Cina e Africa uniscono le forze per dare potere ai giovani

Cina e Africa uniscono le forze per dare potere ai giovani

* In collaborazione con paesi come Tanzania, Seychelles, Ruanda ed Etiopia, l’Alleanza per l’istruzione professionale Cina-Africa ha rivisto e sviluppato standard lavorativi e standard di insegnamento professionale per le industrie critiche in questi paesi.

* Per più di mezzo secolo, le équipe mediche e gli esperti cinesi sono stati in prima linea nella lotta contro le malattie regionali e le principali crisi sanitarie pubbliche, fornendo una formazione completa al personale medico locale e rafforzando le capacità sanitarie dell’Africa.

* Fondato nel 2013, l’Istituto Confucio ha visto più di 100 insegnanti e volontari provenienti dalla Cina venire in Tanzania e formare più di 60.000 studenti di lingua cinese.

Dello scrittore Xinhua Zhou Chuyun

NAIROBI, 27 marzo (Xinhua) – Al mattino presto, gli studenti entrano nel laboratorio etiope di Luban, situato nell'edificio a tre piani di un istituto di formazione professionale nella parte orientale di Addis Abeba, la capitale dell'Etiopia, dove vengono impartite e insegnate competenze industriali. tecniche di robotica. .

Negli ultimi dieci anni, più di una dozzina di istituti simili sono stati aperti in tutta l’Africa, a simboleggiare l’impegno della Cina a condividere la propria esperienza nella formazione professionale con il continente. Insieme a molti altri progetti di cooperazione per la creazione di talenti tra Cina e Africa, queste scuole stanno contribuendo a spingere la regione verso la modernizzazione e lo sviluppo sostenibile.

Questa foto scattata il 15 febbraio 2024 mostra Yonas Akili (a destra) e Jiang Jiang mentre parlano dell'insegnamento al laboratorio etiope di Lu Pen presso un istituto di formazione professionale ad Addis Abeba, in Etiopia. (Xinhua/Li Yahui)

Valorizzare le competenze professionali

Un gruppo di studenti del Luban Workshop è rimasto affascinato dal loro insegnante, Jonas Akeley, 39 anni, che ha dimostrato il funzionamento di apparecchiature automatizzate provenienti dalla Cina, simulando il processo di produzione sulle catene di montaggio.

Il Luban Workshop, dal nome di un antico architetto cinese, è un programma di apprendistato creato in circa 20 paesi per le comunità locali.

Dopo aver studiato in Cina, Jonas ha avuto l'ispirazione di combinare le conoscenze teoriche con l'ingegneria pratica nel laboratorio di Luban. Al suo ritorno in Etiopia, Yonas ottenne qui un posto di insegnante.

READ  I leader di domani crescono chiamando i ladri intenzionati a rubare il loro futuro

“I giovani etiopi sono fortunati ad avere questa opportunità di apprendimento e spero di vedere più laboratori Lo Pen in tutta l'Etiopia”, ha detto Yonas.

Jiang Jiang, capo del Luban Belgian Workshop, ha spiegato le specialità della struttura, come i sensori industriali, il controllo industriale, la robotica industriale e la meccatronica.

“Quando Cina ed Etiopia hanno collaborato alla creazione del laboratorio Luban, l'Etiopia ha espresso la necessità di una piattaforma di formazione avanzata che soddisfi le esigenze dei settori manifatturieri chiave, soprattutto in aree come la produzione automatizzata”, ha affermato Jiang.

“I datori di lavoro sono soddisfatti del rendimento dei nostri laureati”, ha osservato Jiang, aggiungendo che alcune aziende hanno espresso interesse a formare i propri lavoratori durante il workshop.

Il workshop ha organizzato cinque sessioni di formazione in collaborazione con governi locali e organizzazioni internazionali, a beneficio di quasi 200 talenti provenienti da Etiopia, Kenya, Tanzania e altri paesi.

Come dice il proverbio etiope: “Chi impara impara”. Questi formatori africani qualificati lavorano per portare conoscenza e tecnologia avanzata alle comunità locali, stimolando così il dividendo demografico dell'Africa verso lo sviluppo sostenibile.

In collaborazione con paesi come Tanzania, Seychelles, Ruanda ed Etiopia, l’Alleanza per l’istruzione professionale Cina-Africa ha rivisto e sviluppato standard lavorativi e standard di insegnamento professionale per le industrie critiche in questi paesi.

Franklin Rosemola, vice segretario permanente del Ministero dell’Istruzione, della Scienza e della Tecnologia della Tanzania, ha affermato che la Cina può aiutare la Tanzania a sviluppare una nuova generazione di professionisti qualificati che sappiano guidare l’innovazione e costruire l’imprenditorialità, beneficiando così una crescita economica sostenibile attraverso la formazione.

Questa foto scattata il 15 febbraio 2024 mostra una vista del laboratorio etiope di Le Pen presso un istituto di formazione professionale ad Addis Abeba, in Etiopia. (Xinhua/Li Yahui)

Potenziare i servizi medici

L’Africa si trova ad affrontare rischi crescenti di epidemie ed emergenze sanitarie legate ai cambiamenti climatici, come un tasso di mortalità sproporzionatamente alto dovuto alla malaria. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, i paesi africani rappresentano circa il 94% di tutti i casi di malaria a livello globale e il 95% dei decessi nel 2022. Per migliorare i servizi medici, la Cina invia da decenni personale medico e aiuti ai paesi africani.

READ  New York e oltre sono state scosse da un raro terremoto sulla costa orientale

Dal 2007, il team cinese del progetto di prevenzione e controllo della malaria nelle Comore ha guidato gli sforzi di prevenzione e formazione sulla malaria in collaborazione con il Centro di controllo della malaria delle Comore. Entro il 2017, gli instancabili sforzi degli esperti di entrambi i paesi hanno ridotto i casi di malaria nelle Comore di oltre il 99%, eliminando di fatto i decessi legati alla malaria.

Kamal Said Abdallah, 47 anni, direttore del laboratorio del Centro nazionale di controllo della malaria delle Comore, lavora a stretto contatto con professionisti medici cinesi da 12 anni.

Dopo la laurea presso l'Università di medicina di Tianjin, Kamal ha lavorato come interprete per un progetto di cooperazione sulla malaria tra Cina e Comore prima di passare a un lavoro più pratico nel controllo della malaria, con corsi di formazione in Cina. Ha parlato in dettaglio con Xinhua della complessità della distribuzione dei farmaci antimalarici, che secondo lui richiede formazione e guida specializzate.

Deng Changsheng, team leader del progetto cinese di controllo della malaria nelle Comore, ha dettagliato gli ampi sforzi di formazione condotti tra il 2018 e il 2021, affermando che hanno beneficiato più di 4.000 dipendenti locali coinvolti nella prevenzione e nel controllo della malaria.

Ha affermato che queste iniziative hanno rafforzato i sistemi medico-sanitari nelle Comore e hanno promosso i talenti locali essenziali per sostenere il progresso.

Per più di mezzo secolo, le équipe mediche e gli esperti cinesi sono stati in prima linea nella lotta contro le malattie regionali e le principali crisi sanitarie pubbliche, fornendo una formazione completa al personale medico locale e rafforzando le capacità sanitarie dell’Africa.

L’isola di Pemba a Zanzibar, in Tanzania, aveva un’alta prevalenza di schistosomiasi – una malattia parassitaria acuta, cronica e invalidante – ma ha visto un calo significativo negli ultimi anni, grazie all’esperienza medica cinese e alla cooperazione con i funzionari sanitari locali. Nel dicembre dello scorso anno, sull’isola di Pemba si è tenuto il primo corso di formazione sulle capacità tecniche per l’individuazione della schistosomiasi, migliorando le capacità diagnostiche delle istituzioni mediche locali.

Saleh Juma Mohamed, funzionario del Ministero della Salute di Zanzibar con quattro decenni di esperienza nella prevenzione e nel trattamento della schistosomiasi, ha elogiato l’efficacia dei metodi cinesi di controllo integrato e ha espresso il suo impegno nell’imparare dagli esperti cinesi e nel lavorare con le comunità locali.

READ  Il Madagascar firma la Carta della SADC per fermare la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata
Questa foto scattata il 17 novembre 2023 mostra Asha Phom Khamis, un'insegnante di lingua cinese tanzaniana presso l'Istituto Confucio dell'Università di Dar es Salaam, mentre parla con uno studente durante una lezione di lingua cinese a Dar es Salaam, in Tanzania. (Foto di Hermann Emanuel/Xinhua)

Ampliare le opportunità per i giovani africani

Mentre la Cina e i paesi africani rafforzano le relazioni e aumentano gli scambi, sempre più giovani africani iniziano a conoscere la cultura cinese. Asha Phom Khamis, un'insegnante di lingua cinese tanzaniana di 32 anni presso l'Istituto Confucio dell'Università di Dar es Salaam, ha detto a Xinhua che imparare il cinese le ha cambiato la vita.

Khamis ha detto: “Se non fosse stato per imparare il cinese e ottenere una borsa di studio per studiare in Cina, starei ancora pescando su una piccola barca a Zanzibar”.

Khamis attesta la crescente popolarità dell’apprendimento del cinese in Tanzania, descrivendolo come una lingua internazionale che apre le porte all’occupazione giovanile e alle prospettive di lavoro in Africa.

Degli oltre 300 studenti a cui ha insegnato, molti hanno trovato lavoro in aziende cinesi locali, mentre circa 50 hanno scelto di lavorare nell’insegnamento della lingua cinese, riflettendo la crescente importanza della lingua in Tanzania.

Fondato nel 2013, l’Istituto Confucio ha visto più di 100 insegnanti e volontari provenienti dalla Cina venire in Tanzania e formare più di 60.000 studenti di lingua cinese.

Negli ultimi anni, un numero crescente di studenti tanzaniani ha fatto domanda per studiare ingegneria, tecnologia, medicina e altre professioni in Cina dopo aver imparato la lingua.

Khamis ha affermato: “La lingua cinese è la lingua di oggi in tutto il mondo. È la lingua che apre opportunità ai giovani, a livello locale e globale”.

Per soddisfare le diverse esigenze educative, gli Istituti Confucio in Africa integrano l’insegnamento della lingua cinese con altre discipline per coltivare talenti diversi.

In Senegal, un paese dell’Africa occidentale che mira a incrementare la propria produzione agricola, l’Istituto Confucio dell’Università Cheikh Anta Diop di Dakar sta collaborando con specialisti agricoli cinesi per offrire un programma distintivo che combina l’insegnamento della lingua cinese e la tecnologia agricola.

“Durante la formazione, non solo ho acquisito le tecniche cinesi di coltivazione degli ortaggi, ma ho anche migliorato le mie capacità linguistiche”, ha affermato Musa Dione, uno dei partecipanti al programma. “Queste competenze hanno un valore inestimabile per le mie future prospettive di carriera.”

(Reporter video: Lin Lin, Zeng Tao; Redattori video: Lin Lin, Mo Xiuyao, Liu Yutian, Li Chen, Wang Huiyuan)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *