La crisi economica dell’Africa

La crisi economica dell’Africa

…Gli attori globali stanno esplorando le opportunità all'interno dell'Area di libero scambio continentale africana

Di Kester Ken Klomega

La corsa per il controllo multidimensionale del continente africano da parte degli attori globali è una realtà geopolitica. Per far parte di questa arena geopolitica, gli attori stranieri hanno ideato vari meccanismi per rivitalizzare il partenariato e rafforzare la cooperazione con l’Africa, afferma il Dott. Babafemi A. Badejo, professore di scienze politiche/relazioni internazionali alla Chrisland University, Abeokuta, Nigeria, ed ex professore. Vice Rappresentante Speciale del Segretario Generale delle Nazioni Unite in Somalia.

Aggiunge che molti operatori e investitori stranieri stanno ora cercando di esplorare le numerose opportunità offerte dall’Area di libero scambio continentale africana (AfCFTA). Con una serie di attività economiche attualmente svolte in vari settori, la costruzione di una rete mediatica è uno strumento per aumentare la propria influenza e migliorare la comprensione dei propri interessi aziendali e l’immagine di prodotti e servizi commerciali ampiamente tra un’ampia fascia della popolazione.

Durante questa intervista approfondita, il professor Babafemi A. Badejo crede concretamente che la Russia stia adottando un’agenda africana globale e un approccio ben definito nella sua diplomazia economica, e che debba compiere passi esagerati per aumentare la propria influenza economica in Africa.

Aggiunge che, in confronto, gran parte dell'immagine della Russia non viene promossa attraverso i media in Africa, e suggerisce che la Russia potrebbe utilizzare i media in modo simile per fornire più servizi di consulenza alle proprie aziende, in secondo luogo progettando una diplomazia di sensibilizzazione pubblica (attività orientate alle persone in generale ). ) che potrebbe contribuire a cambiare le percezioni negative e i dubbi comuni tra la popolazione africana, stimata in circa 1,4 miliardi di persone. Ecco alcuni estratti dell’intervista:

Come descriveresti il ​​panorama dei media e quali attori stranieri collaborano costantemente con i partner africani nello spazio mediatico del continente?

READ  Cường kích Nga áp sát chiến hạm Mỹ trên Biển Đen

I media tradizionali hanno in gran parte seguito i dettami della distribuzione del potere globale. A questo proposito, la dominazione coloniale del passato è rimasta di grande importanza in quasi tutti i territori africani. Ciò è stato particolarmente vero nei paesi dell’Africa sub-sahariana che hanno mantenuto le lingue urbane come lingua franca. Gli Stati Uniti, in quanto potenza dominante, avevano il vantaggio iniziale di utilizzare l’inglese come lingua di comunicazione nella maggior parte dell’Africa. Ha continuato ad aggiungere abilità sociali e tecnologiche per dominare i media tradizionali e nuovi, in particolare i social media oggi.

Pensi che i media avranno un ruolo cruciale nella costruzione di relazioni bilaterali efficaci per gli attori stranieri con l’Africa?

I media, in quanto ausilio fondamentale nella percezione della realtà, giocheranno sempre un ruolo cruciale nella costruzione delle relazioni bilaterali tra attori a livello internazionale. Ciò indipendentemente dalla lingua utilizzata come mezzo di interazione. In effetti, i media sono uno strumento cruciale nell’espressione della diplomazia, in particolare nelle interazioni informali tra paesi.

Quali sono gli attori globali più desiderosi di aggiungere una dimensione extra allo sviluppo, sfruttandola soprattutto per rafforzare la propria immagine in tutta l’Africa?

La moderna fuga verso l’Africa è iniziata. Molte grandi potenze, tra cui i cinque membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e diverse potenze emergenti, stanno lottando per una parte dell’azione in Africa. Ottenere una parte di ciò che l’Africa ha da offrire è più importante di qualsiasi potenza voglia sviluppare l’Africa. È una situazione in cui tutti cercano di massimizzare i media per il proprio interesse.

Quali problemi dobbiamo attualmente affrontare nel modellare il moderno panorama dei media e le prospettive di cooperazione nel campo dell’informazione?

Il vantaggio tecnologico dell’Occidente e la posizione dominante di molte aziende occidentali che forniscono servizi di informazione determineranno, per lungo tempo, il panorama dei media africano. Altri non sono necessariamente bloccati. Gli sforzi antiegemonici potrebbero includere la creazione di partenariati con entità africane sul flusso di informazioni con i media africani locali.

READ  上班族擁1億存款!「30年自律生活」曝 網敬佩:不簡單 | 新奇 | NOWnews今日新聞

Le normative regionali e nazionali, le dinamiche sociali, culturali e linguistiche e le ideologie sono alcune delle questioni che influenzano le prospettive di cooperazione nel panorama dei media. Ma le tecnologie odierne stanno colmando le lacune linguistiche. Altri escono dalle loro zone di comfort linguistico per costruire attributi popolari di soft power e influenzare gli africani.

Alla luce di quanto hai detto sopra, quale ruolo e posto assegneresti oggi alla Russia nel campo dell’informazione in Africa?

L’Unione Sovietica, in quanto grande potenza nel secondo dopoguerra, ha avuto una significativa influenza mediatica in Africa. Tuttavia, questa grande influenza non fu trasferita alla Russia come principale stato successore dell’Unione Sovietica. Non si è nemmeno spostato in altri stati del gruppo. Resta molto facile per gli Stati Uniti o l’Occidente in generale sfruttare la propria ampia presenza mediatica per determinare molto nello spazio africano in termini di flusso di media e informazioni. I nuovi giganti della tecnologia, essendo americani, hanno contribuito e continuano ad approfondire il controllo dell’informazione da parte dell’Occidente in Africa. Questa stretta mortale ha reso l’interazione bilaterale tra l’Occidente e l’Africa molto più semplice di quanto sarebbe stata altrimenti. Nel campo dell’informazione, la Russia può essere in prima linea tra i paesi che offrono soluzioni alternative praticabili.

Che ruolo possono svolgere i media africani nel migliorare l'immagine della Russia in Africa e quali sono le aspettative della Russia dopo i due vertici?

Il graduale impegno della Russia potrebbe essere rafforzato attraverso la diffusione dei media africani e una maggiore conoscenza di tali impegni da parte della Russia. Ospitare vertici contribuirebbe molto bene alla promozione degli sforzi della Russia nel dialogo con i leader africani. Tuttavia, il rafforzamento delle relazioni con il continente africano richiederà più di un singolo evento con i leader africani che godono di diversi livelli di legittimità in termini di performance o di mancanza di essa nei loro paesi.

READ  KORONAVÍRUS Kamarátky (29, 28) išli dovolenkovať na Ibizu: Netušili, aká pohroma ich tam čaká!

Il desiderio russo di impegnarsi maggiormente con l’Africa deve andare oltre la cattiva reputazione dei fucili AK-47, la vendita generale di armi e la partecipazione alle guerre per raggiungere la pace in Africa. I media africani dovrebbero avere l’opportunità di riferire di più sulla presenza delle aziende russe in Africa e sul loro valore aggiunto per il raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile in Africa. Questa presenza istituzionale può sostenere la costruzione dell'immagine mediatica della Russia in Africa impegnandosi in attività orientate alle persone in generale.

Molti esperti africani di lingua russa formati dall’Unione Sovietica sono ancora in grado di promuovere il nuovo impegno russo in Africa attraverso numerose attività riportate utilizzando i media che collegano la Russia a molti paesi africani. Ciò andrebbe oltre il concentrarsi sull’Unione Africana o sul sostenere i governi africani alle Nazioni Unite, cosa raramente nota alla popolazione africana a causa della debole partecipazione dei media.

È interessante notare che attualmente l'immagine della Russia non viene promossa dai media africani. Nella migliore delle ipotesi, nei media africani prevale la percezione e la narrativa occidentale della Russia. La Russia deve fare di più nell’uso dei media per raccontare la sua storia e il suo interesse per l’Africa. Le barriere sociali, culturali e linguistiche devono essere abbattute. In ultima analisi, la Russia deve compiere sforzi consistenti per costruire la propria rete mediatica che può svolgere un ruolo chiave nel rafforzamento delle relazioni con l’Africa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *