La partecipazione alle elezioni iraniane diminuisce mentre gli estremisti prendono il controllo

La partecipazione alle elezioni iraniane diminuisce mentre gli estremisti prendono il controllo

Apri Editor's Digest gratuitamente

L'affluenza alle elezioni parlamentari iraniane è scesa al minimo storico, secondo i risultati preliminari di una corsa che ha evidenziato come gli estremisti stiano consolidando il loro potere nella Repubblica islamica.

L’agenzia di stampa della Repubblica islamica iraniana ha riferito che il tasso complessivo di partecipazione alle elezioni, che includeva Teheran e più di una dozzina di altri distretti elettorali, è sceso al 41%, continuando la tendenza alla mancata partecipazione alle elezioni.

A Teheran è previsto un ballottaggio, con circa la metà dei 30 candidati parlamentari che non raggiungono la soglia richiesta. I resoconti dei media locali indicano che il tasso di partecipazione a Teheran ha raggiunto circa il 24%. Il Ministero degli Interni iraniano non ha ancora pubblicato i risultati ufficiali.

Il tasso di affluenza alle urne rappresenta una battuta d’arresto per le autorità iraniane, che tradizionalmente hanno indicato l’elevata affluenza alle urne come prova della legittimità della Repubblica islamica.

Nonostante gli appelli del regime affinché la gente si recasse alle urne, molti elettori si sono rifiutati di votare dopo che figure di spicco pro-riforma e moderate sono state epurate nel processo di verifica pre-elettorale.

La disillusione è alimentata anche dall’alto costo della vita, dall’inflazione superiore al 40% e dal forte calo del valore della moneta nazionale negli ultimi due anni.

In Iran si sono svolte anche le elezioni per l'Assemblea degli Esperti, un organismo composto da 88 membri che potrebbe dover scegliere un successore dell'Ayatollah Ali Khamenei, leader spirituale e leader supremo iraniano di 84 anni, nella foto mentre parla dopo aver espresso il suo voto. © Getty Images

“Che senso ha votare quando so che il mio voto non cambierà nulla?”, ha detto Hamid, un rappresentante di vendita di 22 anni a Teheran che non ha votato.

READ  Blinken afferma che qualsiasi mossa della Cina per invadere Taiwan avrebbe "serie conseguenze"

Una coalizione di partiti pro-riforma ha respinto la proposta di una lista a Teheran, centro politico del paese e più grande distretto elettorale, ma ha sostenuto i candidati in altre città.

I candidati moderati a Teheran sono stati completamente sconfitti dai loro rivali più intransigenti. Circa 30 figure moderate, tra cui alcuni riformatori di spicco come Masoud Pezeshkian, sono riuscite a entrare nel parlamento nazionale da 290 seggi.

L'ex presidente riformista Mohammad Khatami ha rifiutato di votare alle elezioni. Muhammad Ali Abtahi, ex vicepresidente, ha affermato che questo era l’unico modo in cui Khatami avrebbe potuto “far sentire le sue idee ponderate”.

Gli analisti hanno affermato che il basso tasso di partecipazione porta un messaggio politico importante per l’establishment al potere.

Majid Ansari, un politico riformista, ha espresso preoccupazione per il pericolo che “le persone perdano fiducia nelle urne”. Ha avvertito che la lenta partecipazione ha dimostrato che la “componente repubblicana” nel sistema “stava perdendo fiato”.

Venerdì in Iran si sono svolte anche le elezioni per l'Assemblea degli Esperti, un organismo composto da 88 membri che potrebbe dover scegliere il successore dell'Ayatollah Ali Khamenei, leader spirituale iraniano di 84 anni e comandante supremo delle forze armate, se questi dovesse morire durante il processo. rivolta. La durata del Consiglio è di otto anni.

Il presidente Ibrahim Raisi è entrato nel consiglio dalla provincia sud-orientale del Khorasan, ottenendo 275.000 voti.

Raisi ha ringraziato il popolo iraniano per la sua presenza “saggia e tempestiva” alle elezioni e per aver portato “disperazione e delusione ai nemici” dell’Iran che hanno speso “miliardi di dollari” per indebolire le elezioni.

READ  Aereo militare Usa precipita con 5 persone a bordo in California

I media statali hanno minimizzato la scarsa affluenza alle urne e si sono vantati della vittoria. Secondo la televisione di stato, il tasso di partecipazione alle elezioni parlamentari nella maggior parte dei paesi oscilla tra il 40 e il 50%.

L'agenzia di stampa Tasnim, vicina alle Guardie rivoluzionarie, ha affermato che i 25 milioni di voti espressi indicano che la massiccia campagna di boicottaggio elettorale, creata all'estero e sostenuta da gruppi estremisti all'interno del paese, è fallita.

Un religioso iraniano esprime il suo voto © tramite Reuters

I risultati elettorali hanno indicato anche uno spostamento di potere all’interno del campo conservatore. Figure meno intransigenti arrivate al potere negli ultimi dieci anni hanno ottenuto la vittoria sui conservatori della vecchia guardia, come Mohammad Reza Bahoner.

Mohammad Bagher Qalibaf, il presidente conservatore del parlamento, è arrivato solo al quarto posto in una lista di 30 rappresentanti di Teheran, complicando le sue possibilità di guidare il Consiglio legislativo per un altro mandato.

In un altro colpo alle figure tradizionali conservatrici, Sadeq Larijani, ex capo della magistratura e attuale capo del Consiglio per il Discernimento delle Opportunità, che formula le politiche generali del paese, non è riuscito a ottenere voti sufficienti per entrare nell'Assemblea degli Esperti.

Saeed Shariati, un attivista riformista, ha affermato che il fatto che l’80% delle persone a Teheran e il 60% delle persone in tutto il Paese non abbiano votato porta un “messaggio pacifico” alle autorità che “le persone non sono vostre nemiche, si oppongono a voi. ” [your] Stile di governo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *