La nave rifornimento Cygnus arriva alla stazione spaziale con quattro tonnellate di carico – Spaceflight Now

La nave rifornimento Cygnus di Northrop Grumman arriva giovedì alla Stazione Spaziale Internazionale. Credito: Thomas Pesquet/Agenzia spaziale europea/NASA

Dopo un volo di 36 ore dalla rampa di lancio della Virginia, la nave cargo Northrop Grumman Cygnus è arrivata alla Stazione Spaziale Internazionale giovedì con una serie di esperimenti biomedici, forniture per una dimostrazione tecnologica di stampa 3D, cibo fresco e pezzi di ricambio.

La nave cargo robotica ha completato un approccio finale guidato dal laser alla stazione spaziale, occupando una posizione a meno di 40 piedi (12 m) sotto il complesso. L’astronauta Megan MacArthur ha utilizzato il braccio robotico canadese del laboratorio per raggiungere e catturare la navicella spaziale Cygnus alle 6:07 EDT (1007 GMT) di giovedì mentre la stazione spaziale ha sorvolato il Portogallo per più di 260 miglia (420 chilometri).

L’arrivo segna la sedicesima consegna di rifornimenti alla stazione spaziale da parte della navicella spaziale Cygnus dal 2013, e la continuazione di una sequenza di carico biennale da parte della nave da carico senza equipaggio di Northrop Grumman.

La navicella spaziale Cygnus per la missione cargo NG-16 di Northrop Grumman prende il nome dall’astronauta della NASA Ellison Onizuka, che divenne il primo asiatico americano nello spazio nel 1985. Onizuka morì con sei dei suoi colleghi a bordo dello Space Shuttle Challenger nel 1986.

“A nome dell’equipaggio dell’Expedition 65, sono lieto di portare oggi la navicella spaziale Cygnus ‘SS Ellison Onizuka’ a bordo della Stazione Spaziale Internazionale”, ha detto giovedì MacArthur dalla stazione. “Ci congratuliamo con i team congiunti di Northrop Grumman e NASA per i successi della missione fino ad oggi. Questa missione consente una ricerca innovativa, con la quale speriamo di affrontare la sfida del colonnello Onizuka, per consentire alla prossima generazione di cercare un altopiano più alto”.

READ  La luce fluorescente dimostra la relazione tra stress da calore e resa del raccolto

I controllori di terra hanno preso il comando del braccio robotico per attraccare la nave di rifornimento Cygnus al modulo console della stazione spaziale poche ore dopo. Gli astronauti hanno pianificato di aprire i portelli ed entrare nella nave cargo per iniziare a scaricare i rifornimenti immagazzinati all’interno dell’unità compressore di fabbricazione italiana della nave.

La missione è iniziata martedì a bordo di un razzo Antares da Wallops Island, in Virginia.

La navicella spaziale Cygnus dovrebbe rimanere sulla stazione spaziale per circa tre mesi. Gli astronauti rilasceranno la nave da carico utilizzando il braccio robotico a novembre dopo aver riempito la nave di spazzatura e altre attrezzature non essenziali.

La nave rifornimento rientrerà nell’atmosfera e brucerà in gran parte sul Pacifico meridionale.

La NASA ha contratti multimiliardari con Northrop Grumman, SpaceX e Sierra Nevada per trasportare merci da e verso la stazione spaziale. I due contratti di rifornimento di Northrop Grumman, per un valore fino a 6 miliardi di dollari, coprono almeno 19 missioni operative di trasporto merci fino al 2023.

Il carico consegnato alla stazione spaziale a bordo della navicella spaziale Cygnus include una presentazione tecnica per esaminare come i futuri esploratori spaziali possono stampare in 3D materiali dal suolo lunare.

Howie Schulman, responsabile del progetto Redwire Regolith Print, ha affermato che la dimostrazione di stampa 3D, sviluppata da Redwire, utilizzerà una “regolite lunare simulata” con proprietà fisiche e composizione chimica simili al suolo lunare.

READ  La bontà della cavalletta

La simulazione è una polvere grigia fine, che sarà combinata con un legante termoplastico per creare il materiale di partenza per l’esperimento di stampa 3D.

L’esperimento, sviluppato in collaborazione con il Marshall Space Flight Center della NASA, utilizzerà l’impianto di produzione additiva a gestione commerciale di Redwire sulla stazione spaziale. Redwire afferma che è la prima volta che un materiale progettato per imitare il suolo lunare viene utilizzato per la stampa 3D nello spazio.

L’hardware lanciato nella missione NG-16 per dimostrare la stampa 3D include tre testine di stampa appositamente progettate e tre superfici di stampa, secondo Redwire.

Campioni del materiale stampato durante la dimostrazione tecnica verranno restituiti alla Terra per l’analisi.

La NASA e le società commerciali sono interessate alla tecnologia di stampa 3D che potrebbe aiutare a produrre componenti e infrastrutture sulla superficie lunare. I futuri esploratori lunari potrebbero fabbricare i propri dispositivi invece di recuperare materiali dalla Terra o fare affidamento su costose spedizioni di merci.

La missione NG-16 ha anche fornito pezzi di ricambio per la toilette della stazione spaziale, un rack di stoccaggio della camera di equilibrio del laboratorio e ventole di raffreddamento per il sistema di supporto vitale della stazione.

La navicella spaziale Cygnus ha anche consegnato un “kit di modifica” per configurare lo stent solare della stazione spaziale per l’arrivo della prossima coppia di nuovi pannelli solari che verranno lanciati alla fine del 2022. Il primo di due nuovi pannelli solari è stato consegnato alla stazione a giugno dalla capsula cargo SpaceX Dragon, inizia un aggiornamento che amplierà la capacità di generazione di energia del laboratorio per un altro decennio di operazioni.

READ  Perché la grande macchia rossa di Giove è rossa?

Gli astronauti installeranno un “kit di modifica” sull’enorme travatura elettrica della stazione durante la loro passeggiata nello spazio prima dell’arrivo dei prossimi due pannelli solari.

Altri carichi utili della missione NG-16 includono un’indagine di ricerca biomedica che esamina la perdita muscolare in condizioni di microgravità e un esperimento per testare un sistema di controllo termico più efficiente che potrebbe essere utilizzato per dissipare il calore sui futuri veicoli spaziali.

Uno degli esperimenti finali della missione sarà quello di testare la tecnologia dello scudo termico utilizzando tre piccole capsule conservate all’interno della navicella spaziale Cygnus.

Quando Cygnus si rompe durante il rientro, le capsule affonderanno più in profondità nell’atmosfera, protette da scudi termici realizzati con diversi tipi di materiali.

Guidato da ingegneri dell’Università del Kentucky, l’esperimento raccoglierà dati dai sensori integrati nello scudo termico di ciascuna capsula. Le misurazioni verranno inviate al team scientifico tramite la rete satellitare Iridium.

Gli sviluppatori dell’esperimento di rientro affermano che i dati aiuteranno a convalidare i modelli informatici utilizzati per progettare veicoli spaziali.

Ecco una ripartizione del carico utile sulla missione NG-16:

  • Rifornimento dell’equipaggio: 3.078 libbre (1.396 kg)
  • Indagini scientifiche: 2.346 libbre (1.064 kg)
  • Equipaggiamento del veicolo: 2.286 libbre (1.037 kg)
  • Carico non compresso: 106 libbre (48 kg)
  • Attrezzatura per la passeggiata spaziale: 33 libbre (15 kg)
  • Risorse PC: 98 libbre (44 kg)

Invia una mail all’autore.

Segui Stephen Clark su Twitter: Tweet incorporato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *