I preparativi nucleari dell’Estonia sono ben organizzati e la missione dell’AIEA ha trovato: nuova energia nucleare

I preparativi nucleari dell’Estonia sono ben organizzati e la missione dell’AIEA ha trovato: nuova energia nucleare

30 ottobre 2023

Un team internazionale di esperti è giunto alla conclusione che l’Estonia ha sviluppato una valutazione globale delle proprie esigenze infrastrutturali per l’energia nucleare per consentire al governo di decidere sull’avvio di un programma di energia nucleare.

(Foto: Agenzia internazionale per l’energia atomica)

Il gruppo dell’AIEA è giunto alla sua conclusione dopo una missione di otto giorni di revisione delle infrastrutture nucleari integrate (INIR) in Estonia, effettuata su richiesta del governo del paese.

L’attuale produzione nazionale di elettricità in Estonia è dominata dai combustibili fossili, in particolare dallo scisto bituminoso. Il Paese mira a raggiungere l’obiettivo di zero emissioni nette entro il 2050 e vede l’energia nucleare come un’opzione affidabile e a basse emissioni di carbonio per diversificare il proprio mix energetico entro il 2035, quando il Paese prevede di eliminare gradualmente lo scisto bituminoso domestico, secondo l’Agenzia internazionale per l’energia atomica.

L’Estonia aveva precedentemente stipulato un accordo – con Lettonia, Lituania e Polonia – per costruire una nuova centrale nucleare con due reattori GE Hitachi ABWR vicino al sito di Iganlinna in Lituania, ma la società di progetto è stata sciolta nel 2016. Ora, i piani nucleari dell’Estonia sono in fase di completamento. nel dimenticatoio. L’energia è caratterizzata dall’impiego di piccoli reattori modulari (SMR). Si prevede che un gruppo di lavoro istituito dal governo nel 2021 per rivedere le infrastrutture nucleari necessarie per il programma di energia nucleare completerà il suo rapporto a dicembre, formulando raccomandazioni per supportare il processo decisionale del governo.

Il gruppo INIR, composto da esperti internazionali provenienti da Brasile e Regno Unito, nonché da sei membri del personale dell’AIEA, ha esaminato lo stato di 19 questioni relative alle infrastrutture nucleari utilizzando la metodologia della prima fase dell’approccio Milestones dell’AIEA, che valuta la portata verso il quale un paese è disposto ad assumersi un impegno basato sulla conoscenza. Al programma sull’energia nucleare.

READ  Gewonden bij demonstraties op Internationale Vrouwendag in M...

Le buone pratiche identificate dal team INIR includono: incaricare l’Estonia di condurre una serie completa di studi dettagliati supportati da esperti esterni come parte della sua valutazione da presentare al governo per sostenere una decisione informata; Una strategia per sostenere il futuro sviluppo delle risorse umane volta a garantire il successo del programma di energia nucleare nel breve e lungo termine; Nella sua valutazione è inclusa una revisione dei potenziali siti di smaltimento geologico del combustibile nucleare usato.

L’Estonia è ben organizzata nei preparativi per decidere il lancio di un programma di energia nucleare per sostenere la sua transizione verso zero emissioni di carbonio, ha affermato Eric Mathiet, responsabile operativo della Divisione per lo sviluppo delle infrastrutture nucleari dell’AIEA e capo della missione INIR. Ha aggiunto: “Durante le discussioni collaborative e aperte svoltesi nei giorni scorsi, abbiamo notato il forte impegno da parte di professionisti competenti e altamente motivati ​​in Estonia per sviluppare le infrastrutture necessarie per il programma di energia nucleare”.

Il team ha affermato che l’Estonia ora deve finalizzare il suo rapporto globale di supporto alle decisioni su un potenziale programma di energia nucleare, compresa la definizione di scadenze chiare per le attività chiave. Deve inoltre aggiornare i suoi piani e le sue politiche e prestare maggiore attenzione allo sviluppo del proprio quadro giuridico e normativo per supportare la fase successiva del programma.

L’AIEA e l’Estonia svilupperanno ora un piano d’azione per fornire un sostegno coordinato in linea con il futuro sviluppo del programma di energia nucleare del paese.

All’inizio di quest’anno, Fermi Energia ha selezionato il piccolo reattore modulare BWRX-300 di GE Hitachi Nuclear Energy per un potenziale dispiegamento nei Paesi Baltici entro l’inizio degli anni ’30.

READ  Кількість жертв різанини на заході Ефіопії перевищила 200 осіб

Ricercato e scritto da World Nuclear News


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *