocampo.

Cosa succede nel nervo vago

L’asse intestino-cervello, la connessione biochimica tra l’intestino e il cervello, modella i comportamenti alimentari in diversi modi. Uno riguarda il nervo vago, che è un nervo cranico che aiuta, tra le altre cose, a controllare il sistema digestivo.

Il nervo vago fornisce rapidamente informazioni sui nutrienti al cervello. La stimolazione del nervo vago può portare a uno stato piacevole, tale che i topi si impegnano volontariamente in un comportamento, come infilare il naso attraverso una porta aperta, per stimolare il nervo vago. È importante sottolineare che i topi imparano anche a preferire cibi e luoghi in cui viene stimolato il nervo vago.

Il nervo vago svolge un ruolo cruciale non solo nella comunicazione dei segnali digestivi, ma anche in una serie di altri segnali interstiziali che possono influenzare il modo in cui ti senti e agisci. Negli esseri umani, la stimolazione del nervo vago può migliorare l’apprendimento e la memoria e può essere utilizzata per trattare la depressione maggiore.

Vantaggi della consapevolezza dell'interoperabilità

La capacità del tuo corpo di utilizzare segnali esterni e interni per regolare il modo in cui apprendi e prendi decisioni sull'alimentazione evidenzia gli affascinanti processi coinvolti nella regolazione dei tuoi bisogni energetici.

Una scarsa consapevolezza interocettiva è associata a una serie di comportamenti alimentari disordinati, come i disturbi alimentari. Ad esempio, l’anoressia può verificarsi quando i segnali interocettivi, come la sensazione di fame, non sono in grado di stimolare la spinta a mangiare. Inoltre, l’incapacità di utilizzare la sensazione di sazietà per mitigare le conseguenze gratificanti e piacevoli del consumo di cibi gustosi può portare ad abbuffate.

READ  Una giovane stella in orbita attorno a pianeti extrasolari scoperti in un fiume di stelle utilizzando dati TESS e Spitzer - Technology News, Firstpost

I segnali interocettivi svolgono un ruolo importante nella regolazione delle abitudini alimentari quotidiane. Durante le vacanze, molti fattori di stress provenienti dal mondo esterno circondano il mangiare, come calendari sociali impegnativi, pressioni a conformarsi e sensi di colpa quando si mangia troppo. In questo momento, è particolarmente importante sviluppare una forte connessione con le tue interconnessioni. Ciò può promuovere un’alimentazione intuitiva e un approccio più olistico alle tue abitudini alimentari. Invece di concentrarti su fattori esterni e porre condizioni sul tuo comportamento alimentare, goditi il ​​momento presente, assapora intenzionalmente ogni boccone e dai ai tuoi segnali interocettivi il tempo di svolgere il ruolo per cui sono stati progettati.

Il tuo cervello si è evoluto per rilevare i tuoi attuali bisogni energetici. Incorporando questi segnali nella tua esperienza dell’ambiente alimentare, puoi ottimizzare il tuo fabbisogno energetico e sfruttare la stagione.

>>>No Una copia originale Questo articolo è stato pubblicato su Conversazione. <<

Alex Johnson, Università statale del Michigan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *