La guardia del corpo di Dan Bilgerian è scioccante: “Sono fortunato a vivere”

“Un pugno nello stomaco” sono le immagini della guardia del corpo di Dan Bilzerian, Nikos Aravantinos, all’interno dell’ospedale dopo il violento attacco che ha ricevuto da un gruppo di 30 franco-marocchini discendenti a Mykonos.

Con i brutali colpi in faccia, la guardia del corpo del “Re di Instagram” racconta l’avventura che ha vissuto e afferma di essersi salvato grazie all’intervento di un collega che è caduto su di lui per salvarlo dai violenti colpi.

Cosa nascondono i sondaggi: le opportunità e le insidie ​​delle forbici aperte

Nikos Aravantinos è stato portato in una clinica privata ad Atene due ore fa per un intervento chirurgico alla mascella inferiore. Ha riportato ferite multiple alla testa e al viso.

Programma di attacco

I mori francesi si stavano divertendo in un’area adiacente all’Eden View Aparthotel Suites and Residences on Paradise Beach, di cui la guardia del corpo greca è un collaboratore. Gli ospiti dell’hotel si sono lamentati del rumore dei marocchini francesi, alcuni dei quali lavorano in un ristorante italiano a Mykonos.

Il direttore dell’albergo ha allertato la guardia del corpo, che ha cercato di calmare i francesi marocchini dal loro eccessivo consumo di alcol, ma non erano dell’umore giusto per fermare i disordini.

Si stavano vendicando di lui così ferocemente, che hanno persino minacciato di ferirlo nel caso non si fosse tirato indietro, lasciando che continuassero a divertirsi. Parola dopo parola, Nikos Aravantinos ha iniziato a occuparsi di uno di loro e pochi secondi dopo è stato attaccato da un gruppo di pietre.

“Sono stato colpito da una pietra enorme”

“Mi hanno rotto, sto davvero parlando con te, non ho mai mangiato un legno così”, dice Nikos Aravantinos a protothema.gr.
https://www.youtube.com/watch?v=3ZMlBMgIBUg

READ  Amelia Hamlin perquisisce Scott Disick in mezzo a DM: "Non hai una ragazza?"

“Sono stato colpito alla nuca e sono fortunato che non mi abbiano colpito un punto più in alto”, ha aggiunto, riferendosi al punto in cui è stato colpito da una pietra. E continua: “Se Neocles Tzemos (il suo compagno di squadra) non venisse, continuerebbero a caricarmi di una pietra enorme. Sono stato colpito due volte e la terza volta Neocle gli è saltato addosso e l’ha mangiato. Mi ha davvero salvato la vita”.

Trekking a Famagosta: camminare in una città vuota

Seguire Nel Google News E sii il primo a conoscere tutte le novità
Guarda tutte le ultime da loro Notizie dalla Grecia e dal mondo, da

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *