La nuova enciclopedia rende il lontano passato dell'Africa rilevante per oggi e domani

La nuova enciclopedia rende il lontano passato dell'Africa rilevante per oggi e domani

La storia di come furono scritte la storia africana e la preistoria è in gran parte una questione di furti e sviste. Non solo molte delle ricchezze dell’Africa furono saccheggiate, ma anche le borse di studio furono spesso rubate, con i contributi degli studiosi africani – per lo più donne – cancellati da nomi europei più famosi.

Nuova opera di consultazione, Enciclopedia di Oxford di archeologia africanaQuesto libro, curato dall'archeologo dello Zimbabwe Shadrick Chirikori e pubblicato dalla Oxford University Press (OUP), mira a ribaltare la situazione.

Chiricori, professore di archeologia all'Università di Oxford, lavorava come redattore senior nella sezione Africa della Oxford University Press. Enciclopedia dell'antropologiaquando, come disse lui, “la sezione africana aveva superato la sezione africana Enciclopedia dell'antropologia“.

Tre milioni di anni di vita africana

“L’Africa è il secondo continente più grande”, afferma. “È anche il continente, sulla base delle conoscenze attuali, che si riferisce alle origini e alla cultura umana”. Ha deciso di compilare un compendio debitamente ampio degli ultimi studi archeologici su quelli che ha descritto come tre milioni di anni di vita africana.

L'opera è una delle enciclopedie di ricerca viventi dell'editore. Oltre alla versione stampata, esiste una risorsa online che gli scienziati possono aggiornare costantemente con nuove scoperte.

Shadrack Chiricori: Il nuovo lavoro parla “il linguaggio dell’empowerment e dei mezzi di sussistenza” Immagine © Stampa dell'Università di Oxford

Invece di una struttura cronologica (che riunisce tutti gli esperti dell’età della pietra, ad esempio), Chiricori ha organizzato gli articoli in sei capitoli tematici che attraversano periodi di tempo. Il primo – che riguarda mezzi di sussistenza, sussistenza e ambiente – spazia dallo sfruttamento degli animali nell’Africa meridionale nel tardo Pleistocene (terminato 11.700 anni fa) al modo in cui le persone interagivano con l’ambiente nel Kenya dell’età del ferro (fino al 500 a.C.). Gli altri quattro capitoli riguardano la gestione del patrimonio culturale, le nuove metodologie archeologiche, l'organizzazione sociale e la tecnologia.

Lo studio del lontano passato è rilevante tanto per il presente quanto lo è per il futuro

Questo approccio oggettivo include il principio guida di Chirikori, ovvero che lo studio del lontano passato è rilevante tanto per il presente quanto lo è per il futuro. Ha cercato esperti i cui metodi e la cui attenzione funzionassero per le persone precedentemente emarginate. Il suo lavoro presso il sito patrimonio dell'umanità Grande Zimbabwe Gli è valso i più grandi riconoscimenti nel campo.

READ  8 segnali che indicano la tua crescita come persona, secondo la psicologia

Ma, ha detto, solo sapere che il sito è stato costruito nel 1000 d.C. non basta a mettere il cibo in tavola. Al contrario, comprendere che il Grande Zimbabwe era un centro manifatturiero, un centro per il commercio intra-africano e uno stato pienamente funzionante parla direttamente delle questioni economiche contemporanee in tutto il continente. Allo stesso modo, la ricerca dell'enciclopedia sull'etnoarcheologia delle origini del caffè in Etiopia riguarda uno dei principali beni del 21° secolo. “Siamo orgogliosi che i 108 documenti parlino il linguaggio dell’empowerment e del sostentamento”, afferma.

Completo e pieno di buchi

Sia per l’ampiezza della ricerca che copre che per l’elenco dei contributori, l’enciclopedia è completa e piena di lacune. Chirikure punta all’uguaglianza di genere. Voleva anche che almeno il 50% dei suoi scrittori avessero sede in Africa. Ma questi parametri hanno immediatamente ristretto il campo.

Le ragioni che spingono i ricercatori africani a lavorare fuori dall’Africa sono molteplici. In Africa mancano la volontà politica, i finanziamenti e le infrastrutture per i laboratori specializzati nell’analisi del DNA e dei materiali. I conflitti nella Repubblica Democratica del Congo, in Libia e altrove impediscono qualsiasi tipo di ricerca nelle aree colpite.

Un'altra grande lacuna nel pensiero di Chirikori sono le restrizioni su come la conoscenza stessa può essere diffusa. Questa enciclopedia è scritta in inglese. Ciò non solo limita chi può fornire contributi scritti, ma blocca anche un gran numero di lettori. Dice che vederlo tradotto in tutte le lingue africane rappresentate dagli autori dell'enciclopedia “sarebbe un sogno diventato realtà”.

In questo senso Chiricori vede questo progetto come una dichiarazione di speranza. Vuole che i ricercatori esperti si liberino dei pregiudizi e che la prossima generazione di archeologi trovi ispirazione.

READ  伊朗启用阿曼湾石油出口终端 可绕过霍尔木兹海峡|伊朗_新浪财经_新浪网

“Offre alle persone, chiunque esse siano, un momento per fermarsi, riflettere, immergersi negli splendidi articoli e poi affrontare le questioni che sollevano ulteriormente”, afferma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *