Le comunità italiana e americana condividono spettacoli teatrali nel Soldiers’ Theatre

Le comunità italiana e americana condividono spettacoli teatrali nel Soldiers’ Theatre











1/4

Mostra legenda +
Nascondi didascalia –


VICENZA, Italia – Antonio Stefani, storico giornalista de Il Giornale di Vicenza, quotidiano locale che esce dal 1915, oltre a riviste teatrali, presenterà il giorno “Gli americani a Vicenza” al Teatro Soldati della Caserma Ederle 21 ottobre. Stefani ha adattato anche il racconto scritto da Goffredo Barez, vicentino, che descrive il primo arrivo delle truppe americane dall’Austria il 29 settembre 1955.

Lo spettacolo al Théâtre des Soldats è stata la prima volta che è stata rappresentata la produzione del “Teatro Olimpico” di Caserma Ederle.

Il Teatro Olimpico, progettato dall’architetto Andrea Palladio alla fine del XVI secolo, fa parte del patrimonio mondiale dell’UNESCO e ogni anno ospita un programma di classici.
(Fonte immagine: Laura Crider)


Guarda la versione originale













2/4

Mostra legenda +
Nascondi didascalia –


VICENZA, Italia – “Americani a Vicenza”, un racconto del vicentino Goffredo Barez che descrive il primo arrivo delle truppe americane dall’Austria il 29 settembre 1955, è stato rappresentato al Teatro Soldati della Caserma Ederle il 21 ottobre. Per la prima volta alla Caserma Ederle viene rappresentata una produzione del Teatro Olimpico. Il Teatro Olimpico, progettato dall’architetto Andrea Palladio alla fine del XVI secolo, fa parte del patrimonio mondiale dell’UNESCO e ogni anno ospita un programma di classici.
(Fonte immagine: Laura Crider)


Guarda la versione originale




Le comunità italiana e americana condividono spettacoli teatrali nel Soldiers' Theatre








3/4

Mostra legenda +
Nascondi didascalia –


VICENZA, ITALIA – Antonio Stefani, giornalista di lungo corso per Il Giornale di Vicenza, quotidiano locale pubblicato dal 1915, e per riviste teatrali, presenta lo spettacolo teatrale “Gli americani di Vicenza”, scritto dal vicentino Goffredo Barez, che descrive il primo arrivo delle truppe americane in partenza dall’Austria il 29 settembre 1955. Stefani ha adattato la storia, che è stata rappresentata al Teatro dei Soldati di Caserma Ederle il 21 ottobre 2023. Sul palco, accanto a Stefani, i membri del “Tema Academy”, gruppo giovanile trevigiano guidato da Giovanna Cordova e musicisti locali.
(Fonte immagine: Laura Crider)


Guarda la versione originale




Le comunità italiana e americana condividono spettacoli teatrali nel Soldiers' Theatre








4/4

Mostra legenda +
Nascondi didascalia –


VICENZA, Italia – Il Soldiers’ Theatre presenta “Americani a Vicenza”, una storia scritta dal vicentino Goffredo Barez e rappresentata per un pubblico misto di italiani e americani.

È stata la prima volta che il 21 ottobre 2023 è stata rappresentata alla Caserma Ederle la produzione del “Teatro Olimpico”. Il Teatro Olimpico, progettato dall’architetto Andrea Palladio alla fine del XVI secolo, fa parte del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO . Il sito ospita un programma di classici ogni anno.
(Fonte immagine: Laura Crider)


Guarda la versione originale

VICENZA, Italia – Il Teatro Olimpico, un teatro rinascimentale dell’architetto Andrea Palladio e parte di un sito patrimonio mondiale dell’UNESCO, fornisce un’importante rappresentazione dell’arrivo degli americani a Vicenza nel 1955, in Il Teatro dei Soldati, Giorno 1955. Caserma Ederle il 21 ottobre 2023.

Antonio Stefani, storico giornalista de Il Giornale di Vicenza, quotidiano locale dal 1915, ha dichiarato: “Cacerma Ederle è il luogo ideale per presentare ‘Gli americani a Vicenza’, un racconto scritto da Goffredo Barez, originario di Vicenza, e pubblicato nel 1958.” “. Per quanto riguarda le riviste teatrali.

“Ho sicuramente pensato alla storia di Parigi, che è un po’ di fantasia, ma ispirata a un evento reale”, ha detto Stefani, che ha adattato la storia descrivendo il primo arrivo delle truppe americane dall’Austria il 29 settembre 1955.

Stefani è stata invitata dal direttore del Teatro Olimpico, Giancarlo Marinelli, a partecipare allo spettacolo finale della 76esima stagione delle Classiche dell’Olimpico, con uno spettacolo che potrebbe rientrare nel tema del programma di quest’anno “Stella Meravigliosa”, che significa stella brillante. . . Lo spettacolo al Théâtre des Soldats rappresentava la prima volta che una produzione del Teatro Olimpico veniva presentata alla Caserma Ederle.

Stefani ha spiegato che entrambi gli spettacoli sono stati presentati metà in inglese e metà in italiano per favorire la comprensione tra il pubblico misto.

“Spero che questo sia l’inizio di un processo che porterà a futuri scambi”, ha detto Stephanie. Sa che alla Caserma Ederle si svolgono molte attività teatrali. “In futuro, potrei voler vedere un musical prodotto qui e messo in scena fuori sede, e portare qui alcuni dei nostri progetti.”

Della stessa opinione è stato espresso il Maggiore Generale Todd Wasmund, Comandante in Capo della SETAF-AF, che ha sottolineato la grande opportunità di vivere il patrimonio culturale vicentino.

“Siamo lieti che i nostri ospiti italiani abbiano condiviso una parte della loro cultura e storia. È anche un’opportunità per celebrare le nostre amicizie durature. È giusto che la prossima settimana SETAF-AF festeggi il suo 68° anniversario”, ha affermato Wasmund.

Oltre alla scoperta del patrimonio culturale della città, la collaborazione con il Teatro Olimpico per questo progetto è stata un’opportunità di scambio interculturale secondo Jerry Bryce, direttore del Soldiers’ Theatre.

“La collaborazione del regista, degli attori e dei tecnici con la nostra comunità teatrale è stata straordinaria. Apprezziamo davvero l’opportunità di lavorare insieme per raggiungere l’obiettivo comune di un grande intrattenimento teatrale per le nostre due comunità”, ha affermato.

Sul palco, oltre a Stefani, tre musicisti e membri della “Tema Academy”, gruppo teatrale giovanile trevigiano diretto da Giovanna Córdova. Uno di loro, Matteo Rossetto, ha cantato sia in italiano che in inglese. Era appassionato di teatro fin dalla quarta elementare e pensava che recitare in inglese fosse una vera sfida.

“Sicuramente mi piace parlare inglese, e non è difficile per me esibirmi in inglese e sono davvero emozionato,” ha detto dopo le prove.

Dopo lo spettacolo serale, Cordova ha espresso il suo apprezzamento per l’accoglienza ricevuta tramite posta.

“È stato bellissimo venire qui e la comunità ci ha accolto in modo meraviglioso”, ha detto.

Per i giovani artisti, è stato un modo per conoscere e custodire il passato perché non sono nati quando sono accaduti gli eventi, ha detto.

“Si sono divertiti e lo hanno fatto con grande piacere, e per loro è stata una ‘avventura’”.

“Avventuroso” ha potuto realizzare questo spettacolo anche in una location diversa per il Direttore Artistico del Teatro Olimpico Marinelli.

“Quando cinque anni fa fui nominato direttore del teatro dissi che avrei provato a portare l’Olimpico ovunque. Essere qui oggi è con la storia di Parigi, con i giovani e con una delle mie stelle che mi ha guidato in questi cinque anni, Antonio Stefani, che rappresenta la memoria dell’Olimpico”, ha detto Marinelli stesso, non nego che sia motivo di orgoglio”.

“Nella cinematografia, il ‘momento del sogno’ è il momento in cui, tra il tramonto e il tramonto, è il momento migliore per il direttore della fotografia per girare e girare. Per me, il ‘momento del sogno’ è arrivato in questi cinque anni.

READ  Festeggiamo il nuovo anno con Naxatras nel nuovo ciclo STAGES...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *