L’ex presidente dei Proud Boys rischia fino a 20 anni di prigione per aver complottato per rovesciare il governo degli Stati Uniti | Notizie dagli Stati Uniti

L’ex capo dei Proud Boys è stato accusato di cospirazione sediziosa – complotto per rovesciare il governo – sulla scia dell’attacco al Campidoglio degli Stati Uniti.

Se condannato, rischia una multa fino a 20 anni di carcere o entrambi.

Lo dicono i pubblici ministeri federali Rivolte nell’edificiola sede del governo degli Stati Uniti, è stato un attacco coordinato volto a impedire al Congresso di certificare la vittoria alle elezioni del 2020 del presidente Joe Biden.

Sebbene Henry “Enrique” Tarrio, l’ex presidente dei Proud Boys, non fosse in Campidoglio il 6 gennaio 2021 quando sono scoppiate le violenze, i pubblici ministeri hanno affermato che l’organizzazione era dietro la ribellione e ha contribuito a coordinarla.

La polizia aveva arrestato Tario a Washington due giorni fa e lo aveva accusato Vandalizzare un segno in una storica chiesa nera Durante una protesta nel dicembre 2020.

I Proud Boys sono il secondo gruppo ad affrontare una rara e grave accusa di cospirazione per rovesciare il governo o impedire l’attuazione della legge statunitense in relazione all’assedio mortale che ha ucciso cinque persone.

immagine:
Il Campidoglio è stato violato da migliaia di persone che hanno protestato contro il risultato delle elezioni del 2020. Pic: AP

Anche undici membri del gruppo Oath Keepers, incluso il suo leader Stuart Rhodes, sono stati incriminati all’inizio di quest’anno.

I membri dei Proud Boys descrivono il suo gruppo come un club maschile politicamente scorretto di “sciovinisti occidentali”. I suoi membri si sono spesso scontrati con attivisti antifascisti in occasione di manifestazioni e proteste.

L’ultimo atto d’accusa è stato portato anche contro altri quattro associati al gruppo.

Spiegazione: chi o chi sono i ragazzi orgogliosi?

WASHINGTON, DC, 14 NOVEMBRE - Enrique Tario e i Proud Boys manifestano vicino a Freedom Square durante la protesta Million Maga a marzo sui risultati delle elezioni del 14 novembre 2020 a Washington, DC. Foto: Chris Tweet/imageSPACE/MediaPunch/IPX
immagine:
Foto: Associated Press

Le autorità federali hanno identificato le oltre trenta persone accusate nell’assedio del Campidoglio come leader, membri o associati orgogliosi.

READ  英 법원 “두바이 군주, 이스라엘 ‘페가수스’로 전 부인 휴대폰 해킹했다”

Un uomo di New York si è dichiarato colpevole a dicembre di aver preso d’assalto il Campidoglio con altri membri dei Proud Boys. Matthew Green è stato il primo membro orgoglioso di Boise a dichiararsi pubblicamente colpevole di aver cospirato con altri membri per impedire al Congresso di certificare il voto del Collegio elettorale.

WASHINGTON, DC, 14 NOVEMBRE - Enrique Tario e i Proud Boys manifestano vicino a Freedom Square durante la protesta Million Maga a marzo sui risultati delle elezioni del 14 novembre 2020 a Washington, DC. Foto: Chris Tweet/imageSPACE/MediaPunch/IPX
immagine:
Foto: Associated Press

La mattina del 6 gennaio, membri orgogliosi di The Boys si sono incontrati al vicino Monumento a Washington e hanno marciato verso il Campidoglio prima che l’allora presidente Donald Trump finisse di parlare a migliaia di sostenitori vicino alla Casa Bianca.

L’accusa affermava che prima che il Congresso convocasse una sessione congiunta per certificare i risultati elettorali che dichiaravano Biden il nuovo presidente, un gruppo di loro seguiva una folla di persone che sfondava le barricate all’ingresso pedonale del Campidoglio.

Molti sono entrati anche nel Campidoglio stesso dopo che la folla ha rotto le finestre e aperto le porte.

A dicembre, un giudice federale ha rifiutato di respingere un precedente atto d’accusa che accusava quattro presunti leader del gruppo di cospirazione.

Il giudice distrettuale degli Stati Uniti Timothy Kelly ha respinto le argomentazioni secondo cui i quattro uomini – Ethan Nordian, Joseph Biggs, Zachary Riehl e Charles Donohoe – erano stati accusati di condotta protetta dal Primo Emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti, il diritto alla libertà di parola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.