Da dove vengono questi sciami di ragni su Marte?

Da dove vengono questi sciami di ragni su Marte?

All'inizio di marzo, una sonda ha immortalato un oggetto simile a una tavola da surf sulla Luna. In realtà era un'astronave coreana. Questa volta, sono state le sonde europee Mars Express e ExoMars Trace Gas Orbiter (TGO) a inviare immagini di “ragni” trovati sulla Terra nella regione polare meridionale di Marte.

Ovviamente su Marte non ci sono ragni, né nessun altro essere vivente. Inoltre, basta guardare le dimensioni dell'immagine per vedere che ogni ragno ha una larghezza compresa tra 45 metri e 1 chilometro!

In primavera il ghiaccio si trasforma in gas

Secondo l’Agenzia spaziale europea (Agenzia spaziale europea) che pubblica queste immagini, queste piccole strutture scure si formano quando il sole primaverile cade sugli strati di anidride carbonica depositati durante l'inverno. La luce solare trasforma poi il ghiaccio di anidride carbonica sul fondo dello strato in gas, che poi si accumula e rompe le calotte di ghiaccio che lo ricoprono. Il gas penetra in un geyser marziano, trasportando materiale scuro in superficie e rompendo strati di ghiaccio spessi fino a un metro.

Il gas in risalita, carico di polvere scura, penetra nelle fessure del ghiaccio sotto forma di fontane o geyser, prima di ritirarsi e depositarsi in superficie. Questo crea macchie scure tra 45 me 1 km di diametro.

Rovine Inca su Marte?!?

Quando prendiamo la foto nel suo insieme, scopriamo che questi “ragni” si trovano alla periferia di una parte di Marte conosciuta come la città degli Inca. Come possiamo vedere nelle foto, la rete lineare, quasi geometrica delle colline ricorda chiaramente le rovine Inca, come la leggendaria città di Machu Picchu. Ufficialmente, quest'area è conosciuta come Angustus Labyrinthus ed è stata scoperta nel 1972 dalla sonda Mariner 9 della NASA.

Fonte immagine: Agenzia spaziale europea, Centro aerospaziale tedesco, Università Vu di Berlino

READ  Il tokamak giapponese compie un nuovo passo

Ma questa è la prima volta che viene osservato da questa angolazione, utilizzando una fotocamera ad alta risoluzione. Ma se si conosce l’origine dei “ragni”, la nascita di questa città Inca resta un mistero. Gli scienziati parlano di dune di sabbia che nel tempo si sono trasformate in pietra. Ma potrebbe essere così”. esker » Strutture sinuose associate ai ghiacciai.

Una “città” in fondo al buco

Tuttavia, la città è stata trovata al centro di un grande cerchio con un diametro di 86 chilometri, e quindi gli esperti sospettano che si trovi all'interno di un grande cratere formatosi quando una roccia proveniente dallo spazio, forse un meteorite, si è scontrata con la Terra. Superficie del pianeta.

Questo impatto probabilmente causò increspature nella pianura circostante, che poi si riempì di lava in aumento e da allora si è erosa nel tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *