Il veterano ministro britannico è l'ultimo a dimettersi dopo l'annuncio del sondaggio di Rishi Sunak

Il veterano ministro britannico è l'ultimo a dimettersi dopo l'annuncio del sondaggio di Rishi Sunak

Il primo ministro britannico Sunak ha posto fine a mesi di speculazioni indicendo le elezioni generali il 4 luglio.

Londra:

Un membro chiave del gabinetto del primo ministro britannico Rishi Sunak è diventato venerdì il più importante parlamentare conservatore ad unirsi al crescente esodo parlamentare in vista delle elezioni generali di luglio.

Il ministro per l’edilizia abitativa Michael Gove, alleato dell’ex primo ministro Boris Johnson ed ex ministro dell’Istruzione, della giustizia e dell’ambiente, è diventato il 77esimo deputato conservatore ad annunciare che non si presenterà alla rielezione.

L'ex giornalista, 56 anni, lavora sotto quattro primi ministri conservatori dal 2015.

“Dopo quasi vent'anni al servizio della meravigliosa gente del Surrey Heath (il suo collegio elettorale) e oltre un decennio di lavoro nel gabinetto di cinque dipartimenti governativi, oggi ho preso la decisione di dimettermi”, ha scritto su X, precedentemente noto come Twitter.

Mercoledì, Sunak ha posto fine a mesi di speculazioni convocando le elezioni generali per il 4 luglio.

Ma poiché nei sondaggi d'opinione il Partito conservatore segue il principale partito laburista d'opposizione, alcuni hanno visto le dimissioni di dozzine di parlamentari come un'indicazione del livello di frustrazione tra i legislatori di Sunak.

Alcuni sondaggi d'opinione indicano che il leader laburista Keir Starmer ha un vantaggio di oltre 20 punti sui conservatori.

La carriera di Gove, sostenitore dell'uscita della Gran Bretagna dall'Unione Europea, è stata segnata da disaccordi e rimonte politiche.

È stato ministro dell'Istruzione nel governo di David Cameron prima di opporsi a lui durante la campagna referendaria del 2016 per lasciare l'Unione Europea.

Ha poi sostenuto Johnson per diventare il nuovo leader conservatore prima di lanciare la sua offerta fallita.

READ  I leader tecnologici stanno vendendo azioni

È entrato a far parte del governo pro-Brexit di Johnson dopo le elezioni del 2019, ma è stato licenziato dopo aver detto all’allora primo ministro che il suo mandato a Downing Street era finito con il crollo del governo del 2022.

Altre figure di alto profilo che hanno annunciato che non cercheranno la rielezione a luglio includono l’ex primo ministro Theresa May, il segretario dell’Irlanda del Nord Chris Heaton-Harris, l’ex ministro delle forze armate James Hebbey e l’ex segretario alla Difesa Ben Wallace.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dallo staff di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *