Smascherare la menzogna di Hamas sul rilascio degli ostaggi per “ragioni umanitarie”

Smascherare la menzogna di Hamas sul rilascio degli ostaggi per “ragioni umanitarie”

Nel gioco ad alto rischio dei negoziati sugli ostaggi tra Hamas e Israele, il motivo per cui alcuni ostaggi sono stati rilasciati mentre molti sono ancora detenuti è sconosciuto.

Ma gli esperti sostengono che l’idea di rilasciare i detenuti “per motivi umanitari” a causa del loro peggioramento delle condizioni di salute è solo una bugia.

Dopo gli attacchi mortali lanciati da Hamas contro Israele il 7 ottobre, una madre americana e sua figlia, nonché due nonne israeliane, sono state rilasciate.

ha detto Robert D’Amico, un ex agente dell’FBI che ha lavorato su casi di ostaggi all’estero Ora di New YorkSche invece di soffrire di problemi di salute, gli ostaggi potrebbero essere stati effettivamente rilasciati perché “sani”.

“Non so se volete rilasciare i feriti gravi”, ha detto. “Sembra proprio brutto.”

Diversi ostaggi sono rimasti gravemente feriti prima di essere arrestati e ad alcuni di loro sono stati fatti saltare gli arti dalle bombe a mano, secondo il post.

Tra i prigionieri c’erano anche bambini e neonati.

Il rilascio degli ostaggi è un “esercizio di pubbliche relazioni”

La professoressa Sally Totman della Charles Sturt University ha sostenuto questa affermazione.

Ha detto a news.com.au che Hamas “assolutamente” rilascia solo ostaggi sani.

“Non vuoi rilasciare qualcuno che ha perso una gamba o un braccio a causa dell’arresto e della detenzione”, ha detto.

“Devi scegliere persone che sembrano ragionevoli da rilasciare.”

Lo ha descritto come “tutto PR” di Hamas.

Condizioni degli ostaggi

Parlando ai giornalisti all’ospedale Ichilov di Tel Aviv dopo il suo rilascio dalla prigionia di Hamas, l’85enne Yocheved Lifshitz ha dipinto un quadro sorprendentemente positivo dei suoi rapitori in una conferenza stampa straordinaria.

READ  L'ex primo ministro neozelandese Jacinda Ardern ha sposato la sua compagna di lunga data Clarke Gifford - The Irish Times

La signora Lifshitz è l’unico ostaggio che finora ha parlato con i giornalisti.

Ma non lasciarti ingannare.

Alcuni analisti suggeriscono, alla luce dei suoi commenti, che la sua conferenza stampa potrebbe essere stata parte dell’accordo raggiunto con Hamas.

La signora Lifshitz, un’attivista pacifista, ha dichiarato di aver “passato attraverso l’inferno” e di essere stata picchiata il giorno del suo arresto, ma di essere stata trattata “con gentilezza” e prestata “cura” durante le due settimane in cui è stata detenuta.

Ha detto che era presente un medico e che i suoi rapitori “hanno soddisfatto tutti i nostri bisogni”, compresa l’igiene femminile.

Ha sottolineato che la dieta che stava seguendo (formaggio, cetriolo e pita) era simile alla dieta seguita dai rapitori.

Fine della partita con gli ostaggi

Allora qual è lo scopo di questo esercizio di PR?

Il dottor Ran Porat del Centro australiano per la civiltà ebraica della Monash University ha dichiarato a news.com.au che il gruppo terroristico aveva tre obiettivi principali.

In primo luogo, cambiando la loro immagine nei paesi occidentali come “ISIS” palestinese.

Ha aggiunto: “Hamas sta cercando di indebolire le innumerevoli e indiscutibili prove… che descrivono nei dettagli gli orribili omicidi, gli stupri e i massacri contro bambini, anziani e persone con disabilità e come gli assassini di Hamas hanno bruciato intere famiglie, compresi i bambini decapitati”. .

In secondo luogo, il movimento spera di fare pressione su Israele affinché faccia delle concessioni in un accordo più ampio sulla liberazione degli ostaggi.

“Hamas spera che rilasciando lentamente gli ostaggi, quasi uno per uno, l’opinione pubblica israeliana possa fare pressione sul governo affinché raggiunga un accordo che porti alla liberazione di migliaia di palestinesi, la maggior parte dei quali terroristi condannati da un tribunale democratico legge, per uno scambio di ostaggi a Gaza”.

READ  科研人员发现“中医经络存在证据”火上热搜 - IT 与健康 - cnBeta.COM

La cosa più importante, ha ipotizzato il dottor Porat, è che il gruppo terroristico spera di ritardare un’invasione di terra che, sebbene mortale per tutte le parti, probabilmente spazzerebbe via Hamas.

È possibile che la liberazione degli ostaggi americani venga accettata dall’amministrazione Biden.

Il dottor Porat ha previsto che “molti ostaggi verranno uccisi durante i combattimenti oppure verranno uccisi da Hamas”.

“Tuttavia, le speranze per ulteriori accordi sul rilascio degli ostaggi ritardano continuamente l’attacco”.

Naturalmente nessuno sa come andrà a finire la situazione degli ostaggi.

Gli analisti concordano nel ritenere che la situazione non abbia precedenti.

Precedenti situazioni di ostaggi (come lo scambio di prigionieri di Gilad Shalit nel 2011) hanno coinvolto soldati israeliani, non civili.

Il professor Totman ha detto a news.com.au che le trattative sugli ostaggi sono un po’ come i “sussurri cinesi”: cosa accadrà dopo nessuno lo sa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *