“Maccheroni”, “Rital”, “Bowl” … immigrati italiani in Francia all’inizio del XX secolo

“Maccheroni”, “Rital”, “Bowl” … immigrati italiani in Francia all’inizio del XX secolo

“Niente cani e italiani” è la scritta su un cartello appeso all’ingresso di un caffè in Francia all’inizio del Novecento. Poi gli immigrati italiani soffrivano di presunta xenofobia, ornata di nomi di ogni tipo: “spaghetti”, “rittal”, “pipì”… Bisognava aspettare il romanzo autobiografico prima Francois KavanaghE Rittal1978 fino a quando questo insulto trova le sue Lettere dei Pari.

Tabellone a fumetti di Barrow "Bella Zao"Volume 3, Futoropolis.
Un pannello dal fumetto di Barrow “Bella Ciao”, Volume 3, Futoropolis.

– Crediti Baru / Futuropolis

Questa è la storia fatta dal regista Alan Augitocompreso il film d’animazione

No cani e italiani Esce il 25 gennaio e Carriolache pubblica un file

Il terzo e ultimo volume Dalla sua serie di libri illustrati Bella Zao A Futoropolis hai deciso di raccontare. Mescolano la loro storia personale con la finzione, che colma i vuoti lasciati dalla storia, per crearla “dovere di memoria” Secondo Alan Augetto, W.H “tocco globale” per carriola. Perché la storia dell’immigrazione italiana in Francia è coerente con tutta l’immigrazione di massa, con la sua quota di razzismo e assimilazione forzata.

Infine, nell’ambito della partnership con la rivista

Per vedere che leggiE Federico Michele Ci regala le sue previsioni per la cinquantesima edizione di

Festival del fumetto di Angoulêmeche si svolgerà dal 26 al 29 gennaio 2023: mostre imperdibili, premi assegnati e highlights da non perdere.

READ  Il miglior investimento di Mario Ciscini: la sua famiglia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *